Giovedì 04 Giugno 2020 | 12:09

NEWS DALLA SEZIONE

L'intimidazione
Ostuni, incendiata auto a ex sindaco

Ostuni, incendiata auto in pieno giorno: terzo attentato all' ex sindaco

 
brindisi
L’intesa col sindaco Rossi alla base dello sblocco degli impianti di Versalis

L’intesa col sindaco Rossi alla base dello sblocco degli impianti di Versalis

 
Ambiente
Oasi Torre Guaceto

Brindisi, Consorzio di Torre Guaceto unico ente italiano al «Monaco Blue Initiative»

 
stalking
Ostuni, telefonate notturne e minacce alla collega: nei guai un 22enne

Ostuni, telefonate notturne e minacce alla collega: nei guai un 22enne

 
l'accordo
Petrolchimico Brindisi, in serata arriva l'intesa: Comune revoca sospensione

Petrolchimico Brindisi, in serata arriva l'intesa: Comune revoca sospensione

 
versalis
Petrolchimico Brindisi, Comune valuta revoca ordinanza chiusura

Petrolchimico Brindisi, Comune valuta revoca ordinanza chiusura

 
controlli della Ps
Brindisi, 13 persone assembrate intorno al biliardo: sala giochi chiusa per 5 giorni

Brindisi, 13 persone assembrate intorno al biliardo: sala giochi chiusa per 5 giorni

 
Inquinamento
Brindisi, il sindaco: sblocco se Versalisi investe su salute e lavoro

Brindisi, il sindaco Rossi: «Sblocco se Versalis investe su salute e lavoro»

 
FASE 2
Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

 
Controlli dei CC
San Pietro Vernotico, nascondevano sul balcone piantine di marijuana e mezzo chilo di «erba»: 2 giovani arrestati

San Pietro Vernotico, nascondevano sul balcone piantine di marijuana e mezzo chilo di «erba»: 2 giovani arrestati

 
il provvedimento
Brindisi, agenzia accusata di noleggio: auto sequestrate

Brindisi, sequestrate 16 auto noleggiate da agenzia che opera in aeroporto

 

Il Biancorosso

serie C
C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materadalla polizia
Matera, palpeggia 17enne che cammina per strada: arrestato 46enne

Matera, palpeggia 17enne che cammina per strada: arrestato 46enne

 
Foggianel foggiano
San Severo, in casa eroina e cocaina: giovane pusher ai domiciliari

San Severo, in casa eroina e cocaina: giovane pusher ai domiciliari

 
BrindisiL'intimidazione
Ostuni, incendiata auto a ex sindaco

Ostuni, incendiata auto in pieno giorno: terzo attentato all' ex sindaco

 
Potenzatrasporto ferroviario
Potenza, il 14 giugno riparte Frecciarossa Taranto-Potenza-Milano

Potenza, il 14 giugno riparte Frecciarossa Taranto-Potenza-Milano

 
PotenzaLa decisione
Maratea, via libera ad una struttura sanitaria dedicata al coronavirus

Maratea, via libera ad una struttura sanitaria dedicata al coronavirus

 

i più letti

Evento eccezionale

Ostuni, schiuse le uova di fratino nel parco delle Dune Costiere

Un evento senza precedenti, considerata la diffidenza dell'uccellino e la presenza di turisti

Ostuni, schiuse le uova di fratino nel parco delle Dune Costiere

Piccoli uccellini di «Fratino» vengono alla luce sulla costa ostunese grazie all’impegno di Enzo Suma, dell’Arif e di alcuni volontari che hanno sorvegliato costantemente le uova deposte lungo uno dei tratti di costa del parco delle Dune Costiere del litorale ostunese che quest’anno ha scelto di nidificare in questo sito.
Diffidente e sospettoso, il fratino tende ad allontanarsi dal nido anche in assenza di reale pericolo: è sufficiente camminare a qualche decina di metri di distanza dal nido per farlo allontanare dalla cova e, per evitare ciò, visto che la zona in questo periodo è piena di bagnanti e gente che passeggia, c’è voluto l’intervento dell’uomo per permettere che l’uccello covasse le tre uova senza essere disturbato.

«Un evento che vale molto più di qualsiasi riconoscimento o bandiera – ha detto Suma - e si tratta di un evento eccezionale che dimostra l’importanza naturalistica della costa, soprattutto il litorale che va da Monticelli verso Carovigno il quale presenta dei piccoli tratti dove è minore la presenza dell’uomo e quindi ideale per la nidificazione di questo piccolo uccello. Ogni nido trovato è un evento straordinario ed è una possibilità in più per la sopravvivenza di una specie a rischio estinzione, oltre ad essere un bellissimo e positivo segnale del grado di naturalità presente sulle nostre coste, attendiamo adesso che nascano i tre piccoli fratini».

Questo nido preservato da Suma, è stato il settimo di quest’anno monitorato e, fortunatamente, posto in un luogo poco frequentato dai bagnanti. «I pericoli sono fondamentalmente due – ha spiegato Suma – da un lato il rischio che le uova deposte a terra vengano calpestate e, dall’altro quello di disturbare la cova attraverso il passeggio o semplicemente sostando nelle vicinanze del nido. Così, insieme a chi ha preso a cuore la causa, mi sono occupato di mettere in sicurezza il luogo scelto per la deposizione, delimitando l’area e segnalando la presenza attraverso l’installazione di alcuni cartelli. L’intera zona è stata oggetto di stretta sorveglianza soprattutto da parte dell’ARIF, i cui agenti, già impegnati a svolgere un lavoro di controllo per ridurre il rischio di incendi, hanno vigilato per alcune ore al giorno il nido, facendo in modo che nessuno oltrepassasse la recinzione. Nel corso di queste 3 settimane di cova, molte persone sono state informate sul comportamento di questo uccello. Tutti hanno compreso l’importanza di tutelare una specie a rischio estinzione; tante le persone che negli ultimi giorni hanno chiesto notizie sulla nascita dei piccoli così come ci sono stati anche casi di persone che, nonostante il nastro di sicurezza e i cartelli informativi, hanno scavalcato la recinzione dirigendosi proprio in direzione del nido. Ai primi di luglio i temporali hanno rischiato di compromettere la nascita di nuovi piccoli perché in tre occasioni si è dovuto intervenire nel rimuovere l’acqua accumulatasi nel nido dopo le piogge».

«Dopo tanti sacrifici e tante ore sotto il sole – ha concluso Suma – si è potuto festeggiare il lieto evento. Le tre uova si sono schiuse e questo rappresenta un grande successo se si pensa che, senza il nostro intervento, il nido sarebbe andato distrutto a causa della presenza dell’uomo. Adesso i pulcini sono già indipendenti ma rimane per loro il pericolo più grande, quello dei cani non condotti al guinzaglio che potrebbero, anche per gioco, afferrare uno dei piccoli e causarne la morte. Ci auguriamo che presto i pulcini possano spiccare il primo volo>.

Il <Fratino> fa parte di una specie in via d´estinzione, gravemente minacciata dall´antropizzazione, dall´inquinamento e dai cambiamenti climatici lungo la costa ostunese e all´interno dell’area umida retrodunale della zona naturale protetta e, il controllo dei volontari, ha permesso che la nidificazione avesse il <lieto fine>.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie