Venerdì 21 Settembre 2018 | 19:30

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Il presidente dell'Abruzzo sottoscrive nostro appello «Dateci treni più veloci» Il testo da sottoscrivere La battaglia della Gazzetta

Dalle parole ai fatti. Il presidente della regione Abruzzo, Giovanni Chiodi, dopo aver partecipato a Bari al forum della Gazzetta del Mezzogiorno per reclamare treni più veloci lungo la dorsale adriatica, che colleghino la Puglia con il resto d'Italia, ha appena sottoscritto l'appello presenatto in occasione del forum del 24 maggio scorso a Bari al quale parteciparono i governatori di Molise, Friuli Venezia Giulia, Abruzzo e Puglia, insieme agli Ad di Ferrovie dello Stato e Ntv
Il presidente dell'Abruzzo sottoscrive nostro appello «Dateci treni più veloci» Il testo da sottoscrivere La battaglia della Gazzetta
Dalle parole ai fatti. Il presidente della regione Abruzzo, Giovanni Chiodi, dopo aver partecipato a Bari al forum della Gazzetta del Mezzogiorno per reclamare treni più veloci lungo la dorsale adriatica, che colleghino la Puglia con il resto d'Italia, ha appena sottoscritto l'appello presenatto in occasione del forum del 24 maggio scroso a Bari al quale parteciparono i governatori di Molise, Friuli Venezia Giulia, Molise e Puglia, insieme agli Ad di Ferrovie dello Stato e Ntv

«Per l’Alta Velocità  - aveva detto Chiodi durante il forum - c’è una sorta di “maledizione del mandato elettorale”. Ad un politico non conviene avviare un’opera che non potrà battezzare. Questo ha portato tanti sindaci, o presidenti di regione a preferire di fare aiuole e marciapiedi piuttosto che progetti più alti. Questa è la questione della visione di lungo termine, che è stato il vero problema del nostro Paese. Sono inoltre parzialmente d'accordo con la Serracchiani, perché non credo che le priorità di questo paese debbano a tutti i costi coincidere con le priorità europee. Se le scelte europee portano l'Italia non a dividersi in due ma in quattro, è una questione che non si può tollerare. Per l'Alta Velocità non c'è dubbio che ci sono due Italie e le differenze tra Nord e Sud sono evidentissime. Ciò genera una sperequazione inaccettabile, non solo sul piano dei diritti, ma di prospettive di sviluppo economico. La sperequazione si accetta solo se ci sono strategie per colmarle. Le regioni del Sud oggi hanno solo una scusa per non colmare questo gap: che hanno avuto delle classi dirigenti che hanno dormito quando in Europa si prendevano le decisioni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

GDM.TV

Bari, arsenale d'armi sepolto nel terreno :sequestrate 6 pistole e 100 munizioni

Bari, scoperto arsenale sepolto in un terreno sulla statale 100 VIDEO

 
Palagiustizia, l'affondo di Bonafede«Falsità le accuse contro di me»

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede
«Falsità le accuse contro di me»

 
Gli studenti del Poliba creano la PC5 2018 EVO: ecco la monoposto da corsa

Bari, la nuova monoposto da corsa
creata dagli studenti del Politecnico

 
I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: in arrivo la Red Bull Cliff Diving

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: ecco la Red Bull Cliff Diving

 
La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 
Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

 

PHOTONEWS