Mercoledì 20 Marzo 2019 | 20:30

NEWS DALLA SEZIONE

Centrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
L'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
Dopo due anni
Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

 
In pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
Al rione Bozzano
Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

 
Denunciato
Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

 
Ordinanza del Questore
San Donaci, droga e pregiudicati: chiuso circolo per un mese

San Donaci, droga e pregiudicati: chiuso circolo per un mese

 
Indagano i Cc
Fasano, gli sparano mentre fa la pipì per strada: ferito 40enne

Fasano, gli sparano mentre fa la pipì per strada: ferito 40enne

 
Maltrattamento di animali
Brindisi, trovati 6 cani rinchiusi in auto abbandonata: una denuncia

Brindisi, trovati 6 cani rinchiusi in auto abbandonata: una denuncia

 
Il caso
Brindisi, polizze a prezzi di saldo: una truffa non un affare

Brindisi, polizze a prezzi di saldo: una truffa non un affare

 
Champions League
CR7, dopo la vittoria la festa nel locale del fasanese Ancona

CR7, dopo la vittoria la festa nel locale del fasanese Ancona

 

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
La signora Francesca colpisce ancoraPizze e focacce per gli auguri a Brienza

La signora Francesca colpisce ancora
Pizze e focacce per gli auguri a Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraInfortunio sul lavoro
Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

 
LecceIl fatto nel 2015
Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

 
BariCassazione
BARI, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

Bari, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

 
BatNel nordbarese
Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

 
TarantoA taranto
Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

 
FoggiaNel Foggiano
Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

 
BrindisiCentrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
PotenzaLe previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 

Francavilla

Parto indotto in modo sbagliato, risarcita con 300mila euro

Utero rotto: non potrà avere più figli. Chiamata in causa l’Asl

Parto indotto in modo sbagliato, donna risarcita: 300mila euro

BRINDISI - Il parto indotto con ossicitocina associata a prostaglandine, perché secondo la Ginecologia dell’ospedale di Francavilla Fontana il feto non aveva alcuna possibilità di sopravvivenza, provocò sia la morte del feto, sia la rottura dell’utero della puerpera, che quindi non potrà più avere figli. L’Asl di Brindisi ora dovrà risarcire la vittima. Il giudice civile, Fiorella Palazzo, accogliendo la richiesta dell’avvocato Maria Antonietta Spalluti, ha condannato la Asl di Brindisi a pagare alla parte lesa 340mila euro.

La vicenda giudiziaria è complessa. Inizia con il processo penale a seguito della querela presentata dalla puerpera, una donna di 41 anni, ostunese, mamma di un altro figlio. All’epoca del parto indotto (nel 2010) aveva 33 anni. Il pm che ebbe in carico il fascicolo affidò la perizia a due medici di Bari i quali stabilirono che l’operato dei medici che l’avevano seguita nel parto, era stato corretto e quindi nessuna colpa poteva loro essere attribuita. Il pm chiese l’archiviazione. La parte offesa si oppose e il gip, in accoglimento della richiesta della difesa, ordinò che i periti approfondissero alcuni aspetti. Il risultato non cambiò. Nuova richiesta di archiviazione da parte del pm e archiviazione disposta dal gip.

La signora e il marito non si arrendono e nel 2014 intraprendono la strada del risarcimento in sede civile. In questa sede il perito nominato dalla giudice Palazzo ha ribaltato totalmente la precedente perizia di ufficio attribuendo precise responsabilità a chi aveva seguito.

La coppia nel 2010 si rivolge ad una ginecologa che lavora nell’ospedale di Francavilla Fontana, che l’aveva seguita in una precedenza gravidanza. La ginecologa certifica una gravidanza «a rischio per fibromatosi multipla» e prescrive alcuni esami. Vengono effettuate due ecografie. La ginecologa a questo punto dispone una ecografia morfologica e in questa sede viene diagnosticata dal medico ecografista una grave malformazione del feto, incompatibile con la vita. Il medico ritiene che il feto sarebbe morto appena nato perché affetto da «onfalocele del diametro di 5,6 centimetri contenente fegato e anse intestinali». Per il medico non vi è alternativa all’interruzione della gravidanza, «specie in considerazione del grave stato di depressione in cui cadeva la puerpera subito dopo la notizia». Viene ricoverata nella Ginecologia di Francavilla chiedendo il parto cesareo alla ventiduesima settimana. Il ginecologo dell’ospedale dice no all’intervento richiesto sostenendo che quell’ospedale non sarebbe stato in grado di gestire il feto malformato nel caso fosse nato vivo. La puerpera a questo punto sottoscrive il consenso senza «essere correttamente informata che tale procedura poteva determinare come possibile effetto collaterale la rottura dell’utero».

Inizia il trattamento farmacologico con Cervidil e Nadalor per indurre il parto. Va avanti per tre giorni senza risultati. Inizia un trattamento intensivo. Dopo 56 ore di travaglio il parto si conclude. Ma l’eccessiva stimolazione dovuta ai farmaci provoca una lacerazione dell’utero con emorragia. Sottoposta a intervento chirurgico, viene dimessa privata della possibilità di procreare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400