Venerdì 25 Settembre 2020 | 07:46

NEWS DALLA SEZIONE

Coronavirus
Brindisi, 12 contagiati al pranzo di nozze: anche un bimbo, in isolamento 30 di un asilo

Brindisi, 12 contagiati al pranzo di nozze: anche un bimbo, in isolamento 30 di un asilo

 
il provvedimento
Ostuni, truffava commercianti e imprenditori: 49enne arrestato dalla Ps

Ostuni, truffava commercianti e imprenditori: 49enne arrestato dalla Ps

 
Arrestati e scarcerati
Brindisi, fiamme in casa: vanno in strada, se le danno di santa ragione e poi aggrediscono i Cc

Brindisi, fiamme in casa: vanno in strada, se le danno di santa ragione e poi aggrediscono i Cc

 
Il fatto
Brindisi, investe su diamanti e perde tutto

Brindisi, investe su diamanti e perde tutto

 
In 60 anni
Brindisi, Roma e Milano nella top 100 delle città «più calde» d'Europa

Brindisi, Roma e Milano nella top 100 delle città «più calde» d'Europa

 
Controlli dei CC
Ceglie Messapica, a spasso con 5 «cipolle» di cocaina: arrestato 26enne

Ceglie Messapica, a spasso con 5 «cipolle» di cocaina: arrestato 26enne

 
Il caso
Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

 
Malavita
Francavilla, la casa bazar delle droghe

Francavilla, scoperta casa «bazar» delle droghe: 4 in manette

 
nel Brindisino
Pezze di Greco, geloso massacra la «ex» davanti alla figlioletta

Pezze di Greco, geloso massacra la ex davanti alla figlioletta

 
Ambiente
Brindisi, misteriosa moria di pesci in un laghetto delle Saline Indagano i Cc Forestali

Brindisi, misteriosa moria di pesci in un laghetto delle Saline: indagano i Cc Forestali

 

Il Biancorosso

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiCoronavirus
Brindisi, 12 contagiati al pranzo di nozze: anche un bimbo, in isolamento 30 di un asilo

Brindisi, 12 contagiati al pranzo di nozze: anche un bimbo, in isolamento 30 di un asilo

 
BariL'udienza
Processo Pop Bari, in 1.500 chiedono di costituirsi parte civile contro Jacobini

Processo Pop Bari, in 1.500 chiedono di costituirsi parte civile contro Jacobini

 
HomeIl delitto
Lecce, arbitro e fidanzata uccisi: su Eleonora almeno 30 coltellate

Lecce, arbitro e fidanzata uccisi: su Eleonora almeno 30 coltellate

 
BatAl Cafiero
Barletta, studente positivo: chiuso per due giorni liceo scientifico

Barletta, studente positivo al Covid: chiuso per due giorni liceo scientifico

 
FoggiaOrdinanza
Covid Foggia, obbligo mascherina e chiusi domenica i centri commerciali

Covid Foggia, obbligo mascherina e chiusi domenica i centri commerciali

 
NewsweekL'evento
Castellaneta, i segreti dei 100 anni di nonna Angela? Una vita in campagna

Castellaneta, i segreti dei 100 anni di nonna Angela? Una vita in campagna

 
PotenzaL'opera
Potenza, un team italo svizzero restaurerà il Ponte Musmeci

Potenza, un team italo svizzero restaurerà il Ponte Musmeci

 

i più letti

La storia a lieto fine

Latiano, i ragazzi del centro «Si può fare» liberano la tartaruga Minù

Nell’Area Marina Protetta di Torre Guaceto è avvenuta la liberazione della giovane tartaruga

Latiano, i ragazzi del centro «Si può fare» liberano la tartaruga Minù

BRINDISI - Mercoledì scorso presso l’Area Marina Protetta di Torre Guaceto è avvenuta la liberazione della giovane tartaruga «Minù», alla presenza degli ospiti del Centro diurno socio-educativo e riabilitativo «Si Può Fare» di Latiano.
I giovani ospiti del centro diurno latianese avevano già incontrato la tartaruga caretta caretta, un esemplare di 5 anni recuperato a febbraio nella zona di Fasano in fortissimo stato di denutrizione, poi accolto e curato presso il centro di recupero “Gino Cantoro” di Torre Guaceto. La giovane testuggine non si alimentava da tantissimo tempo, poiché aveva lo stomaco pieno di plastica, infatti al momento del ricovero i veterinari temevano il peggio. Dopo le cure, però, Minù ha ritrovato la salute e da mercoledì anche il mare aperto. Era stati proprio gli ospiti del centro diurno socio-educativo e riabilitativo latianese a battezzare la testuggine «Minù», uno splendido esemplare di tartaruga marina che mercoledì mattina ha ritrovato il mare aperto e adesso nuota in libertà, con la consapevolezza di avere tanti amici speciali che le hanno donato amore e non la dimenticheranno mai.

«Abbiamo accolto i ragazzi della cooperativa sociale Si Può Fare onlus - afferma il presidente del Consorzio di gestione di Torre Guaceto, Corrado Tarantino - con grande gioia, con lo stesso spirito che ci spinge a lavorare sodo quotidianamente affinché la Riserva possa essere fruita anche da chi risente di problematiche fisiche. A loro abbiamo voluto dedicare la liberazione di Minù, che abbiamo fatto muovendo dalla pedana per persone diversamente abili del nostro lido, proprio affinché tutti potessero parteciparvi, senza impedimento alcuno. Il Consorzio di gestione di Torre Guaceto - conclude Tarantino - ha a cuore le tematiche dell’uguaglianza sociale e il nostro obiettivo è quello di allargare sempre più la grande famiglia composta da chi ama e rispetta la nostra meravigliosa Riserva». L’evento del ritorno alla vita di Minù è stato di quelli veramente difficili da dimenticare per i giovani diversabili del “Si Può Fare“, che hanno vissuto da vicino, non senza un pizzico di emozione, le fasi di liberazione della tartaruga Minù. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie