Venerdì 18 Gennaio 2019 | 19:55

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Brindisino
Fasano, fatturato in tempo record, l'azienda manda i dipendenti in crociera

Fasano, fatturato in tempo record, l'azienda manda i dipendenti in crociera

 
Comune costituito parte civile
Abuso d'ufficio e falso ideologico: due ex sindaci di Brindisi a processo

Abuso d'ufficio e falso ideologico: due ex sindaci di Brindisi a processo

 
Hanno agito in quattro
Brindisi: sparano e svaligiano gioielleria di centro commerciale, nessun ferito

Brindisi, sparano e svaligiano gioielleria, poi fanno incidente: fermati in 3

 
Da Maria De Filippi
Carovigno, una 23enne invitata a C'è Posta per Te

Carovigno, una 23enne invitata a C'è Posta per Te

 
Nel pieno della movida
Brindisi, spari dopo una lite in un locale: ferito un 27enne

Brindisi, sparò a 27enne dopo lite in un locale, 20enne si costituisce

 
Ss 172 dir.
Via ai lavori sulla statale dei trulli: fine entro il 2020

Via ai lavori sulla statale dei trulli: fine entro il 2020

 
Lotta con il sindaco
Scuola, corsi serali al freddo, diffidata la Provincia

Scuola, corsi serali al freddo, diffidata la Provincia

 
L'iniziativa
Canale reale a Latiano diventerà parco fluviale: accordo Regione-Politecnico

Canale reale a Latiano diventerà parco fluviale: accordo Regione-Politecnico

 
Cucina
La Prova del Cuoco: uno chef brindisino per la sfida sulle seppie ripiene

La Prova del Cuoco: uno chef brindisino per la sfida sulle seppie ripiene

 
Istruzione
Brindisi, «Diritto allo studio» arrivano i fondi dalla Regione

Brindisi, «Diritto allo studio» arrivano i fondi dalla Regione

 
Nel Brindisino
Bagno a torso nudo nella fontana di Francavilla: segnalato 16enne

Bagno a torso nudo nella fontana di Francavilla: segnalato 16enne

 

Dopo 22 anni fermi i risarcimenti

Brindisi, naufragio «Kater»: agli eredi nessun risarcimento dei danni

Il ministero della difesa condannato a pagare 4 milioni. Ma il Tar boccia il ricorso per ottenere l’esecuzione

Brindisi, naufragio «Kater»: agli eredi nessun risarcimento dei danni

BRINDISI - Un'odissea che si trascina ormai da 22 anni e a cui neppure una sentenza di condanna (passata peraltro in giudicato dopo il «visto» apposto della Cassazione) riesce a porre fine.

È quella che, loro malgrado, stanno vivendo sulla propria pelle gli eredi delle vittime della «Kater I Rades», la «carretta del mare» albanese affondata il 28 marzo 1997 al largo di Brindisi dopo uno scontro con la nave della Marina Militare «Sibilla».
A causa di quell’incidente - raccontato nelle cronache come la «Strage del Venerdì Santo» (due giorni dopo si celebrò la Pasqua) - persero la vita 57 persone, a cui si aggiunsero 24 dispersi (o corpi non sono stati mai più ritrovati) tra coloro - tutti albanesi - che trovavano posto sull'imbarcazione impegnata a trasportare profughi verso le coste italiane.
A quattro lustri (e mezzo) di distanza, gli eredi di quei disperati, che persero la vita per inseguire il sogno della libertà dal regime dittatoriale che vigeva allì’epoca nel Paese delle Aquile, attendono ancora il risarcimento dei danni. In 24 hanno avviato un’azione giudiziaria e hanno dovuto attendere circa quindici anni per ottenere una sentenza di condanna, sia da parte dei giudici di primo grado (il Tribunale di Brindisi), sia da parte dei magistrati di secondo grado (la Corte d’Appello di Lecce), poi avallata anche dalla Cassazione (da qui il passaggio in giudicato).

La sentenza, in particolare, ha condannato il Ministero della Difesa (in solido con il comandante della nave militare, Fabrizio Laudadio), a versare, a ciascuno dei 24 eredi ricorrenti, a titolo di risarcimento danni, la complessiva somma di 2.350.000 euro. Considerando gli incidenti maturati dal 2011 in poi, si arriva a quasi quattro milioni: una cifra ragguardevole ma comunque sempre inferiore alle aspettative di chi in quell’incidente ha perso un familiare.
Ma quella somma, malgrado vari solleciti, gli eredi non l’hanno ancora incassata e, in conseguenza di ciò, si sono rivolti al Tar di Lecce, presentando un ricorso amministrativo per indurre il Ministero ad ottemperare alla sentenza divenuta definitiva. Proprio in quella sede, però, è arrivata un'altra mazzata, un’autentica beffa: il ricorso è stato respinto per nullità dell'atto introduttivo, In parole povere, il Tar ha accolto la tesi del Ministero secondo cui non risultano facilmente identificabili i ricorrenti (per alcuni ci sono date di nascita diverse, per altri anni nomi o cognomi diversi): mancando un elemento essenziale del ricorso, questo è da considerarsi nullo.

Bisogna insomma ripartire, presentando un nuovo ricorso. E pazienza se gli eredi delle vittime dovranno attendere chissà quanti altri anni ancora per avere giustizia una volta per tutte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400