Giovedì 17 Gennaio 2019 | 10:20

NEWS DALLA SEZIONE

Hanno agito in quattro
Brindisi: sparano e svaligiano gioielleria di centro commerciale, nessun ferito

Brindisi, sparano e svaligiano gioielleria, poi fanno incidente: fermati in 3

 
Da Maria De Filippi
Carovigno, una 23enne invitata a C'è Posta per Te

Carovigno, una 23enne invitata a C'è Posta per Te

 
Nel pieno della movida
Brindisi, spari dopo una lite in un locale: ferito un 27enne

Brindisi, sparò a 27enne dopo lite in un locale, 20enne si costituisce

 
Ss 172 dir.
Via ai lavori sulla statale dei trulli: fine entro il 2020

Via ai lavori sulla statale dei trulli: fine entro il 2020

 
Lotta con il sindaco
Scuola, corsi serali al freddo, diffidata la Provincia

Scuola, corsi serali al freddo, diffidata la Provincia

 
L'iniziativa
Canale reale a Latiano diventerà parco fluviale: accordo Regione-Politecnico

Canale reale a Latiano diventerà parco fluviale: accordo Regione-Politecnico

 
Cucina
La Prova del Cuoco: uno chef brindisino per la sfida sulle seppie ripiene

La Prova del Cuoco: uno chef brindisino per la sfida sulle seppie ripiene

 
Istruzione
Brindisi, «Diritto allo studio» arrivano i fondi dalla Regione

Brindisi, «Diritto allo studio» arrivano i fondi dalla Regione

 
Nel Brindisino
Bagno a torso nudo nella fontana di Francavilla: segnalato 16enne

Bagno a torso nudo nella fontana di Francavilla: segnalato 16enne

 
Indagine di Brindisi
Ostuni, traffico finti Rolex: arrestato noto orefice per autoriciclaggio

Ostuni, traffico finti Rolex: arrestato l'orefice dei vip per autoriciclaggio
La replica del legale

 
Dopo 22 anni fermi i risarcimenti
Brindisi, naufragio «Kater»: agli eredi nessun risarcimento dei danni

Brindisi, naufragio «Kater»: agli eredi nessun risarcimento

 

Fiamme nella notte

Brindisi, incendio devasta agenzia di onoranze funebri

Il rogo avrebbe matrice dolosa: danni per diverse migliaia di euro

Brindisi, incendio devasta agenzia di onoranze funebri

Foto Matulli

BRINDISI - Un misterioso attentato incendiario ha devastato nel cuore della notte l’agenzia di pompe funebri dei fratelli Giacomo e Danilo Leo. Era circa l’una quando le fiamme sono state notate nell’attività di via Cristoforo Colombo, ed è scattato l’intervento dei Vigili del fuoco del comando provinciale che hanno fatto il possibile per ridurre al minimo i danni. Le due stanze su cui si sviluppa l’agenzia sono stati comunque devastati dal rogo con un bilancio pesante dal momento che il fuoco avrebbe investito anche alcuni macchinari. I danni ammontano a svariate migliaia di euro. Sul posto, oltre ai pompieri, sono intervenuti gli agenti della Sezione volanti per i rilievi di rito. Gli investigatori battono la pista dell’incendio di matrice dolosa dal momento che non sarebbe stato rilevato alcun innesco dovuto a corto circuito e puntano ad acquisire le immagini di videosorveglianza di alcuni impianti della zona.

L’ipotesi più accreditata - dal momento che non sarebbero emersi nemmeno segni di effrazione dell’ingresso, protetto da una saracinesca - è che gli incendiari abbiano versato del liquido infiammabile all’altezza della soglia facendolo scorrere nel locale per poi appiccare le fiamme. Sul posto sarebbero stati ritrovati anche i resti di una bottiglia contenente probabilmente il liquido infiammabile versato. L’incendio sarebbe poi divampato in pochi secondi in tutta la sua devastante potenza. Uno scenario agghiacciante quello che si è presentato sotto gli occhi dei proprietari, svegliati nel cuore della notte dalla Polizia per via dell’incendio in corso.

Nel rogo sono bruciati arredi, suppellettili ed attrezzature, le fiamme sono state circoscritte dai vigili del fuoco nell’arco di un’oretta di lavoro. I pompieri sono riusciti a salvare un paio di scooter parcheggiati all’interno. I fumi della combustione hanno annerito completamente le pareti degli uffici e parte della facciata della palazzina al civico 122 di via Cristoforo Colombo.
Senza parole dopo la devastazione i fratelli Giacomo e Danilo Leo, che non riescono a darsi spiegazione del fatto. Un fulmine a ciel sereno dal momento che avrebbero ottimi rapporti con tutti. Entrambi sono molto conosciuti in città, svolgono questa professione sin da ragazzini in quell’attività di famiglia tramandata dal padre che vanta circa mezzo secolo di attività. Cinquant’anni nell’arco dei quali non si è mai verificato un episodio del genere. Entrambi, occhi lucidi e magone in gola, aiutati da alcuni familiari, dopo una notte insonne, si sono rimboccati le maniche per rimettere a posto il disastro prodotto dall’incendio e cercare lentamente di ripartire.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400