Martedì 25 Settembre 2018 | 20:33

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Un lettore: il mio viaggio in treno Brindisi-Milano nel silenzio della politica

di GIANNI PIZZI*
Viaggio Brindisi Milano: un Lettore racconta il suo viaggio da incubo. "La Gazzetta ha svolto un compito importante di informazione e sensibilizzazione sulla questione della soppressione dei treni notturni, a partire dallo scorso 11 dicembre. Le implicazioni di quella decisione sono state drammatiche per i lavoratori – che hanno perso il lavoro - e per gli utenti, che hanno perso i collegamenti diretti e i costi contenuti del trasporto universale".
Un lettore: il mio viaggio in treno Brindisi-Milano nel silenzio della politica
Da un Lettore Riceviamo:
di GIANNI PIZZI*
Viaggio Brindisi Milano. La Gazzetta ha svolto un compito importante di informazione e sensibilizzazione sulla questione della soppressione dei treni notturni, a partire dallo scorso 11 dicembre. Le implicazioni di quella decisione sono state drammatiche per i lavoratori – che hanno perso il lavoro - e per gli utenti, che hanno perso i collegamenti diretti e i costi contenuti del trasporto universale.

Nell’ambito dei servizi pubblici , credo sia un caso più unico che raro di incremento così rilevante dei costi a fronte di un così netto peggioramento della qualità. Una decisione indegna di un paese civile , perpetrata contro i lavoratori , contro gli utenti contro il servizio , contro il principio di mobilità, contro l’unità del paese. Mi chiedo come mai una decisione così spudorata non abbia sollevato una indignazione adeguata nel mondo politico, che dovrebbe rappresentare i bisogni dei cittadini e dare ad essi le risposte possibili. Vuol dire che il trasporto pubblico non rientra nei compiti della politica? Non credo, dal momento che il diritto alla mobilità è addirittura un diritto costituzionale.
 
Probabilmente c’è stata una sottovalutazione del disagio a cui i viaggiatori devono sottoporsi. per raggiungere dal sud le città del nord e viceversa. Intendo i viaggiatori che per ragioni di lavoro, di tempo o semplice preferenza scelgono i treni notturni.

Vediamo di spiegarlo meglio:

Prima dell’11 dicembre era rimasto un unico treno da Brindisi a Milano
Brindisi 20.21 Milano : 7.10 Durata: 10 h e 49 minuti Costo: 59 euro (+ eventuale cuccetta)

Vediamo cosa accade adesso :






Oggi il costo minimo è di 92 euro (+ cuccetta) e la durata quasi sempre maggiore, nonostante l’enfasi data all’alta velocità.

Più in dettaglio, per arrivare a Milano intorno alle 7, in tempo per recarsi al lavoro, l’unico modo possibile è il treno delle 17, 14 per Roma, con durata di 13h,41’ e costo in seconda classe di 106 euro ( + eventuale cuccetta).

I treni con cambio a Bologna hanno tempi di percorrenza analoghi o poco superiori, ma attese a Bologna troppo lunghe, che diventano più lunghe se il viaggiatore decide di risparmiare i 42 euro a testa necessari per pagare un biglietto Freccia Rossa per la tratta Bologna – Milano, una cifra corrispondente a quello che fino a due o tre anni fa era il prezzo dell’intera tratta Brindisi Milano.

Facciamo il caso della mia famiglia, di 4 persone. Siamo partiti la sera del 1 gennaio per ritornare a Milano dopo le vacanze natalizie trascorse (come fanno tanti ) nel paese di origine. Avendo speso quasi 300 euro complessive per la tratta Brindisi- Bologna, abbiamo pensato che potevamo risparmiare sulla tratta Bologna - Milano. Abbiamo rinunciato al Freccia Rossa delle 9.10 che sarebbe costato 168 euro (42 x4) e optato per il rapido delle 9,46, che ci ha portato a Milano alle 12,10. un decisione forse irrazionale per chi non ha problemi di budget, ma che sarebbe approvata da un buon numero di viaggiatori, almeno da quelli che condividono uno stipendio da impiegato.

Alla fine abbiamo impiegato 12h,20’ da Brindisi a Milano, mentre per raggiungere Como ci sono volute altre 2h,20’, anche a causa della soppressione di alcuni treni delle Ferrovie Nord.

Siamo usciti dalla casa di mia madre (in provincia di Brindisi) alle 23 del 1 gennaio per entrare in casa nostra, a Como alle 15 del 2 gennaio. E pensare che non più di una decina di anni fa c’era un treno (credo diretto a Stoccarda) che da Brindisi fermava direttamente a Como.

C’è un’idea vaga di questi spaccati di vita nella testa dei nostri rappresentanti e amministratori? La forma privatistica della gestione di Trenitalia non può esonerare la classe politica ad assumere questo problema come prioritario, specie quando questa gestione si rivela così dissennata.

Dopo la riforma del Titolo V della Costituzione, i trasporti sono materia di legislazione concorrente tra Stato e Regioni (art. 117 Cost.). I consiglieri e gli assessori regionali sono dunque chiamati in causa direttamente, per il mandato che hanno ricevuto e per le funzioni loro attribuite dalla Legge fondamentale dello Stato.
Se la campagna della Gazzetta - compresi i contributi resi liberamente dagli utenti (come nel mio caso) - non è bastata a rendere l’idea, i consiglieri regionali potrebbero - tutti insieme - decidere di fare un viaggio analogo a quello che ho descritto in questo mio amaro resoconto.

Forse il Paese andrebbe meglio se le condizioni di chi amministra - almeno per un giorno - potessero coincidere con quelle di chi è amministrato.
--------------
Gianni Pizzi* (Biblioteca Centrale di Milano)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

GDM.TV

Buon compleanno Gazzetta del Mezzogiorno: gli auguri dalla Basilicata

130 anni Gazzetta Del Mezzogiorno: l'evento a Potenza

 
Arresti a Foggia e Bari per furti mezzi agricoli: l'operazione

Arresti a Foggia e Bari per furti mezzi agricoli: l'operazione

 
Bari, il coro dei 10mila che cantano: «Bari grande amore»

Stadio San Nicola, il coro dei 10mila canta: «Bari grande amore»

 
Bari, viale Traiano: è cominciata la demolizione del ponte

Viale Traiano a Bari: al via la demolizione del ponte

 
La Sancataldese in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

La Sancataldese (illusa) in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

 
Corteo anrtisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

Corteo antisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

 
Acquaviva, rapinatore di marketincastrato dalla ruggine dell'auto

Acquaviva, rapinatore di market incastrato dalla ruggine dell'auto

 
Razzismo, mazze e cinghie in scontri corteo: ferita eurodeputata

Razzismo, mazze e cinghie in scontri a corteo: ferita eurodeputata

 

PHOTONEWS