Domenica 20 Ottobre 2019 | 14:23

NEWS DALLA SEZIONE

Il sequestro
Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

 
Al centro Le Colonne
Brindisi, maltratta anziano per l'elemosina, poi aggredisce Cc: in manette nigeriano

Brindisi, maltratta anziano per l'elemosina, poi aggredisce Cc: in manette nigeriano

 
Operazione della Polizia
Ostuni, maltrattamenti e lesioni in famiglia: arrestato 44enne

Ostuni, maltrattamenti e lesioni in famiglia: arrestato 44enne

 
Verso Tokyo 2020
Taekwondo, il mesagnese dell'Aquila medaglia di bronzo nel Gp di Sofia

Taekwondo, a Gp Sofia mesagnese dell'Aquila medaglia di bronzo

 
I controlli
Operazione antidroga dei cc: due arresti per spaccio a Brindisi e Latiano

Operazione antidroga dei cc: due arresti per spaccio a Brindisi e Latiano

 
La beffa
Fasano, tornano i ladri di galline: pollaio «svuotato» in due notti

Fasano, tornano i ladri di galline: pollaio «svuotato» in due notti

 
Il batterio killer
Xylella, estirpato a Ostuni un albero che ormai ha infettato gli altri

Xylella, estirpato a Ostuni un albero che ormai ha infettato gli altri

 
La smentita
«A Fasano le notizie false sulla mensa scolastica: niente vermi»

«A Fasano le notizie false sul servizio di refezione scolastica»

 
Le indagini
Brindisi, una fucilata tra i bambini prima del delitto Carvone: altri due arresti

Brindisi, una fucilata tra i bambini prima del delitto Carvone: altri due arresti

 
Preso dalla Polizia
Brindisi, spacciava in casa cocaina e marijuana: in cella un 45enne

Brindisi, spacciava in casa cocaina e marijuana: in cella un 45enne

 
in mattinata
Brindisi, 25 migranti sbarcano al porto: «Siamo curdi»

Brindisi, 25 migranti sbarcano al porto: «Siamo curdi»

 

Il Biancorosso

L'intervista
Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaInvasi semivuoti
Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

 
LecceIL casi
Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

 
BariIl fenomeno
Bari, la nuova guerra dei gazebo colpa di abusi, tolleranze e scelte sbagliate

Bari, la nuova guerra dei gazebo colpa di abusi, tolleranze e scelte sbagliate

 
FoggiaSalgono a due le vittime
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: muoiono marito e moglie

 
TarantoMARINA MILITARE
Taranto, musica e solidarietà insiemesuccesso del concerto "Note d'autunno"

Taranto, musica e solidarietà insieme successo del concerto "Note d'autunno"

 
BrindisiIl sequestro
Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

 

i più letti

La scoperta

Brindisi, tesori archeologici in fondo al mare

Frammenti di epoche differenti recuperati al largo dell'Oktagona Beach

Brindisi, tesori archeologici in fondo al mare

Frammenti archeologici di inestimabile valore storico sono stati individuati e recuperati dai militari della Capitaneria di porto nelle acque antistanti il lido «Oktagona Beach». A distanza di 27 anni dal ritrovamento dei «Bronzi di Punta del Serrone» il mare torna a restituire importanti tracce storiche del passato. I frammenti, ritrovati ad una profondità di circa un centinaio di metri, sono di varie epoche storiche che vanno dal II secolo A.C. al 1600 e raccontano delle attività che nel corso dei secoli hanno visto protagonista la costa ed il porto di Brindisi con i suoi traffici. Il ritrovamento - confermato dal comandante della Capitaneria di Porto di Brindisi Giovanni Canu - non è casuale ma segue alcune attività svolte nelle scorse settimane dalla Guardia costiera.

«Nei primi giorni della stagione estiva - spiega in una nota stampa la Capitaneria -, grazie all’attenzione e l'impegno quotidiano che il Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera rivolge nel contesto della preservazione e tutela del patrimonio storico-archeologico nazionale, anche con l’ausilio dei propri mezzi e dei subacquei del Nucleo Sommozzatori di San Benedetto del Tronto si è giunti al ritrovamento di alcuni frammenti archeologici presso il litorale brindisino, tra Punta del Serrone e l’Area Marina Protetta di Torre Guaceto». In quei giorni era a Brindisi anche il pattugliatore d’altura Ubaldo Diciotti, nell’ambito della campagna «Plastic Free». La Capitaneria aveva avviato una campagna di prospezione dei fondali delle spiagge in alcuni punti in cui potenzialmente avrebbero potuto trovarsi dei reperti. E la ricerca ha dato importanti risultati con un «ricco» ritrovamento.

La bonifica dell’intera area ha portato al recupero di numerosi reperti archeologici. Ad elencarli è la stessa Capitaneria che ha lavorato «gomito a gomito» Soprintendenza Archeologia e Belle Arti delle Provincie di Brindisi, Lecce e Taranto. Si tratta di: 25 frammenti ceramici di anfore di varia forma; un’anfora con anse senza fondo; 3 colli di anfore con anse; collo di anfora con ansa; una parte di anfora, con collo, anse e pancia; un piede di anfora con frammento pancia facente parte dell’anfora precedente; un frammento di fondo di piatto; 3 colli di anfore con anse; un frammento di collo di anfora senza ansa; un frammento di fondo di anfora e una bigotta con landa di una nave a vela.

I reperti risalgono ad epoche differenti; i più antichi si possono datare a partire dal II secolo A.C. fino all’epoca tardo imperiale. Con la supervisione della Soprintendenza sono state avanzate varie ipotesi ancora sotto indagine. Di particolare importanza è stato il ritrovamento di pezzi di un’anfora di Forlimpopoli, testimonianza dei numerosi scambi commerciali di quella antica città con il Salento (da Forlimpopoli, in particolare, le navi arrivavano portando carbone e ripartivano dopo caricato olio combustibile).
Da ultimo, ma non per rilevanza, è stata trovata una bigotta con landa di una nave a vela molto probabilmente riconducibile ad un relitto del 1600. Tutto il materiale è stato temporaneamente affidato alla Capitaneria di Porto di Brindisi, per il successivo trasferimento alla Soprintendenza.

«L'operazione di ritrovamento dei giorni scorsi - ricorda il capitano di vascello Giovanni Canu - rappresenta, in sintesi, l'attenzione e l'impegno quotidiano che il Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera rivolge nel contesto della tutela del patrimonio storico-archeologico nazionale, anche ai sensi del Decreto Ministeriale 12 luglio 89 “Disposizioni per la tutela delle aree marine di interesse storico, artistico o archeologico” che attribuisce al Corpo proprio questa competenza in mare».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie