Martedì 25 Settembre 2018 | 03:55

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Treni, la nostra battaglia Alta Velocità adriatica tre Regioni firmano l'appello della Gazzetta (manca solo la Puglia) Documenti: Frattura // Chiodi // Serracchiani // Il nostro testo Leggi l'inchiesta della Gazzetta

BARI - Dopo l'appello della Gazzetta per collegare il corridoio Adriatico nella rete nazionale dell'Alta velocità, sono tre i presidenti di Regione ad aver aderito sottoscrivendo il testo che sarà consegnato al Governo: i presidenti del Molise, Paolo Frattura (nella foto), del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, e dell'Abruzzo, Giovanni Chiodi (vedi i documenti allegati). Tra i partecipanti al forum della Gazzetta, ora manca solo la firma del governatore della Puglia, Nichi Vendola
Savino (Pdl): bene iniziativa Gazzetta
Treni, la nostra battaglia Alta Velocità adriatica tre Regioni firmano l'appello della Gazzetta (manca solo la Puglia) Documenti: Frattura // Chiodi // Serracchiani // Il nostro testo Leggi l'inchiesta della Gazzetta
Il viaggio è a buon punto. Al nostro appello per collegare il corridoio Adriatico nella rete nazionale dell'Alta velocità manca la firma soltanto del presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola. Poi il documento, con tutte le adesioni, sarà consegnato al Governo in modo che si cominci a programmare, con studi e progetti, la rete dell’Alta Velocità ferroviaria anche per la dorsale adriatica.

In queste ore, anche il governatore del Molise, Paolo Frattura, ha infatti aderito sottoscrivendo il testo preparato dalla Gazzetta in occasione del forum tenutosi a Bari nello scorso mese di maggio e firmato nei giorni scorsi dal presidente dell'Abruzzo, Gianni Chiodi, e dalla presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani.

Tutti hanno condiviso l'iniziativa. «L’Italia - si scrive nell'appello - è divisa in due. Anzi in quattro. La foto della rete ferroviaria documenta in modo assolutamente oggettivo la doppia frattura che si è generata nel nostro Paese. Una frattura che dobbiamo al più presto ricomporre».

«Chiediamo - sottoscrivono i presidenti nei documenti ufficiali che alleghiamo - che il Governo cominci a programmare, con studi e progetti, la rete dell’Alta Velocità ferroviaria anche per la dorsale adriatica, per la cui realizzazione si potrà lavorare quando le condizioni di finanza pubblica lo consentiranno. Peraltro una convinta e incisiva iniziativa istituzionale del Governo, in questa fase di istruttoria della definitiva approvazione della pianificazione dei corridoi della Rete Ten-T, può ancora consentire l’inserimento del prolungamento del corridoio Adriatico-Baltico fino a Bari, invece che fermarlo, così come previsto dalla Commissione, ad Ancona».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

GDM.TV

Bari, il coro dei 10mila che cantano: «Bari grande amore»

Stadio San Nicola, il coro dei 10mila canta: «Bari grande amore»

 
Bari, viale Traiano: è cominciata la demolizione del ponte

Viale Traiano a Bari: al via la demolizione del ponte

 
La Sancataldese in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

La Sancataldese (illusa) in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

 
Corteo anrtisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

Corteo antisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

 
Acquaviva, rapinatore di marketincastrato dalla ruggine dell'auto

Acquaviva, rapinatore di market incastrato dalla ruggine dell'auto

 
Razzismo, mazze e cinghie in scontri corteo: ferita eurodeputata

Razzismo, mazze e cinghie in scontri a corteo: ferita eurodeputata

 
Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale VD

 
Bari, arsenale d'armi sepolto nel terreno :sequestrate 6 pistole e 100 munizioni

Bari, scoperto arsenale sepolto in un terreno sulla statale 100 VIDEO

 

PHOTONEWS