Lunedì 22 Aprile 2019 | 22:58

NEWS DALLA SEZIONE

Molestie in famiglia
Turturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

Tuturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

 
I controlli su strada
S. Pancrazio Salentino, beccato con mazza da baseball in auto: denunciato

S. Pancrazio Salentino, beccato con mazza da baseball in auto: denunciato

 
Stalking
Brindisi, molestava l'ex compagna e la figlioletta: arrestato 48enne

Brindisi, molestava l'ex compagna e la figlioletta: arrestato 48enne

 
Curiosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 
L'incidente
Moto contro auto sulla Monopoli-Alberobello: muore un 54enne

Moto contro auto sulla Monopoli-Alberobello: muore un 54enne

 
Il caso
Fasano, nascosti in un trullo tre chili di esplosivo: al via le indagini

Fasano, nascosti in un trullo tre chili di esplosivo: al via le indagini

 
Turismo
«Super ponte» in arrivo, piovono le prenotazioni: al top Ostuni

«Super ponte» in arrivo, piovono le prenotazioni: al top Ostuni

 
Il batterio killer
Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

 
A Ostuni
Fu investita: multata perché non attraversò sulle strisce

Fu investita: multata perché non attraversò sulle strisce

 
Nel Brindisino
Fasano, GdF sequestra 570mila euro di beni a ex contrabbandiere

Fasano, GdF sequestra 570mila euro di beni a ex contrabbandiere

 
Operazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa raccolta differenziata
Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

 
TarantoIl caso
Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

 
BrindisiMolestie in famiglia
Turturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

Tuturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

 
LecceA Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 

Lotta con il sindaco

Scuola, corsi serali al freddo, diffidata la Provincia

La preside De Vito chiede l'accensione dei termosifoni di pomeriggio

Scuola, corsi serali al freddo, diffidata la Provincia

Da consigliera fidata (in veste di vice sindaco “tecnico”) ad acerrima rivale (come preside) nella “guerra” (tra... poveri) che contrappone il mondo della scuola alla Provincia in tema di riscaldamento negli istituti superiori di Brindisi.
Quello tra il sindaco e presidente della Provincia, Riccardo Rossi, e la prof.ssa Rita Ortenzia De Vito è decisamente un rapporto controverso, che ieri si è arricchito di un altro capitolo (dopo quello culminato con le dimissioni da vice sindaco della preside del “Ferraris”).


In risposta, infatti, alle dichiarazioni di Rossi in merito all’impossibilità per l’Ente di garantire l’accensione dei termosifoni anche nelle pomeridiane, a beneficio degli studenti dei corsi serali («servono 150mila euro che la Provincia al momento non possiede», ha spiegato il presidente), la prof.ssa De Vito si è armata di carta e penna e ha scritto e presentato un atto di diffida all’indirizzo appunto della Provincia (inviandolo per conoscenza anche al Prefetto, all’Asl, allo Spesal e all’Ispettatorato del Lavoro), affinchè provveda entro il termine di dieci giorni all’accensione pomeridiana dell’impianto di riscaldamento nelle scuole che ospitano corsi serali.


«Il diritto allo studio e alla salute vanno garantiti ad ogni costo - ha detto la prof.ssa De Vito - e, per sopperire alla carenza di fondi per il supplemento di spesa, la Provincia può benissimo attingere dalle somme (circa 180mila euro) destinate al funzionamento amministrativo e didattico delle scuole superiori di sua competenza».
Il riscaldamento nelle scuole, insomma, diventa terreno di scontro anche a livello politico, dopo le manifestazioni di protesta promosse dal mondo studentesco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400