Giovedì 18 Ottobre 2018 | 09:52

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

11 dicembre/24 aprile Treni, la Puglia isolata il «tavolo» che non c'è e le promesse mancate

di FRANCO GIULIANO
BARI - Ricordate le promesse della politica (il presidente del Consiglio regionale Introna e del capogruppo Pd, Decaro: «Tutto il Consiglio in treno di notte») all'indomani dell'entrata in vigore del nuovo orario invernale di Trenitalia per bloccare la sciagurata scelta della società ferrovaria di «tagliare» i treni, fermare i convogli a Bologna costringendo i passeggeri pugliesi a cambiare treno all'alba e salire sui lussuosi Frecciarossa per poi arrivare nella stazione di Milano? Quattro mesi dopo (era l'11 dicembre del 2011) nulla è accaduto. Ma la "Gazzetta" continuerà a seguire il caso fino a quando non sarà finalmente risolto nell'interesse di tutti i pugliesi.
11 dicembre/24 aprile Treni, la Puglia isolata il «tavolo» che non c'è e le promesse mancate
di FRANCO GIULIANO
Ricordate le promesse della politica (il presidente del Consiglio regionale Onofrio Introna e del capogruppo Pd, Antonio Decaro: «Tutto il Consiglio in treno di notte») all'indomani dell'entrata in vigore del nuovo orario invernale di Trenitalia per bloccare la sciagurata scelta della società ferrovaria di «tagliare» i treni, fermare i convogli a Bologna costringendo i passeggeri pugliesi a cambiare treno all'alba e salire sui lussuosi Frecciarossa per poi arrivare nella stazione di Milano?

Quattro mesi dopo (era l'11 dicembre del 2011) quella rivoluzione nel trasporto ferroviario che causa disagi ai passeggeri da e per il Sud, tagliando di fatto in due il Paese, nulla è accaduto. Anche del tavolo, annunciato da Passera a Vendola non si sa più nulla.

Gli incontri dell'assessore regionale Guglielmo Minervini con i vertici delle Fs, la lettera del presidente Nichi Vendola al premier Monti, il vertice di qualche settimana fa di Vendola e Minervini con il ministro dello Sviluppo Passera oltre alle annunciate iniziative a sostegno della battaglia dei cittadini e della Gazzetta (del presidente del Consiglio Regionale e del capogruppo del Pd alla Regione «anche noi insieme ai pugliesi di notte in treno») di fatto non hanno risolto il problema: le tariffe sono rimaste quelle - alte - decise dall'amministratore di Trenitalia Moretti e nulla è cambiato per quanto riguarda la fermata obbligatoria a Bologna cui sono costretti i passeggeri diretti da Lecce e Bari a Milano.

Insomma i tentativi della politica, comprese le campagne di denuncia (sul palazzo del presidente della Regione Puglia sventola ancora quell'enorme cartello «La Puglia non è un binario morto, ridateci i treni»), alla fine sono risultati vani, praticamente un fallimento della politica.

Le uniche novità (?) sono i due dossier della Regione Puglia con i quali ci viene spiegato (ma c'era bisogno?) che Trenitalia tratta il Nord meglio del Sud. A Fronte di tutto questo nulla è cambiato: i treni da Lecce a Milano e viceversa continuano a fermare sempre a Bologna. Mentre del tavolo annunciato dal ministro Passera (a Vendola e Minervini) «entro marzo» non se ne sa più nulla.

Non sappiamo se la promessa del ministro Passera - che lo scorso 22 febbraio fece dichiarare a Minervini e Vendola di aver «trovato un ministro attento, non una controparte ma un interlocutore attento»- di convocare un tavolo, resterà una promessa o si tramuterà in un atto concreto. E soprattutto se con il nuovo orario estivo il ministro avrà modo di imporre a Moretti di ricollegare la Puglia al resto del Paese, cioè «di riequilibrare l’offerta di servizi tra nord e sud del Paese» e soprattutto di abolire il cambio a Bologna. Il ministro sappia che la Puglia non dimentica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

GDM.TV

Sanità, Emiliano visita gli ospedali e le Asl Bat: il video

Sanità, Emiliano visita gli ospedali e le Asl Bat: «Migliorata l'offerta» Vd

 
Strage S.M. in Lamis, dopo un anno arrestato pregiudicato. Morirono i fratelli Luciani, innocenti

Strage S.M. in Lamis, un arresto. Morirono i fratelli Luciani, innocenti VD

 
Tap, la promessa di Di Battista: «Lo bloccheremo in 2 settimane»

Tap, la promessa di Di Battista: «Lo bloccheremo in 2 settimane»

 
Rapinano ufficio postale a Lucera, arrestati un 19enne e un 22enne di Cerignola

Rapinano ufficio postale a Lucera, arrestati un 19enne e un 22enne 

 
Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

 
Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano

Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano in strada

 
Getta sacco rifiuti in strada, assessore Ambiente glielo restituisce

Getta sacco rifiuti in strada, assessore Ambiente glielo restituisce

 
Le Cesine, sequestrati 3 quintali di marijuana e hashish: 2 arresti

Le Cesine, sequestrati 3 quintali di marijuana e hashish: 2 arresti

 

PHOTONEWS