Lunedì 10 Maggio 2021 | 20:51

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Brindisino
Ostuni, cancellato il tratturo di accesso alla spiaggia, a Monticelli consorziati sul piede di guerra

Ostuni, cancellato il tratturo di accesso alla spiaggia, a Monticelli consorziati sul piede di guerra

 
Il caso
Covid a Brindisi, ricoverato in ospedale non è morto solo: l'ultimo addio col figlio accanto

Covid a Brindisi, ricoverato in ospedale non è morto solo: l'ultimo addio col figlio accanto

 
Il fatto
Brindisi, busta con proiettili e minacce a capo Urbanistica

Brindisi, busta con proiettili e minacce a capo Urbanistica

 
Serie A1
Basket Brindisi a Trento solo per vincere

Basket Brindisi a Trento solo per vincere

 
L'operazione
Brindisi, sequestrati al porto 559 profumi «di marca» contraffatti

Brindisi, sequestrati al porto 559 profumi «di marca» contraffatti

 
Nel Brindisino
Ostuni, 39enne marocchino ucciso in casa: killer preso a Bari, stava scappando

Ostuni, 39enne marocchino ucciso in casa: killer preso a Bari, stava scappando

 
Il ritrovamento
Giallo a Ostuni, scoperto cadavere in casa: morto con ferite da taglio. S'indaga per omicidio

Giallo a Ostuni, scoperto cadavere in casa: uomo ucciso dopo lite a coltellate. È caccia ai killer

 
L'episodio
«Mamma si prostituisce!» E picchia a sangue i vecchi genitori

«Mamma si prostituisce!» E picchia a sangue i vecchi genitori

 
L'operazione
Selva di Fasano, rimosse le carcasse di auto rubate

Selva di Fasano, rimosse le carcasse di auto rubate

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, il difensore Alessandro Minelli fermo per tre mesi

Bari, il difensore Alessandro Minelli fermo per tre mesi

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggial'inchiesta
Arresti comune Foggia: ex consigliere ottiene domiciliari

Arresti comune Foggia: ex consigliere ottiene domiciliari

 
PotenzaCovid
Vaccini: poche dosi, domani a Potenza stop Pfizer e Moderna

Vaccini: poche dosi, domani a Potenza stop Pfizer e Moderna

 
Bariedilizia giudiziaria
Bari, tre sedi provvisorie per il polo penale

Bari, tre sedi provvisorie per il polo penale

 
LecceL'inchiesta
Corsano, incarichi e tangenti: a giudizio sette persone

Corsano, incarichi e tangenti: a giudizio sette persone

 
BatDiversamente abili
Barletta, posto auto per disabili ... cartello fai da te

Barletta, posto auto per disabili ... cartello fai da te

 
TarantoPolizia
Taranto polizia

Taranto: spaccio di droga, arrestati zii e nipote

 
MateraVaccini
Matera, il bilancio di AstraNight: solo 250 dosi somministrate, ce n'erano 750

Matera, il bilancio di AstraNight: solo 250 dosi somministrate, ce n'erano 750

 

i più letti

interviene il prefetto

Torre Guaceto, le forze dell’ordine
in prima linea insieme ai cittadini

E il presidente del Consorzio lancia un appello. Lanciato un «hashtag»

Torre Guaceto, le forze dell’ordine in prima linea insieme ai cittadini

Il prefetto Valenti

CAROVIGNO - “Io sto con Torre Guaceto”. Dopo l’ennesimo e preoccupante fatto accaduto l’altro ieri all’interno dell’oasi, il Consorzio di Gestione di Torre Guaceto ha lanciato l’”hashtag “per ogni aggiornamento al riguardo che porterà la bandiera della legalità e della tutela della Riserva issata anche sui social.

Custodire la meraviglia dell’ambiente di un’oasi è il segreto di un autentico capolavoro della natura. Ma non sempre è così. Infatti, è stato devastato da mano criminale un campo agricolo comunale gestito dal Consorzio e sul quale l’ente di Torre Guaceto stava portando avanti un corposo progetto di restituzione dell’area alla natura con la piantumazione di circa 5mila piante di macchia mediterranea. Tutto questo è stato distrutto in quanto un anonimo ha raggiunto l’area ed ha arato con mezzo agricolo l’intero ettaro, annullando completamente il massiccio intervento di rimboschimento compiuto negli ultimi due anni dal Consorzio.

Su quest’ultimo atto delittuoso lo Stato ha risposto subito ed il Prefetto di Brindisi Valerio Valenti ha convocato il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica per fare il punto della situazione e far quadrato intorno alla Riserva naturale.
Negli ultimi tempi l’aumento di naturalità del sito aveva riportato nel luogo animali tutelati dalla legge europea tipo il cervone, il colubro leopardino, l’albanella minore ed il falco grillaio.

Insomma, una rigogliosa ripresa dell’habitat faunistico molto apprezzato da turisti e amanti della natura e non solo. Per queste importanti ragioni le 5mila piante sradicate verranno tutte ripiantumate con il forte aiuto delle associazioni e delle realtà virtuose che agiscono tanto a livello locale, quanto nazionale. Insomma, ora sarà necessario rimboccarsi le maniche per la ripiantumazione del terreno localizzato nell’area nei pressi di Punta Penna Grossa e soggetta a particolare tutela Sic.

«Non posso che stigmatizzare il comportamento irresponsabile di quanti - ha dichiarato il presidente Mario Tafaro -, non amando Torre Guaceto e il territorio di Carovigno, tendono esclusivamente al perseguimento del proprio tornaconto e contribuiscono alla distruzione dell’habitat». [p. camp.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie