Sabato 22 Settembre 2018 | 01:16

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Treni, la nostra battaglia Ministro Lupi: «Strategica Alta velocità sull'Adriatica Ora alle Fs realizzarla» Ecco il testo dell'appello FIRMA QUI LA PETIZIONE

BARI - La realizzazione della dorsale adriatica su ferro «è un problema e un interesse che riguarda l'intera nazione». Lo ha detto il ministro dei Trasporti e infrastrutture Maurizio Lupi in question time, sottolineando che il collegamento della dorsale adriatica, nel quadro del completamento del «rettangolo» dell'alta velocità, diventa «strategico». Lupi ha ricordato che per questo nella legge di stabilità sono stati stanziati 350 milioni e ha aggiunto che le Ferrovie dello Stato «dovranno, come sempre fanno, diventare lo strumento attuativo puntuale preciso e nei tempi precisi che dovranno essere dati al Governo per l'attuazione e l'utilizzo delle risorse stanziate». La dichiarazione del ministro dei Trasporti è il primo, importante risultato raggiunto grazie alla mobilitazione delle Regioni Adriatiche, degli enti locali e alle migliaia di cittadini che stanno sottoscrivendo la petizione della Gazzetta del Mezzogiorno. Ora però sarebbe bene che il ministro Lupi dettasse alle Ferrovie dello Stato la politica dei trasporti («Non tocca a Ferrovie dello Stato decidere quali sono gli assets strategici", ha aggiunto il ministro) a partire dall'utilizzo sulla tratta Lecce-Milano-Lecce con l'entrata in vigore del nuovo orario invernale di Trenitalia dei più veloci treni Frecciargento e Frecciarossa. Perchè questo si può fare subito, riducendo i tempi di percorrenza (cioè di vita dei passeggeri) di 1ora e mezza. f.giul.
Il Bari-Calcio firma la petizione
Treni, la nostra battaglia Ministro Lupi: «Strategica Alta velocità sull'Adriatica Ora alle Fs realizzarla» Ecco il testo dell'appello  FIRMA QUI LA PETIZIONE
di FRANCO GIULIANO

BARI - «La realizzazione della dorsale adriatica su ferro è un problema e un interesse che riguarda l'intera nazione». Finalmente, questa volta, a dirlo (dopo l’appello della Gazzetta sottoscritto dai governatori di Puglia, Abruzzo, Molise e Friuli Venezia Giulia, le richieste dei Comuni e le migliaia di firme dei cittadini che continuano a sottoscrivere la nostra petizione), è stato il ministro dei Trasporti e infrastrutture Maurizio Lupi nel corso del question time alla Camera. Il ministro ha poi sottolineato «che il collegamento della dorsale adriatica, nel quadro del completamento del «rettangolo» dell'alta velocità, diventa «strategico».

ILupi ha ricordato che per questa infrastruttura nella legge di stabilità sono stati stanziati 350 milioni e ha aggiunto che le Ferrovie dello Stato «dovranno, come sempre fanno, diventare lo strumento attuativo puntuale preciso e nei tempi precisi che dovranno essere dati al Governo per l'attuazione e l'utilizzo delle risorse stanziate».

La dichiarazione del ministro dei Trasporti è il primo, importante risultato raggiunto dopo la mobilitazione delle Regioni Adriatiche, degli enti locali e le firme delle migliaia di cittadini che attraverso la petizione della Gazzetta chiedono «treni più veloci».

Ora, dopo questa dichiarazione, sarebbe bene che il ministro Lupi contribuisse a far migliorare («Non tocca a Ferrovie dello Stato decidere quali sono gli assets strategici», ha aggiunto il ministro dei Trasporti) il servizio «offerto» sulla tratta Lecce-Milano-Lecce già con l'entrata in vigore del nuovo orario invernale la cui pubblicazione è prevista per le prossime settimane. Già oggi, infatti, si potrebbero ridurre di ben un'ora e quindici minuti i tempi di viaggio sulla linea ferroviaria Milano-Pescara-Bari, se si utilizzassero treni moderni che possano fruire dell'Alta Velocità esistente tra Milano e Bologna, invece di percorrere la tratta storica fra le due città, e che possano procedere ad una velocità superiore anche a sud di Bologna, lungo la linea Adriatica, grazie all'assetto variabile.

In questa ipotesi, ad esempio, i tempi di viaggio Milano-Bari si ridurrebbero a circa 6 ore e mezza, Milano-Foggia a 5 ore e mezza e Milano-Pescara a meno di 4 ore.

In attesa che vengano utilizzati quei 350 milioni previsti nella legge di stabilità per il triennio 2014-2016, sarebbe sufficiente favorire il prolungamento almeno fino a Bari dei nuovi servizi veloci Milano-Ancona, utilizzando i treni Frecciargento e i Fracciarossa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

GDM.TV

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale VD

 
Bari, arsenale d'armi sepolto nel terreno :sequestrate 6 pistole e 100 munizioni

Bari, scoperto arsenale sepolto in un terreno sulla statale 100 VIDEO

 
Palagiustizia, l'affondo di Bonafede«Falsità le accuse contro di me»

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede
«Falsità le accuse contro di me»

 
Gli studenti del Poliba creano la PC5 2018 EVO: ecco la monoposto da corsa

Bari, la nuova monoposto da corsa
creata dagli studenti del Politecnico

 
I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: in arrivo la Red Bull Cliff Diving

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: ecco la Red Bull Cliff Diving

 
La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 

PHOTONEWS