Lunedì 24 Febbraio 2020 | 10:02

NEWS DALLA SEZIONE

l'isolamento
S.Pancrazio Salentino, famiglia tornata dalla Cina: «Ecco la nostra quarantena»

Coronavirus, S.Pancrazio Salentino, famiglia tornata dalla Cina: «Ecco la nostra quarantena»

 
Il caso
«Rifiuti pericolosi sul traghetto partito da Brindisi», la denuncia di un giornalista

«Rifiuti pericolosi sul traghetto partito da Brindisi», la denuncia di un giornalista

 
di s.v. dei normanni
In casa e in auto 5kg di droga tra marijuana e hashish: un arresto nel Brindisino

In casa e in auto 5kg di droga tra marijuana e hashish: un arresto nel Brindisino

 
il bilancio
Aeroporti Bari e Brindisi, traffico in aumento del 9,6% rispetto al 2019

Aeroporti Bari e Brindisi, traffico in aumento del 9,6% rispetto al 2019

 
Al Perrino
Brindisi, impiantato neurostimolatore a malato di Parkinson

Brindisi, impiantato neurostimolatore a malato di Parkinson

 
Nel Brindisino
Francavilla F.na, ruba in un forno e tenta furto in un liceo: arrestato 27enne

Francavilla F.na, ruba in un forno e tenta furto in un liceo: arrestato 27enne

 
Il caso
Francavilla Fontana, col trattore rubato non si ferma all’alt

Francavilla Fontana, col trattore rubato non si ferma all’alt

 
Il ritrovamento
Il mare restituisce vicino a Torre Canne una carcassa di «caretta caretta»

Il mare restituisce vicino a Torre Canne una carcassa di «caretta caretta»

 
Pallacanestro
Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

 
Italia-Cina
Coronavirus, partono da Brindisi gli aiuti umanitari per Pechino

Coronavirus, partono da Brindisi gli aiuti umanitari per Pechino

 
nel Brindisino
Cisternino: il porcile diventa sede parlamentare per evitare l'abbattimento degli animali malati

Cisternino: il porcile diventa sede parlamentare per evitare l'abbattimento degli animali malati

 

Il Biancorosso

Calcio
Cavese-Bari: la diretta della partita

Bari, solo un punto con la Cavese

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatI dati
Turismo culturale: la Bat sul podio pugliese

Turismo culturale: la Bat sul podio pugliese

 
BariCoronavirus
Bari, psicosi da contagio, dott.ssa Caselli: «Niente panico, i bimbi sono meno colpiti dai virus»

Bari, psicosi da contagio, dott.ssa Caselli: «Niente panico, i bimbi sono meno colpiti dai virus»

 
LecceI controlli
Dal Lodigiano ad Andrano: sospetto contagio da Coronavirus a pranzo nuziale per famiglia salentina

Dal Lodigiano ad Andrano: sospetto contagio da Coronavirus a pranzo nuziale per famiglia salentina

 
FoggiaI controlli
Caporalato, accoltella connazionale nel ghetto di Borgo Mezzanone : arrestato

Caporalato, accoltella connazionale nel ghetto di Borgo Mezzanone : arrestato

 
PotenzaIl caso
Mafia, blitz dei carabinieri contro traffico di droga in Basilicata: 16 fermi

Mafia, blitz dei carabinieri contro traffico di droga in Basilicata: 16 fermi

 
Materale rassicurazioni
Nova Siri, sindaco: «Donna cinese in quarantena volontaria, anche l'uomo di Francavilla è stato in isolamento da noi»

Nova Siri, sindaco: «Donna cinese in quarantena volontaria, anche l'uomo di Francavilla è stato in isolamento da noi»

 
Brindisil'isolamento
S.Pancrazio Salentino, famiglia tornata dalla Cina: «Ecco la nostra quarantena»

Coronavirus, S.Pancrazio Salentino, famiglia tornata dalla Cina: «Ecco la nostra quarantena»

 

i più letti

Vittima morì dopo 18 giorni

Fasano uccise connazionale: albanese estradato dopo 20 anni

Il 39enne Gazmend Nure, che è stato arrestato in Spagna, dovrà scontare 22 anni di carcere

Fasano uccise connazionale: albanese estradato dopo 20 anni

Gazmend Nure

FASANO - Colpì alla testa un connazionale, che morì dopo 18 giorni di agonia in ospedale. Il tragico fatto avvenne a Fasano il 1° agosto 1998, vent’anni fa. L’altro ieri Gazmend Nure, 39 anni, cittadino albanese, è giunto all’aeroporto di Roma Fiumicino. Ad “accoglierlo” ha trovato i carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Brindisi, che gli hanno notificato un ordine di carcerazione emesso a suo carico dalla Procura generale presso la Corte di appello di Lecce. Il 39enne albanese, che è stato estradato dalla Spagna, dovrà scontare 22 anni di carcere per l’omicidio del suo connazionale.

Fra 4 giorni saranno trascorsi esattamente 20 anni da quel 1° agosto 1998 quando, alle 20 e 30, giunse una telefonata ai carabinieri di Fasano da parte dei medici dell’ospedale «Umberto I» che comunicavano che era stato condotto al Pronto soccorso un cittadino extracomunitario, probabilmente albanese, in stato di coma, in conseguenza di un “trauma cranico encefalico commotivo” provocato da un cacciavite. Il ferito venne subito trasferito nell’ospedale “Di Venere” di Bari, a causa della gravità delle lesioni che presentava. Le indagini, avviate dai carabinieri della compagnia di Fasano, si orientarono sin da subito verso la comunità degli albanesi del luogo al fine di identificare il ferito e ricostruire la vicenda.

Gli accertamenti eseguiti dai militari dell’Arma portarono all’identificazione di un amico della vittima che, con l’ausilio di un interprete, rilasciò le prime dichiarazioni grazie alle quali fu possibile localizzare un casolare abbandonato, ubicato in contrada Gravinella, prima periferia di Fasano, dove furono recuperati documenti che attestavano il passaggio della vittima da quel luogo.

Si trattava di un ricovero di fortuna perché all’interno del casolare i carabinieri rinvennero un giaciglio e un borsone contenente indumenti personali e documenti che risultarono essere quelli della vittima identificata per Luan Kaja, deceduto a seguito delle lesioni il 19 agosto 1998, dopo 18 giorni dalla selvaggia aggressione di cui era stato vittima. L’autopsia consentì di rilevare la presenza a livello della regione temporale sinistra di un foro penetrante di piccole dimensioni, di caratteristiche analoghe a quelle rilevate a livello cervicale destro, fori compatibili con quelli provocati da un punteruolo o una punta da trapano o da un cacciavite.

L’amico della vittima, che fu testimone oculare dell’evento, venne minacciato con una pistola dall’omicida poiché aveva tentato di fermarlo per impedirgli di continuare l’aggressione. Grazie alle sue indicazioni per gli investigatori fu possibile ricostruire tutte le fasi della vicenda e, soprattutto, il movente e le circostanze in cui era maturato il grave delitto che sconvolse l’opinione pubblica fasanese per la brutalità della modalità con cui era stato commesso.
m. mong.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie