Domenica 31 Maggio 2020 | 23:05

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barifase 2
Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

 
PotenzaVIOLENZA
Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

 
BrindisiFASE 2
Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

 
LecceIL DIBATTITO
Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

 
BatLA PROTESTA
Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

Barletta Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

 
Foggiaoperazione «Ares»
A San Severo mafia, droga e racket in 37 chiedono il rito abbreviato

San Severo, mafia, droga e racket: 37 chiedono rito abbreviato

 
MateraArte
Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 

i più letti

Frecciarossa, dopo Bari tocchi Lecce Per i treni più veloci 40mila adesioni alla petizione della Gazzetta  FIRMA «Ora ridateci tutti i treni»

Frecciarossa, dopo Bari tocchi Lecce Per i treni più veloci 40mila adesioni alla petizione della Gazzetta  FIRMA «Ora ridateci tutti i treni»
di FRANCO GIULIANO

BARI - Grazie, ma non basta. «Vogliamo anche al Sud treni più veloci». Fu questo il tema del Forum organizzato dalla Gazzetta del Mezzogiorno nel maggio del 2013, subito dopo la decisione delle Fs di isolare il Sud trasferendo sulle tratte del Centro-nord i treni Frecciargento e Frecciarossa utilizzati fino a quel momento sulla linea Lecce-Milano. Un evento al quale parteciparono i presidenti delle Regioni: Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, Marche, Gian Mario Spacca; Abruzzo, Gianni Chiodi; Molise, Paolo di Laura Frattura e Puglia, Nichi Vendola, insieme agli amministratori delegati delle Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti e di Ntv, Giuseppe Sciarrone.Il confronto (coi i cinque governatori e i due più potenti manager delle aziende ferroviarie del Paese) rappresentò l’inizio della nostra battaglia che ha coinvolto sindaci, ministri, parlamentari e soprattutto 40mila Lettori che hanno sottoscritto il nostro «Appello» consegnato nei mesi scorsi al Governo. Una iniziativa che aveva come obiettivo quello di verificare l’interesse della politica, e in particolare dei Governi delle regioni che si affacciano sull' Adriatico a sollecitare il progetto dell’Alta Velocità anche lungo la direttrice Lecce-Milano. «Solo attraverso l’individuazione di una strategia unitaria - dissero i partecipanti al forum - si può pensare di ottenere un qualche risultato concreto. Nello specifico, dovremmo porre le basi per presentare una proposta corale al Governo per spingerlo a combattere i maniera efficace la diseguaglianza che esiste attualmente nel sistema del trasporto ferroviario tra il nord e il resto del Paese».

A due anni di distanza da quell’iniziativa che ha rappresentato l’inizio di una battaglia condivisa da quella parte dell’Italia (cinque regioni) esclusa dall’infrastruttura dell’Alta velocità ferroviaria, adesso «solo adesso» (che quei Frecciarossa non servono più al Nord, avendo l’azienda acquistato treni ancora più veloci) Trenitalia ha annunciato che a partire dal prossimo 20 settembre restituirà i treni veloci (gli Etr 500) scippati al Sud per utilizzarli sulle linee ferroviarie delle Regioni del Centro-Nord.

Una sola coppia di treni Frecciarossa sulla tratta Milano-Bari e viceversa in partenza dal capoluogo lombardo alle 7,50 (arrivo alle 14,20) e da Bari part. alle 16,20 (arrivo a Milano alle 22,50).

Una «concessione» che risponde ad una sola delle nostre richieste avanzate al Governo in occasione dell’incontro a Palazzo Chigi tra l'allora sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Graziano Delrio (oggi ministro dei Trasporti) e il direttore della Gazzetta del Mezzogiorno, Giuseppe De Tomaso in occasione della consegna delle 35mila firme. In quel documento chiedevamo (oltre alla infrastruttura) «il possibile». E cioè: «ridurre di ben un'ora e quindici minuti i tempi di viaggio sulla linea ferroviaria Milano-Pescara-Bari, se si utilizzassero treni moderni e adeguati che possano fruire dell'Alta Velocità esistente tra Milano e Bologna, invece di percorrere la tratta storica fra le due città, e che possano procedere ad una velocità superiore anche a sud di Bologna, lungo la linea Adriatica, grazie all'assetto variabile. In questa ipotesi, ad esempio, i tempi di viaggio Milano-Bari si ridurrebbero a circa 6 ore e mezza, Milano-Foggia a 5 ore e mezza e Milano-Pescara a meno di 4 ore».

Abbiamo impiegato anni per convincere i vertici delle Fs che anche senza l’infrastruttura dell’Alta Velocità sull’Adriatica qualcosa si poteva fare restituendo i treni veloci ed operando celermente sulla infrastruttura per aumentare la velocità commerciale della rete soprattutto con l’ausilio della tecnologia. Non una coppia però. Non fino a Bari. Troppo poco rispetto agli 80-90 treni che FS effettua giornalmente sull’Alta Velocità. Oggi il nostro amministratore delegato delle Fs, Michele Mario Elia (pugliese di Castellana Grotte) ci ha restituito solo una parte della nostra dignità di italiani contribuenti. Dignità fortemente compromessa rispetto a quella degli altri cittadini di serie «A» delle restanti regioni del centro-Nord che viaggiano da cristiani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie