Martedì 27 Settembre 2022 | 01:30

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,79%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,13%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,79%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,43%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,02%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

25,99%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,74%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,55%

Movimento 5 Stelle

 

IL CASO DELLA SANITA'

Ospedale Nord di Fasano, completamento in ritardo

Ospedale Nord di Fasano, completamento in ritardo

Il cantiere dell'ospedale Nord di Fasano

Le procedure di gara per arredi e attrezzature vanno a rilento. Invitata la Asl di Bari a ricalibrare la tempistica

13 Settembre 2022

Redazione Brindisi

Non lavori fermi nè in grave ritardo, per carità, ma qualche rallentamento nelle procedure di gara, questo sì.
Ieri a Bari, dopo il rinvio dal 5 settembre scorso, in Consiglio regionale si è parlato dell’ospedale Nord di Fasano, quello chiamato a venire incontro ad un’utenza che abbraccia il comune più popoloso del Brindisino assieme a Cisternino, parte della valle d’Itria, senza dimenticare Monopoli. «Si procede nei lavori ma persistono difficoltà. Per il nuovo ospedale di Taranto si è risolto il problema delle risorse necessarie per bandire le gare per l’acquisto di arredi e attrezzature, pari ad euro 105milioni, ma temo lo slittamento del termine di fine lavori del 18 novembre 2022, a causa dei ritardi accumulati sinora e che impediscono la realizzazione dell’ultimo 15 per cento delle lavorazioni. Per quanto riguarda il nuovo ospedale Monopoli-Fasano, invece, registro un sostanziale rispetto dei tempi in vista del fine lavori previsto per il 25 aprile 2025, ossia tra 224 giorni, ma un rallentamento delle procedure di gara per l’acquisto di arredi e attrezzature».

Parole di Fabiano Amati, presidente della Commisisone regionale Bilancio al termine della seduta. Egli ha poi aggiunto: «La gran parte di tali gare, infatti, non sono state ancora pubblicate, facendo saltare il precedente cronoprogramma. Per questi motivi ho invitato la Asl di Bari a ricalibrare il cronoprogramma, sempre sulla base dello stesso fine lavori del 25 aprile 2023 - ha aggiunto -, così da non ritrovarci nella situazione di un ospedale finito nella parte edilizia ma inservibile nella parte sanitaria».

E con riguardo ad ambo gli argomenti discussi ieri: «In linea generale e per entrambe le strutture mi pare che non dovrebbero riservare sorprese le questioni relative al rispetto del cronoprogramma e all’eventuale aumento dei costi; la delibera Anac del maggio scorso in materia di Covid e conflitto bellico, relativa al riconoscimento di cause di forza maggiore - ha osservato Amati -, non mi pare contenga presupposti utilizzabili nei casi dei nuovi ospedali, e in questo senso assicureremo una stretta vigilanza, così da evitare ritardi o maggiori costi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725