Venerdì 21 Settembre 2018 | 07:55

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Battaglia della Gazzetta Treni, nelle mani di Letta appello per Alta velocità Ecco il testo dell'appello FIRMA QUI LA PETIZIONE

di FRANCO GIULIANO
BARI - Il gesto (immortalato in questa foto) del presidente della Provincia di Bari, Francesco Schittulli mentre consegna la maglietta della battaglia della Gazzetta per la raccolta di firme per l’Alta velocità sulla linea Adriatica, al presidente del Consiglio Enrico Letta, segna un punto importante a favore dell’iniziativa che da anni vede protagonista la «Gazzetta» nella denuncia contro l’isolamento ferroviario da parte dei governi di questo Paese. (Il presidente della Provincia di Bari, Schittulli consegna la maglietta della petizione della Gazzetta per l'Alta velocità ferroviaria al presidente Letta durante la cerimonia di inaugurazione della Fiera - Foto Luca Turi)
Comuni, sindacati, enti, aziende e Federalberghi aderiscono all'iniziativa
Battaglia della Gazzetta Treni, nelle mani di Letta appello per Alta velocità Ecco il testo dell'appello  FIRMA QUI LA PETIZIONE
di FRANCO GIULIANO
BARI - Il gesto (immortalato in questa foto) del presidente della Provincia di Bari, Francesco Schittulli mentre consegna la maglietta della battaglia della Gazzetta per la raccolta di firme per l’Alta velocità sulla linea Adriatica, al presidente del Consiglio Enrico Letta, segna un punto importante a favore dell’iniziativa che da anni vede protagonista la «Gazzetta» nella denuncia contro l’isolamento ferroviario da parte dei governi di questo Paese.

Il presidente Schittulli che aveva già aperto il suo intervento con il riferimento esplicito alla nostra petizione («Se mi permette presidente - aveva detto Schittulli - io credo che debba essere anche l’inizio della nuova Italia che ella responsabilmente rappresenta e che necessità di interventi giurisdizionali e strutturali - un tangibile esempio è la petizione lodevolmente proposta dalla Gazzetta del Mezzogiorno per l’Alta velocità») nel consegnare la maglietta ha «pregato Letta di fare di quel dono un buon uso». Letta ha ringraziato e risposto: «Quello dei collegamenti ferroviari sull’Adriatica è un tema nell’agenda di questo governo».

Anche il presidente della Puglia, Nichi Vendola nel corso del suo intervento ha fatto riferimento alla strozzatura del Paese realizzata dalle Ferrovie. «Ascoltateci - ha detto il governatore della Puglia rivolto al presidente - quando si chiede confronto non è per esibire la cultura del lamento. Se progettiamo e dunque esigiamo di ricucire quella dorsale adriatica che è fratturata, con la ferrovia ad un solo binario tra Termoli e Lesina, lo facciamo perché lì inciampa l’unità del Paese, lì cresce l’ansia dei pendolari e diminuisce il trasporto delle merci: e la Puglia che si ricollega verticalmente al Nord e acchiappa, col treno ad alta capacità, Napoli e la costa tirrenica, diventa concretamente una piattaforma logistica per l’Italia intera».

Vendola (protagonista di questa battaglia insieme ai governatori di Abruzzo, Molise e Friuli che a maggio scorso hanno partecipato al forum organizzato dalla Gazzetta a Bari) ha poi riferito che in un colloquio avuto poco prima della cerimonia con il presidente Letta, il tema del trasporto ferroviario è stato uno dei due argomenti (insieme al progetto per la costruzione in Puglia del nuovo aereo Atr 90 regionale) sui quali la Regione intende avviare una trattativa seria col governo.

Tutti insomma sono concordi con questo sacrosanto diritto delle popolazioni delle regioni adriatiche di poter viaggiare alla stessa velocità riservata al resto del Paese. Anche il sindaco di Bari, Michele Emiliano (che ha annunciato sarà tra i nuovi sostenitori della iniziativa della «Gazzetta») ha fatto un «timido» riferimento all’argomento: «Realizziamo in fretta la nuova tratta ferroviaria Bari-Napoli, raddoppiamo la linea adriatica laddove è ancora a un binario e velocizziamola».

Una priorità riconosciuta da tutti. Ora è diventato anche un promemoria per il presidente del Consiglio di questo governo. Che andando via dopo la cerimonia (accompagnato da Vendola e Schittulli), ha tenuto ben stretta nelle mani anche quella maglietta che aveva ricevuto sul palco, sulla quale è scritto: «Vogliamo anche al Sud treni più veloci».

In conclusione, è chiedere molto, già oggi (in attesa dell’Alta velocità), poter viaggiare da Lecce a Milano su treni Frecciarossa e Frecciargento senza cambio a Bologna e recuperare così 1 ora e 15 minuti sui tempi di percorrenza, a vantaggio anche di Abruzzo e Molise?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

GDM.TV

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede«Falsità le accuse contro di me»

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede
«Falsità le accuse contro di me»

 
Gli studenti del Poliba creano la PC5 2018 EVO: ecco la monoposto da corsa

Bari, la nuova monoposto da corsa
creata dagli studenti del Politecnico

 
I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: in arrivo la Red Bull Cliff Diving

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: ecco la Red Bull Cliff Diving

 
La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 
Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

 
Bari, anziano cade in un pozzoil salvataggio dei Vigili del fuoco

Bari, anziano cade in un pozzo
il salvataggio dei Vigili del fuoco Vd

 

PHOTONEWS