Mercoledì 22 Gennaio 2020 | 19:09

NEWS DALLA SEZIONE

Intimidazione
Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

 
Nel Brindisino
Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

 
Nel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
La tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
Buon compleanno
Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

 
Nel Brindisino
S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

 
Il caso
Mesagne, villa con piscina e carrozzerie allacciate abusivamente a rete elettrica: 3 indagati

Mesagne, villa con piscina e carrozzerie allacciate abusivamente a rete elettrica: 3 indagati

 
La storia
Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

 
Abusivismo
Ceglie Messapica, case popolari occupate: 26 denunce

Ceglie Messapica, case popolari occupate: 26 denunce

 
Un 26enne
Ceglie Messapica, guida l'auto dopo aver bevuto e si scontra con un furgone: denunciato

Ceglie Messapica, guida l'auto dopo aver bevuto e si scontra con un furgone: denunciato

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari in nottuna al San Nicola (ore 20.45) contro la Sicula Leonzio

Bari in notturna al San Nicola contro la Sicula Leonzio.
Segui la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariDelitto Sciannimanico
Bari, i giudici di appello sul killer Perilli: mai pentito dell'omicidio

Bari, i giudici di appello sul killer Perilli: mai pentito dell'omicidio

 
FoggiaIl Riesame
Foggia, torna libero dopo 3 mesi ex parlamentare Angelo Cera

Foggia, torna libero dopo 3 mesi ex parlamentare Angelo Cera

 
BatBat
La vicepresidente della Provincia eletta con zero voti

La vicepresidente della Provincia eletta con zero voti

 
TarantoL'evento
Taranto, Giochi del Mediterraneo 2026, il sindaco incontra ministro Spadafora

Taranto, Giochi del Mediterraneo 2026, il sindaco incontra ministro Spadafora

 
LecceL'annuncio
«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

 
HomeIntimidazione
Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

 
MateraOperazione di CC e Gdf
Matera, truffa e riciclaggio: in cella ex direttore banca. Sequestrato noto ristorante

Matera, truffa e autoriciclaggio: in cella ex direttore di banca. Sequestrato noto ristorante nei Sassi (VD)

 

i più letti

La scoperta

Brindisi, tesori archeologici in fondo al mare

Frammenti di epoche differenti recuperati al largo dell'Oktagona Beach

Brindisi, tesori archeologici in fondo al mare

Frammenti archeologici di inestimabile valore storico sono stati individuati e recuperati dai militari della Capitaneria di porto nelle acque antistanti il lido «Oktagona Beach». A distanza di 27 anni dal ritrovamento dei «Bronzi di Punta del Serrone» il mare torna a restituire importanti tracce storiche del passato. I frammenti, ritrovati ad una profondità di circa un centinaio di metri, sono di varie epoche storiche che vanno dal II secolo A.C. al 1600 e raccontano delle attività che nel corso dei secoli hanno visto protagonista la costa ed il porto di Brindisi con i suoi traffici. Il ritrovamento - confermato dal comandante della Capitaneria di Porto di Brindisi Giovanni Canu - non è casuale ma segue alcune attività svolte nelle scorse settimane dalla Guardia costiera.

«Nei primi giorni della stagione estiva - spiega in una nota stampa la Capitaneria -, grazie all’attenzione e l'impegno quotidiano che il Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera rivolge nel contesto della preservazione e tutela del patrimonio storico-archeologico nazionale, anche con l’ausilio dei propri mezzi e dei subacquei del Nucleo Sommozzatori di San Benedetto del Tronto si è giunti al ritrovamento di alcuni frammenti archeologici presso il litorale brindisino, tra Punta del Serrone e l’Area Marina Protetta di Torre Guaceto». In quei giorni era a Brindisi anche il pattugliatore d’altura Ubaldo Diciotti, nell’ambito della campagna «Plastic Free». La Capitaneria aveva avviato una campagna di prospezione dei fondali delle spiagge in alcuni punti in cui potenzialmente avrebbero potuto trovarsi dei reperti. E la ricerca ha dato importanti risultati con un «ricco» ritrovamento.

La bonifica dell’intera area ha portato al recupero di numerosi reperti archeologici. Ad elencarli è la stessa Capitaneria che ha lavorato «gomito a gomito» Soprintendenza Archeologia e Belle Arti delle Provincie di Brindisi, Lecce e Taranto. Si tratta di: 25 frammenti ceramici di anfore di varia forma; un’anfora con anse senza fondo; 3 colli di anfore con anse; collo di anfora con ansa; una parte di anfora, con collo, anse e pancia; un piede di anfora con frammento pancia facente parte dell’anfora precedente; un frammento di fondo di piatto; 3 colli di anfore con anse; un frammento di collo di anfora senza ansa; un frammento di fondo di anfora e una bigotta con landa di una nave a vela.

I reperti risalgono ad epoche differenti; i più antichi si possono datare a partire dal II secolo A.C. fino all’epoca tardo imperiale. Con la supervisione della Soprintendenza sono state avanzate varie ipotesi ancora sotto indagine. Di particolare importanza è stato il ritrovamento di pezzi di un’anfora di Forlimpopoli, testimonianza dei numerosi scambi commerciali di quella antica città con il Salento (da Forlimpopoli, in particolare, le navi arrivavano portando carbone e ripartivano dopo caricato olio combustibile).
Da ultimo, ma non per rilevanza, è stata trovata una bigotta con landa di una nave a vela molto probabilmente riconducibile ad un relitto del 1600. Tutto il materiale è stato temporaneamente affidato alla Capitaneria di Porto di Brindisi, per il successivo trasferimento alla Soprintendenza.

«L'operazione di ritrovamento dei giorni scorsi - ricorda il capitano di vascello Giovanni Canu - rappresenta, in sintesi, l'attenzione e l'impegno quotidiano che il Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera rivolge nel contesto della tutela del patrimonio storico-archeologico nazionale, anche ai sensi del Decreto Ministeriale 12 luglio 89 “Disposizioni per la tutela delle aree marine di interesse storico, artistico o archeologico” che attribuisce al Corpo proprio questa competenza in mare».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie