Martedì 18 Giugno 2019 | 15:06

NEWS DALLA SEZIONE

Minacce e lesioni
Brindisi, litiga con la fidanzata e le rompe il naso: denunciato

Brindisi, litiga con la fidanzata e le rompe il naso: denunciato

 
Nel brindisino
San Donaci, tenta di uccidere nipote con piccone dopo lite, arrestato 46enne

San Donaci, tenta di uccidere nipote con piccone dopo lite, arrestato 46enne

 
L'incidente
Ceglie Messapica, parco giochi pericoloso: bimbo in ospedale

Ceglie Messapica, parco giochi pericoloso: bimba in ospedale

 
Il caso
Brindisi, cocaina nascosta nel reggiseno arrestata dai Cc una 19enne

Brindisi, cocaina nascosta nel reggiseno arrestata dai Cc una 19enne

 
Sport
Vela, regata Brindisi-Corfù: il vento sposta traguardo a Merlera

Vela, regata Brindisi-Corfù: vince Morgan IV

 
Tra 11 persone
Brindisi, maxi rissa per uno sguardo di troppo verso una ragazzina

Brindisi, maxi rissa per uno sguardo di troppo verso una ragazzina

 
Amara sorpresa
Francavilla, morde la focaccia e ci trova dentro uno scarafaggio cotto

Francavilla, morde la focaccia e ci trova dentro uno scarafaggio

 
Il video
Mitch di Baywatch avvistato al lido vip Pettolecchia: «La Puglia è bella»

Mitch di Baywatch avvistato al lido vip Pettolecchia: «La Puglia è bella»

 
Alla Bcc di Locorotondo
Cisternino, assaltano un bancomat ma i carabinieri li mettono in fuga

Cisternino, assaltano un bancomat ma i carabinieri li mettono in fuga

 
XXXIV Brindisi - corfù
Brindisi, le barche sono pronte: festa sul lungomare per la Regata

Brindisi, le barche sono pronte: festa sul lungomare per la Regata

 
Via ai lavori
Brindisi avrà un nuovo PalaEventi: firmata convenzione Regione-Comune

Brindisi avrà un nuovo PalaEventi: firmata convenzione Regione-Comune

 

Il Biancorosso

LA CURIOSITA'
De Laurentiis e Simeri a MykonosTutto sulle vacanze del Bari

De Laurentiis e Simeri a Mykonos. Tutto sulle vacanze del Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'elezione
Confindustria Bari-Bat: Sergio Fontana è il nuovo presidente

Confindustria Bari-Bat: Sergio Fontana è il nuovo presidente

 
PotenzaIl caso
Da 20 anni con un tubo nello stomaco, rimosso all'ospedale di Potenza

Da 20 anni con un tubo nello stomaco, rimosso all'ospedale di Potenza

 
Tarantoal rione tamburi
Taranto, spaccia eroina in casa: arrestato pluripregiudicato

Taranto, spaccia eroina in casa: arrestato pluripregiudicato

 
BrindisiMinacce e lesioni
Brindisi, litiga con la fidanzata e le rompe il naso: denunciato

Brindisi, litiga con la fidanzata e le rompe il naso: denunciato

 
LecceHa 2 anni
Lecce, bimba con esofago ricostruito mangia normalmente

Lecce, bimba con esofago ricostruito mangia normalmente

 
Foggianel Foggiano
Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

 
MateraNel Materano
Boom case vacanza nel Metapontino, terza località in Italia

Boom case vacanza nel Metapontino, terza località in Italia

 
BatDal geologo Dellisanti
Minervino Murge, scoperta nuova grotta carsica

Minervino Murge, scoperta nuova grotta carsica

 

i più letti

Lo sfogo

Fasano, il papà della vittima scrive al pirata della strada: «Sei senza cuore»

Dopo che il commerciante ambulante ostunese si è costituto ai carabinieri, ecco che arriva la lettera di rabbia del padre del ragazzo travolto e ucciso a Speziale

Fasano, il papà della vittima scrive al pirata della strada: «Uomo senza cuore»

FASANO - Si intitola “A te pirata della strada” una straziante lettera scritta da Benedetto Vinci, padre di Giuseppe, il 19enne fasanese morto all’alba del 14 agosto a causa di un tragico incidente stradale avvenuto sulla ex statale 16 alle porte di Speziale.

A distanza di oltre un mese il presunto pirata della strada che guidava il mezzo - che secondo le ipotesi degli investigatori ha travolto e ucciso lo sfortunato ragazzo facendo perdere le sue tracce - si è costituito ai Carabinieri. È un ciommerciante ambulante ostunese di 60 anni. E proprio a lui si rivolge il padre di Giuseppe.

“Ormai il nostro Giuseppe ce l’hai portato via da quella maledetta mattina del 14 agosto – scrive nella lettera Benedetto Vinci -. Noi non sappiamo nulla di te ma tu sicuramente sai tutto di noi perché sicuramente ti sarai documentato. Ti voglio semplicemente dire che ci hai portato via forse il miglior fiore della nostra famiglia. Giuseppe era il nostro primogenito... Un bambino avuto quando avevamo appena acquisito il diploma. .. Un bambino che abbiamo amato sin dal primo giorno e che ha riempito i nostri cuori di tanta felicità. Quando i nostri coetanei vivevano la loro gioventù andando a ballare...organizzando viaggi.... Comprando macchine di lusso... Noi trascorrevamo le nostre giornate crescendo il nostro Giuseppe con tanti sacrifici. Lui sin da piccolo ha aiutato i suoi genitori in tutto e per tutto e ha riempito i nostri cuori e quelli dei suoi fratelli e parenti di tanto amore – prosegue -. È stato un ragazzo che ha sempre aiutato il prossimo e che ha creduto nei valori veri della vita. Quella mattina che c’è l’hai ammazzato.... Lui al contrario degli altri diciannovenni non rientrava da una serata ma stava andando a lavoro. Allora io mi chiedo.... Ma come hai fatto a non vedere quel corpo su quella strada? E cosa ancor più brutta come hai fatto a non fermarti dopo aver dato una botta così forte? Forse hai fatto finta di nulla e pensando di svignartela forse sei andato anche a lavoro come se niente fosse successo. Be allora.. Sai che ti dico? Sei stata una persona che vive la sua vita in modo superficiale e che si è rivelata nella sua forma più vera di essere senza cuore. Hai lasciato quel ragazzino per terra... Senza soccorrerlo.... Solo come tante di quelle carcasse di animali che si trovano per strada..... Ma lui al contrario era un bambino... Sai... io all’inizio per i primi dieci giorni mi sono messo in auto alle 5 di mattina e a una velocità sostenuta ho intravisto mio figlio li per terra... E sono riuscito a fermare la mia macchina. Tu invece.... Cosa facevi mentre guidavi.... Cosa facevi – si domanda ancora Benedetto Vinci -? Anche una signora la cui casa si trova a 200 metri dal luogo dell’impatto quella mattina per il forte rumore si è svegliata d’impatto.... Tu invece.... Cos’hai fatto. Nulla... Semplicemente nulla.... Hai avuto anche la freddezza di non togliere il piede dall’acceleratore e continuare per la tua strada. A questo punto io non so se un giorno riuscirò a perdonarti. Sappi comunque che io non posso giudicarti.. Ma un giorno sarà Dio a giudicare quello che hai fatto.... E non so se sarà clemente con te. Tu ora potrai trovare anche delle attenuanti per ridurre la tua pena ma sappi che la verità noi uomini comuni forse non riusciremo mai a scoprirla... Ma se menti tu un giorno verrai giudicato da Gesù che non avrà clemenza di te e ti tutti coloro che sanno e non dicono. Io ora continuo a vivere con la speranza di poter rincontrare un giorno il mio Angelo Custode di nome Giuseppe ma tu – conclude -...... se non sei sincero..... forse potrai continuare a goderti la vita..... Ma quando arriverà la tua ora non so se Dio ti accoglierà nel suo regno”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE