Mercoledì 08 Luglio 2020 | 01:45

NEWS DALLA SEZIONE

E' ricoverato
Da Milano in vacanza a Villanova: turista va in ospedale, positivo al Covid

Da Milano in vacanza a Villanova: turista va in ospedale, positivo al Covid

 
tra carovigno e brindisi
In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

 
L'incidente
Mesagne, scontro tra due auto. Muore un anziano

Mesagne, scontro tra due auto sulla complanare: muore un anziano

 
Il caso
Fasano, la Tari è da pagare, Conforama deve al Comune 300mila euro

Fasano, la Tari è da pagare: Conforama deve al Comune 300mila euro

 
In serata
Latiano, agguato sotto casa a sorvegliato speciale: feriti lui e la moglie

Latiano, agguato sotto casa a sorvegliato speciale: feriti lui e la moglie

 
nel brindisino
Ostuni, carabiniere fuori servizio salva ragazzina picchiata dal fidanzato: 19enne arrestato

Ostuni, carabiniere fuori servizio salva ragazzina picchiata dal fidanzato: 19enne arrestato

 
in città
Brindisi, esplodono le condotte dell’acqua

Brindisi, esplodono le condotte dell’acqua: disagi

 
Nel brindisino
Bruciati automezzi di una casa vinicola a Cellino San Marco

Cellino San Marco, bruciati automezzi di una casa vinicola

 
I controlli dei cc
Brindisi, scovati 11 «furbetti»del reddito di cittadinanza : avevano percepito 44mila euro da febbraio

Brindisi, scovati 11 «furbetti»del reddito di cittadinanza : avevano percepito 44mila euro da febbraio

 
SOLIDARIETÀ
Brindisi, ponte aereo europeo: partito primo dei tre voli umanitari per Mogadiscio

Brindisi, ponte aereo europeo: partito primo dei tre voli umanitari per Mogadiscio

 
Traffico droga
Fasano, sequestrati 20 kg di cocaina: due arresti

Sequestrati 20 kg di cocaina vicino Latina: arrestati anche 2 fasanesi

 

Il Biancorosso

Serie C
Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa scoperta
Giallo a Ruvo, resti umani di tre donne trovati in un pozzo

Giallo a Ruvo, resti umani di tre donne trovati in un pozzo

 
BrindisiE' ricoverato
Da Milano in vacanza a Villanova: turista va in ospedale, positivo al Covid

Da Milano in vacanza a Villanova: turista va in ospedale, positivo al Covid

 
TarantoPreso dai Cc
Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

 
Potenzaper 24 tifosi
Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

 
Batper i dipendenti
Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

 
Foggial'episodio a giugno
Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

 
MateraIl caso
Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

 

i più letti

La storia

Francavilla, storia di Jebril, quando l’integrazione è possibile

Jebril Diallo, ragazzo della Guinea appena maturato al »Fermi», scrive una lettera di ringraziamento a tutti coloro che lo hanno accompagnato in questo percorso

Francavilla, storia di Jebril, quando l’integrazione è possibile

FRANCAVILLA «Ringrazio tutti coloro che mi hanno accompagnato fino a questo punto, miei amici di classe; ragazzi vi voglio tanto bene. Con voi sono stato Jebril non uno straniero o emigrante, mi avete trattato come un fratello, è stato un bellissimo anno».

Sono parole di Jebril Diallo, un neodiplomato all’Istituto Tecnico «Fermi», guidato dalla dirigente Beatrice Monopoli. La sua è una storia bella e commovente, riassunta in una mail, inviata alla professoressa Carmela Di Bianca (vice preside del <Fermi>), con un titolo che dice già tutto: «Voglio solo dire grazie».

Jebril, partito dalla Guinea, dopo essere stato in Libia in situazioni difficili, nel 2016 è sbarcato a Brindisi. «Non sapevo – scrive il giovane – che potevo integrarmi così tanto in questa società italiana, ma io non ho mollato sin dal mio primo giorno». Così ha frequentato la scuola del Centro di accoglienza per imparare l’italiano e poi la scuola media a Brindisi. «Durante la terza media – dice Jebril – scrivevo tanto, tante poesie. Andavo sempre a leggere le mie poesie davanti agli altri ragazzi e durante gli eventi organizzati dal Centro». Dopo aver conseguito il diploma di scuola media, Jebril ha lavorato come mediatore culturale, ma poi ha deciso di continuare ancora, perché volevo «fare qualcosa – dice – che ha valore per me e per il mio futuro».
Un giorno era seduto al porto di Brindisi, guardava il mare e ricordava da dove era venuto, allora chiama la madre e gli dice che vuole tornare a scuola.

«Lei - dice Jebril - mi dice che va bene, anche se mi ricorda che era un po’ tardi perché avevo già 20 anni, ma io ho detto che volevo comunque provare».

Jebril cosi, con impegno e sacrificio, frequenta un Istituto scolastico privato e supera i quattro anni di scuola superiore, ottenendo quindi l’ammissione a frequentare il quinto ed ultimo anno.

L’ultimo anno decide di frequentarlo in un Istituto statale, perché economicamente Jebril si prende cura anche dei suoi genitori, che sono in Guinea. Su consiglio di una signora che ha conosciuto, viene indirizzato all’Istituto <Fermi>, dove viene ricevuto dalla professoressa Di Bianca, la quale gli assicura – come egli stesso scrive – che «andrà tutto bene. 
«Adesso – dice Jebril – una parte del mio futuro è stata realizzata grazie all’accoglienza e alla fiducia in me».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie