Giovedì 11 Agosto 2022 | 13:57

In Puglia e Basilicata

Nel rione Sant'Elia

Incendia l’auto del vicino, inchiodato da un video

Brindisi, incendia l’auto del vicino di casa ma un video lo inchioda: arrestato

Due roghi a distanza di un quarto d’ora: bruciato il camioncino di un ambulante venditore di frutta

15 Ottobre 2018

Antonio Portolano

BRINDISI - Prima (alle 3.30) l’incendio del furgoncino di un ambulante di frutta e verdura, parcheggiato al rione Commenda e, un quarto d’ora dopo, la Ford Focus di un pensionato distrutta in piazza Favretto dalle fiamme al rione Sant’Elia. Ma la «notte di fuochi» brindisina - un tour de force per i vigili del fuoco - è costata cara ad almeno uno dei presunti incendiari che è stato arrestato in «tempo reale» dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della locale Compagnia.

Mentre sono in corso di approfondimento, da parte del personale delle Volanti, le esatte cause del rogo che ha distrutto il camioncino «Fiat 90» di un 35enne brindisino - e danneggiato un’Alfa Romeo Gt parcheggiata nelle vicinanze - onde ricercare eventuali responsabili, ha già invece un volto ed un nome il presunto autore dell’incendio che ha divorato la Ford Focus di un pensionato in Piazza Favretto. Ad identificarlo ed arrestarlo a carcassa ancora «fumante» sono stati i carabinieri del Norm. Si tratta di Claudio Ostuni, 42 anni e inquilino dello stesso stabile del proprietario dell’auto: sarebbe stato incastrato dalle immagini registrate dalle telecamere del sistema di videosorveglianza di un bar della zona e, come nel più classico dei copioni, sarebbe ritornato persino sul «teatro del delitto» mescolandosi ai curiosi e ai residenti impauriti scesi in strada dopo l’incendio.

È anche in questo «piccolo» ma significativo particolare se le indagini condotte dai militari del Norm sono approdate subito ad una svolta immediata: quell’uomo - che le immagini della telecamera di un bar riprendevano all’opera mentre appiccava le fiamme alla «Focus» - era proprio lo stesso presente in piazza, che altri non era se non il vicino di casa dell’anziano da cui ogni giorno si recava per chiedere qualcosa: dal tozzo di pane, al bicchiere di vino, al caffè. Una richiesta continua e quotidiana che la mattina precedente sarebbe sfociata in una querelle tra i due. Sarebbe questo il movente dell’incendio dell’auto dell’anziano. Il 42enne, dopo essere stato identificato - su disposizione del pm di turno è finito nel carcere di via Appia, non solo per l’accusa di danneggiamento a seguito di incendio, ma anche per stalking.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725