Domenica 17 Febbraio 2019 | 09:09

NEWS DALLA SEZIONE

Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 
La rapina a Brindisi
Brindisi, legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

Legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

 
Dai cc di Brindisi Casale
Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

 
Il caso
Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

 
La rapina
Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

 
Sequestrati anche 30 kg di pesce
carabinieri Nas

Latiano, lavavano pesce con acqua contaminata: ristorante sospeso

 
NEL RIONE SANT'ANGELO
Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

 
Operazione dei Cc
Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

 
Lotta alla droga
Carovigno, beccato mentre spacciava cocaina: arrestato 42enne

Carovigno, preso dai Cc 42enne mentre spacciava cocaina

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Vittima morì dopo 18 giorni

Fasano uccise connazionale: albanese estradato dopo 20 anni

Il 39enne Gazmend Nure, che è stato arrestato in Spagna, dovrà scontare 22 anni di carcere

Fasano uccise connazionale: albanese estradato dopo 20 anni

Gazmend Nure

FASANO - Colpì alla testa un connazionale, che morì dopo 18 giorni di agonia in ospedale. Il tragico fatto avvenne a Fasano il 1° agosto 1998, vent’anni fa. L’altro ieri Gazmend Nure, 39 anni, cittadino albanese, è giunto all’aeroporto di Roma Fiumicino. Ad “accoglierlo” ha trovato i carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Brindisi, che gli hanno notificato un ordine di carcerazione emesso a suo carico dalla Procura generale presso la Corte di appello di Lecce. Il 39enne albanese, che è stato estradato dalla Spagna, dovrà scontare 22 anni di carcere per l’omicidio del suo connazionale.

Fra 4 giorni saranno trascorsi esattamente 20 anni da quel 1° agosto 1998 quando, alle 20 e 30, giunse una telefonata ai carabinieri di Fasano da parte dei medici dell’ospedale «Umberto I» che comunicavano che era stato condotto al Pronto soccorso un cittadino extracomunitario, probabilmente albanese, in stato di coma, in conseguenza di un “trauma cranico encefalico commotivo” provocato da un cacciavite. Il ferito venne subito trasferito nell’ospedale “Di Venere” di Bari, a causa della gravità delle lesioni che presentava. Le indagini, avviate dai carabinieri della compagnia di Fasano, si orientarono sin da subito verso la comunità degli albanesi del luogo al fine di identificare il ferito e ricostruire la vicenda.

Gli accertamenti eseguiti dai militari dell’Arma portarono all’identificazione di un amico della vittima che, con l’ausilio di un interprete, rilasciò le prime dichiarazioni grazie alle quali fu possibile localizzare un casolare abbandonato, ubicato in contrada Gravinella, prima periferia di Fasano, dove furono recuperati documenti che attestavano il passaggio della vittima da quel luogo.

Si trattava di un ricovero di fortuna perché all’interno del casolare i carabinieri rinvennero un giaciglio e un borsone contenente indumenti personali e documenti che risultarono essere quelli della vittima identificata per Luan Kaja, deceduto a seguito delle lesioni il 19 agosto 1998, dopo 18 giorni dalla selvaggia aggressione di cui era stato vittima. L’autopsia consentì di rilevare la presenza a livello della regione temporale sinistra di un foro penetrante di piccole dimensioni, di caratteristiche analoghe a quelle rilevate a livello cervicale destro, fori compatibili con quelli provocati da un punteruolo o una punta da trapano o da un cacciavite.

L’amico della vittima, che fu testimone oculare dell’evento, venne minacciato con una pistola dall’omicida poiché aveva tentato di fermarlo per impedirgli di continuare l’aggressione. Grazie alle sue indicazioni per gli investigatori fu possibile ricostruire tutte le fasi della vicenda e, soprattutto, il movente e le circostanze in cui era maturato il grave delitto che sconvolse l’opinione pubblica fasanese per la brutalità della modalità con cui era stato commesso.
m. mong.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400