Lunedì 27 Gennaio 2020 | 06:28

NEWS DALLA SEZIONE

In piazza
Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

 
Una 50enne romena
Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

 
Le dichiarazioni
Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

 
L'annuncio
Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

 
Nel Brindisino
Ceglie Messapica, due cadaveri trovati in una casa: indagano i carabinieri

Ceglie Messapica, trovati morti in casa: si sono uccisi a coltellate dopo una lite

 
Nel Brindisino
Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

 
L'iniziativa
Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

 
nel brindisino
Ceglie Messapica, in casa pistole, gioielli, quadri e 5mila euro: arrestato

Ceglie Messapica, in casa pistole, gioielli, quadri e 5mila euro: arrestato

 
Il caso
Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

 
Operazione della Polizia
Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

 
Nel Brindisino
Fasano, ha il divieto di avvicinamento e incendia auto degli amici dell'ex compagna: arrestato

Fasano, incendiava auto degli amici dell'ex compagna: arrestato stalker

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato. Alle 15 la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatESERCITO
Barletta, tutti di corsa per la "Toro Ten"1.300 partecipano alla gara con le stellette

Barletta, tutti di corsa per la «Toro Ten»
1.300 partecipano alla gara con le stellette

 
HomeLa tragedia
San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

 
HomeAggressione
Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

 
BrindisiIn piazza
Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

 
PotenzaCittà europea dello sport 2021
Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

 
LecceIl video
San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 

i più letti

Provoca il cancro

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

La sostanza è presente oltre i limiti consentiti: paura per il personale

Il posto fisso di Polizia rischia di scomparire

Livelli di formaldeide (sostanza altamente cancerogena) in concentrazione superiore di dieci volte il limite consentito all’interno dell’Unità operativa complessa (Uoc) di Anatomia patologica dell’ospedale Perrino. Una situazione di altissimo pericolo per medici, infermieri e tutto quel personale che ogni giorno lavora all’interno della struttura che si protrae da anni e su cui sembrerebbe non ci sia possibilità di soluzione.


«Non intendiamo vivere una nuova ThyssenKrupp, anche perché siamo in una Asl ove la gente si reca per curarsi, non per morire a causa della inerzia di chi avrebbe già da tempo dovuto spostare la UOC di Anatomia Patologica», denunciano il segretario della Funzione pubblica Cgil Pancrazio Tedesco e il segretario generale della Camera del lavoro di Brindisi Antonio Macchia. Il paragone è forte ma la sicurezza sui luoghi di lavoro è messa a serio rischio per quanti lavorano ogni giorni nella struttura sanitaria col triste paradosso che, proprio chi si occupa di curare la gente, rischi di ammalarsi seriamente.
«In data 11.12.2017 - registrano Macchia e Tedesco - il piano delle Azioni di miglioramento della Uoc di Anatomia Patologica, contenute nel Documento di valutazione del rischio (Dvr) adottato con delibera 2133/17, espressamente disponeva la necessità di reperire nuovi locali presso cui trasferire la Uoc medesima. Valutazione questa mutuata dalla Scheda rilevazione dei rischi elaborata sin dal Giugno 2009 dal Servizio Prevenzione e Protezione Aziendale! Si diceva nel Dvr che gli spazi erano insufficienti a contenere le attrezzature, le altezze dei soffitti non risultavano a norma e gli spazi antistanti l'ascensore ed i bagni dei lavoratori erano occupati da prodotti chimici infiammabili e pericolosi». Una situazione nota da ben dieci anni.
«A distanza di tanto tempo, ad oggi, la Uoc di Anatomia Patologica - denunciano i due segretari - non è stata trasferita in locali idonei, né si è provveduto a provare di bonificare gli esistenti; elemento questo impossibile da attuarsi considerata la sua inadeguatezza strutturale della porzione di immobile (fra l’altro, soffitti inferiori a tre metri)».


La situazione è diventata ormai insostenibile.
«Da diverso tempo - spiegano Tedesco e Macchia - il personale impiegato nella Uoc accusa malori ingiustificati e tanto oramai è divenuto intollerabile. La risposta è semplice: da diverso tempo i monitoraggi ambientali hanno fatto emergere livelli di formaldeide fuori dalla norma. Adesso hanno raggiunto un limite non più tollerabile, e l'esposizione per il personale dipendente a patologie molto serie è una realtà con cui fare i conti». Il pericolo è quindi conclamato.
«Da ultimo - aggiungono i due sindacalisti -, a seguito dell'ennesimo sopralluogo effettuato nei locali, e dopo aver rilevato una concentrazione di formaldeide non più tollerabile, il Servizio di sorveglianza sanitaria ha prescritto l'uso di Dpi (Dispositivi di protezione individuale) durante l'orario di lavoro "a permanenza". Siamo nel 2019, non è più tollerabile che in un presidio così importante i lavoratori siano costretti a proteggersi per svolgere un lavoro che non dovrebbe avere situazioni così estreme di pericolo della salute. Perché di questo si tratta, a causa di queste esposizioni i lavoratori dovranno sottoporsi a visite mediche trimestrali, perché la formaldeide è una sostanza fortemente cancerogena».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie