Mercoledì 26 Febbraio 2020 | 07:51

NEWS DALLA SEZIONE

L'indagine
Inchiesta porto Brindisi, chiuse indagini per 13 persone

Inchiesta porto Brindisi, chiuse indagini per 13 persone

 
La novità
Brindisi, il Comune apre una sezione info Coronavirus sul sito

Brindisi, il Comune apre una sezione info Coronavirus sul sito

 
La curiosità
Il sosia di Papa Francesco crea scompiglio al Carnevale di Ostuni

Il sosia di Papa Francesco crea scompiglio al Carnevale di Ostuni

 
Psicosi da coronavirus
Allarme a Brindisi: donna muore ma il test del tampone è negativo

Allarme a Brindisi: donna muore ma il test del tampone è negativo

 
La riserva
Palle verdi, alghe rosse e foglie nere: Torre Guaceto e... i «doni» del mare:

Palle verdi, alghe rosse e foglie nere: Torre Guaceto e... i «doni» del mare

 
Il paradosso
Coronavirus, operatori dell'Aeroporto di Brindisi senza guanti e mascherine

Coronavirus, operatori dell'Aeroporto di Brindisi senza guanti e mascherine

 
l'isolamento
S.Pancrazio Salentino, famiglia tornata dalla Cina: «Ecco la nostra quarantena»

Coronavirus, S.Pancrazio Salentino, famiglia tornata dalla Cina: «Ecco la nostra quarantena»

 
Il caso
«Rifiuti pericolosi sul traghetto partito da Brindisi», la denuncia di un giornalista

«Rifiuti pericolosi sul traghetto partito da Brindisi», la denuncia di un giornalista

 
di s.v. dei normanni
In casa e in auto 5kg di droga tra marijuana e hashish: un arresto nel Brindisino

In casa e in auto 5kg di droga tra marijuana e hashish: un arresto nel Brindisino

 
il bilancio
Aeroporti Bari e Brindisi, traffico in aumento del 9,6% rispetto al 2019

Aeroporti Bari e Brindisi, traffico in aumento del 9,6% rispetto al 2019

 
Al Perrino
Brindisi, impiantato neurostimolatore a malato di Parkinson

Brindisi, impiantato neurostimolatore a malato di Parkinson

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza

Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza: ma niente tifosi

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLe ordinanze
Foggia, incendiarono mezzi raccolta rifiuti, arresti nella notte

Foggia, incendiarono mezzi raccolta rifiuti, arresti nella notte

 
BrindisiL'indagine
Inchiesta porto Brindisi, chiuse indagini per 13 persone

Inchiesta porto Brindisi, chiuse indagini per 13 persone

 
BariL'udienza
Acquaviva, uccise il marito a coltellate: chiesto processo per 29enne

Acquaviva, uccise il marito a coltellate: chiesto processo per 29enne

 
TarantoI controlli
Taranto, due arresti per droga: in manette 21enne e 40enne

Taranto, due arresti per droga: in manette 21enne e 40enne

 
MateraIl concorso
Racconti, foto, ricette e poesie per promuovere il pane di Matera

Racconti, foto, ricette e poesie per promuovere il pane di Matera

 
LecceL'operazione Camaleonte
Lecce, falsi documenti per truffare banche e assicurazioni: 4 arresti

Lecce, falsi documenti per truffare banche e assicurazioni: 4 arresti

 
BatTeppisti
Trani, vandali in azione nel mirino auto e fioriere

Trani, vandali in azione nel mirino auto e fioriere

 

i più letti

Francavilla

Parto indotto in modo sbagliato, risarcita con 300mila euro

Utero rotto: non potrà avere più figli. Chiamata in causa l’Asl

Parto indotto in modo sbagliato, donna risarcita: 300mila euro

BRINDISI - Il parto indotto con ossicitocina associata a prostaglandine, perché secondo la Ginecologia dell’ospedale di Francavilla Fontana il feto non aveva alcuna possibilità di sopravvivenza, provocò sia la morte del feto, sia la rottura dell’utero della puerpera, che quindi non potrà più avere figli. L’Asl di Brindisi ora dovrà risarcire la vittima. Il giudice civile, Fiorella Palazzo, accogliendo la richiesta dell’avvocato Maria Antonietta Spalluti, ha condannato la Asl di Brindisi a pagare alla parte lesa 340mila euro.

La vicenda giudiziaria è complessa. Inizia con il processo penale a seguito della querela presentata dalla puerpera, una donna di 41 anni, ostunese, mamma di un altro figlio. All’epoca del parto indotto (nel 2010) aveva 33 anni. Il pm che ebbe in carico il fascicolo affidò la perizia a due medici di Bari i quali stabilirono che l’operato dei medici che l’avevano seguita nel parto, era stato corretto e quindi nessuna colpa poteva loro essere attribuita. Il pm chiese l’archiviazione. La parte offesa si oppose e il gip, in accoglimento della richiesta della difesa, ordinò che i periti approfondissero alcuni aspetti. Il risultato non cambiò. Nuova richiesta di archiviazione da parte del pm e archiviazione disposta dal gip.

La signora e il marito non si arrendono e nel 2014 intraprendono la strada del risarcimento in sede civile. In questa sede il perito nominato dalla giudice Palazzo ha ribaltato totalmente la precedente perizia di ufficio attribuendo precise responsabilità a chi aveva seguito.

La coppia nel 2010 si rivolge ad una ginecologa che lavora nell’ospedale di Francavilla Fontana, che l’aveva seguita in una precedenza gravidanza. La ginecologa certifica una gravidanza «a rischio per fibromatosi multipla» e prescrive alcuni esami. Vengono effettuate due ecografie. La ginecologa a questo punto dispone una ecografia morfologica e in questa sede viene diagnosticata dal medico ecografista una grave malformazione del feto, incompatibile con la vita. Il medico ritiene che il feto sarebbe morto appena nato perché affetto da «onfalocele del diametro di 5,6 centimetri contenente fegato e anse intestinali». Per il medico non vi è alternativa all’interruzione della gravidanza, «specie in considerazione del grave stato di depressione in cui cadeva la puerpera subito dopo la notizia». Viene ricoverata nella Ginecologia di Francavilla chiedendo il parto cesareo alla ventiduesima settimana. Il ginecologo dell’ospedale dice no all’intervento richiesto sostenendo che quell’ospedale non sarebbe stato in grado di gestire il feto malformato nel caso fosse nato vivo. La puerpera a questo punto sottoscrive il consenso senza «essere correttamente informata che tale procedura poteva determinare come possibile effetto collaterale la rottura dell’utero».

Inizia il trattamento farmacologico con Cervidil e Nadalor per indurre il parto. Va avanti per tre giorni senza risultati. Inizia un trattamento intensivo. Dopo 56 ore di travaglio il parto si conclude. Ma l’eccessiva stimolazione dovuta ai farmaci provoca una lacerazione dell’utero con emorragia. Sottoposta a intervento chirurgico, viene dimessa privata della possibilità di procreare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie