Giovedì 18 Aprile 2019 | 19:14

NEWS DALLA SEZIONE

Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 
Il punto
«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

sentenza definitiva

«Estate tranese», da Cassazione assoluzione per ex sindaco Tarantini: il fatto non sussiste

L'ex primo cittadino e altri ex amministratori erano stati condannati in primo grado nel 2013: poi l'assoluzione in appello e ora il sigillo del terzo grado

«Estate tranese», da Cassazioneassoluzione per ex sindaco Tarantini: il fatto non sussiste

NICO AURORA

Trani - «Ricevere questa notizia nel giorno del centodecimo compleanno della mia squadra del cuore è la cosa più bella che potesse accadere». Non scherza neanche più di tanto Pinuccio Tarantini, ex sindaco di Trani, commentando con una nota di colore, decisamente a sfondo nero azzurro, il provvedimento di assoluzione nei suoi confronti, e di altre cinque persone, per le inchieste sulle Estati tranesi 2005 e 2006, disposto proprio ieri, 9 marzo, dal Primo collegio della Suprema corte di cassazione.

«I fatti non sussistono», è la sentenza del terzo e conclusivo grado di giudizio, cui si era giunti dopo che Tarantini, e gli altri ex amministratori erano stati condannati in primo grado, il 20 dicembre 2013, dal Tribunale di Trani. Insieme con lui l’ex vicesindaco, Mauro Scagliarini, l’ex assessore alle finanze, Sergio De Feudis, l’ex presidente di Amet, Alfonso Mangione, l’ex presidente di Amiu, Claudio Squiccimarro, e l’ex assessore alla cultura, Nicola Quinto.

Contro la sentenza di primo grado tutti avevano proposto ricorso presso la Corte d’appello, che il 12 maggio 2016 aveva rilasciato una sentenza di secondo grado assolutoria per Tarantini, con riferimento alla concussione, e di assoluzione per prescrizione per tutti e sei, con riferimento all’abuso d’ufficio. Non soddisfatti gli interessati avevano proposto ricorso per cassazione ottenendo l’annullamento, senza rinvio alla Corte d’appello, della sentenza impugnata, «perché i fatti non sussistono».

Vicenda chiusa per sempre, dunque, a distanza di ben tredici anni dai fatti contestati. E tutte azzerate, di conseguenza, le condanne del processo di primo grado, durante il quale altri imputati erano stati già assolti per non avere commesso il fatto o perché il fatto non costituiva reato, dal punto di vista penale. Resterebbe ancora aperta un’eventuale finestra sulla Corte dei conti, cui la Procura della Repubblica di Trani aveva rimesso gli atti del processo di primo grado.

I fatti si riferiscono al primo mandato del sindaco Tarantini. Secondo l’accusa, sostenuta dall’ex Pm di Trani Antonio Savasta, nel 2005 sarebbero stati spesi 916.030 euro, nel 2006 730.681 euro, somme ritenute «di molto eccedenti le disponibilità finanziarie del Comune, pari rispettivamente ad euro 171.711 ed euro 300.000, riversando su Amet ed ed Amiu, anche con l’apporto di presunte minacce ed atti fraudolenti, la differenza tra quanto già legittimamente disponibile nelle casse comunali ed il costo effettivo dell’intero programma. Così operando, sempre secondo l’accusa, avrebbero contribuito alla formazione di un debito fuori bilancio, stimato in oltre 6.000.000 di euro, nonché a depauperare il patrimonio delle stesse aziende.
Comune, Amet, ed Amiu non si costituirono parte civile, mentre adesso gli ex imputati punteranno ad ottenere i risarcimenti, sebbene la giurisprudenza tenda a garantirli solo per i dipendenti degli enti, e non per i loro amministratori.

In Cassazione Giuseppe Tarantini è stato difeso da Filiberto Palumbo, Mangione e Squiccimarro da Domenico Di Terlizzi, Scagliarini da Antonio Florio, De Feudis e Quinto da Domenico Lamantea.
«Oggi, nella città di Trani, finalmente si è fatta giustizia. La macchina del fango messa in campo in questi anni, da diffamatori di professione e giustizialisti, finalmente dovrà arrestarsi». Così Luigi De Mucci, commissario provinciale di Forza Italia, con riferimento alle assoluzioni, da parte della Cassazione, degli ex amministratori pubblici per le inchieste sulle Estati tranesi 2005 e 2006.
De Mucci, in particolare, rivolge, «un forte abbraccio all'amico Alfonso Maria Mangione (oggi commissario cittadino del partito, ndr), vittima innocente di accuse che si sono rivelate del tutto infondate. Ritengo che più di una persona - conclude De Mucci - adesso dovrà cospargersi il capo di cenere e porgere pubbliche scuse».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400