Sabato 26 Settembre 2020 | 22:52

NEWS DALLA SEZIONE

A Punta della Contessa
Brindisi, allarme morìa di pesci, l’Arpa: «Cause naturali»

Brindisi, allarme morìa di pesci, l’Arpa: «Cause naturali»

 
Controlli dei CC
Mesagne, a spasso con fucile, machete e munizioni: arrestato 29enne ghanese

Mesagne, a spasso con fucile, machete e munizioni: arrestato 29enne ghanese

 
Blitz della Ps
Brindisi, operazione Dda all'alba contro la Scu: eseguite 13 misure cautelari

Brindisi, operazione Dda all'alba contro la Scu: 13 misure cautelari

 
Coronavirus
Brindisi, 12 contagiati al pranzo di nozze: anche un bimbo, in isolamento 30 di un asilo

Brindisi, 12 contagiati al pranzo di nozze: anche un bimbo, in isolamento 30 di un asilo

 
il provvedimento
Ostuni, truffava commercianti e imprenditori: 49enne arrestato dalla Ps

Ostuni, truffava commercianti e imprenditori: 49enne arrestato dalla Ps

 
Arrestati e scarcerati
Brindisi, fiamme in casa: vanno in strada, se le danno di santa ragione e poi aggrediscono i Cc

Brindisi, fiamme in casa: vanno in strada, se le danno di santa ragione e poi aggrediscono i Cc

 
Il fatto
Brindisi, investe su diamanti e perde tutto

Brindisi, investe su diamanti e perde tutto

 
In 60 anni
Brindisi, Roma e Milano nella top 100 delle città «più calde» d'Europa

Brindisi, Roma e Milano nella top 100 delle città «più calde» d'Europa

 
Controlli dei CC
Ceglie Messapica, a spasso con 5 «cipolle» di cocaina: arrestato 26enne

Ceglie Messapica, a spasso con 5 «cipolle» di cocaina: arrestato 26enne

 
Il caso
Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

 

Il Biancorosso

Serie C
bari calcio, mister Auteri: « A Francavilla imporremo nostro gioco»

Bari calcio, mister Auteri: « A Francavilla imporremo nostro gioco»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materaturiste minorenni violentate
Stupro a Marconia, al via incidente probatorio: una delle vittime ha riconosciuto i 4 indagati

Stupro a Marconia, al via incidente probatorio: una delle vittime ha riconosciuto i 4 indagati

 
BariIl caso
Bari, il lungomare di Santo Spirito è al buio da 2 giorni: l'allarme dei cittadini

Bari, il lungomare di Santo Spirito è al buio da 2 giorni: l'allarme dei cittadini

 
PotenzaIl virus
Coronavirus in Basilicata, 4 nuovi positivi a Potenza: tutti della stessa famiglia

Coronavirus in Basilicata, 4 nuovi positivi a Potenza: tutti della stessa famiglia

 
TarantoA Torre Ovo
Taranto, marito e moglie entrambi poliziotti salvano anziano dalla furia del mare

Taranto, marito e moglie entrambi poliziotti salvano anziano dalla furia del mare

 
BrindisiA Punta della Contessa
Brindisi, allarme morìa di pesci, l’Arpa: «Cause naturali»

Brindisi, allarme morìa di pesci, l’Arpa: «Cause naturali»

 
LecceControlli dei CC
Poggiadro, coppia di pusher nascondevano in casa cocaina e marijuana: due in manette

Poggiardo, coppia di pusher nascondeva in casa cocaina e marijuana: arrestati

 
GdM.TVTragedia sfiorata
Foggia, auto contro carro-attrezzi sulla SS16: ferita donna, trasportata in elisoccorso

Foggia, auto contro carro-attrezzi sulla SS16: ferita donna, trasportata in elisoccorso

 

i più letti

Provoca il cancro

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

La sostanza è presente oltre i limiti consentiti: paura per il personale

Il posto fisso di Polizia rischia di scomparire

Livelli di formaldeide (sostanza altamente cancerogena) in concentrazione superiore di dieci volte il limite consentito all’interno dell’Unità operativa complessa (Uoc) di Anatomia patologica dell’ospedale Perrino. Una situazione di altissimo pericolo per medici, infermieri e tutto quel personale che ogni giorno lavora all’interno della struttura che si protrae da anni e su cui sembrerebbe non ci sia possibilità di soluzione.


«Non intendiamo vivere una nuova ThyssenKrupp, anche perché siamo in una Asl ove la gente si reca per curarsi, non per morire a causa della inerzia di chi avrebbe già da tempo dovuto spostare la UOC di Anatomia Patologica», denunciano il segretario della Funzione pubblica Cgil Pancrazio Tedesco e il segretario generale della Camera del lavoro di Brindisi Antonio Macchia. Il paragone è forte ma la sicurezza sui luoghi di lavoro è messa a serio rischio per quanti lavorano ogni giorni nella struttura sanitaria col triste paradosso che, proprio chi si occupa di curare la gente, rischi di ammalarsi seriamente.
«In data 11.12.2017 - registrano Macchia e Tedesco - il piano delle Azioni di miglioramento della Uoc di Anatomia Patologica, contenute nel Documento di valutazione del rischio (Dvr) adottato con delibera 2133/17, espressamente disponeva la necessità di reperire nuovi locali presso cui trasferire la Uoc medesima. Valutazione questa mutuata dalla Scheda rilevazione dei rischi elaborata sin dal Giugno 2009 dal Servizio Prevenzione e Protezione Aziendale! Si diceva nel Dvr che gli spazi erano insufficienti a contenere le attrezzature, le altezze dei soffitti non risultavano a norma e gli spazi antistanti l'ascensore ed i bagni dei lavoratori erano occupati da prodotti chimici infiammabili e pericolosi». Una situazione nota da ben dieci anni.
«A distanza di tanto tempo, ad oggi, la Uoc di Anatomia Patologica - denunciano i due segretari - non è stata trasferita in locali idonei, né si è provveduto a provare di bonificare gli esistenti; elemento questo impossibile da attuarsi considerata la sua inadeguatezza strutturale della porzione di immobile (fra l’altro, soffitti inferiori a tre metri)».


La situazione è diventata ormai insostenibile.
«Da diverso tempo - spiegano Tedesco e Macchia - il personale impiegato nella Uoc accusa malori ingiustificati e tanto oramai è divenuto intollerabile. La risposta è semplice: da diverso tempo i monitoraggi ambientali hanno fatto emergere livelli di formaldeide fuori dalla norma. Adesso hanno raggiunto un limite non più tollerabile, e l'esposizione per il personale dipendente a patologie molto serie è una realtà con cui fare i conti». Il pericolo è quindi conclamato.
«Da ultimo - aggiungono i due sindacalisti -, a seguito dell'ennesimo sopralluogo effettuato nei locali, e dopo aver rilevato una concentrazione di formaldeide non più tollerabile, il Servizio di sorveglianza sanitaria ha prescritto l'uso di Dpi (Dispositivi di protezione individuale) durante l'orario di lavoro "a permanenza". Siamo nel 2019, non è più tollerabile che in un presidio così importante i lavoratori siano costretti a proteggersi per svolgere un lavoro che non dovrebbe avere situazioni così estreme di pericolo della salute. Perché di questo si tratta, a causa di queste esposizioni i lavoratori dovranno sottoporsi a visite mediche trimestrali, perché la formaldeide è una sostanza fortemente cancerogena».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie