Giovedì 23 Maggio 2019 | 09:56

NEWS DALLA SEZIONE

Dopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
Sanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 
Sanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
L'indagine
Arresto Giancaspro, legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

Bancarotta, l'ex patron del Bari Giancaspro interrogato per 6 ore
Legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

 
I danni
Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

 
Riflettori puntati
Trani, inchiesta Giancaspro: nuovo stadio in periferia, palazzi al posto del vecchio

Trani, inchiesta Giancaspro: nuovo stadio in periferia, palazzi al posto del vecchio

 
Il diretto
Ferrovie: l'Alta Velocità arriva a Barletta, due Frecciargento da e per Roma

Treni, a Barletta fermerà Bari-Roma. Mit: nuovi servizi su Alta velocità. Che non esiste

 
L'episodio
Bisceglie: atti osé in piazza fra adolescenti, scoppia rissa

Bisceglie: atti osé in piazza fra adolescenti, scoppia rissa

 
Magnitudo 2
Piccola scossa di terremoto tra Barletta e Foggia: nessun danno

Piccola scossa di terremoto tra Barletta e Foggia: nessun danno

 
REBUS VIABILITÀ
Trani, caos passaggio a livello: 60 giorni per scegliere

Trani, caos passaggio a livello: 60 giorni per scegliere

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, 10 milioni di euro per il mercatoDe Laurentiis vuole crescere in fretta

Bari, 10 milioni di euro per il mercato: De Laurentiis vuole crescere in fretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barisud-est barese
Xylella, da osservatorio regionale nuova mappa aree a rischio

Xylella, da osservatorio regionale nuova mappa aree a rischio

 
TarantoTaranto
Ex Ilva, Usb minaccia azioni legali su graduatorie esuberi

Ex Ilva, Usb minaccia azioni legali su graduatorie esuberi

 
BatDopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
MateraL'idea
Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

 
LecceÈ in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
Foggianel foggiano
mattinata

Mafia, amministrazione giudiziaria per ditta allevamento a Mattinata

 
BrindisiDopo la denuncia
Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

 
PotenzaL'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 

i più letti

In un bar

Corato, tanti caffè «sospesi»
mancano i clienti bisognosi

Diversi clienti generosi ma pochi avventori che non hanno difficoltà: e sulla lavagnetta i caffè si accumulano i «crediti»

Corato, tanti caffè «sospesi»mancano i clienti bisognosi

GIANPAOLO BALSAMO

Diversi clienti generosi ma pochi avventori «bisognosi». La morsa della crisi economica ingenera anche simili paradossi. Quello del «caffè sospeso» non richiesto. A testimoniarlo è Aldo Diasparra che nel suo locale (il «Bar Movida» di Corato) da alcuni giorni continua a segnare sull’apposita lavagnetta i caffè sospesi che richiamano quell’antica usanza napoletana (descritta anche in un libro di Luciano De Crescenzo) di lasciare al bar presso cui ci si serve, un caffè pagato. Il barista potrà offrirlo a chi non può permetterselo.

«I caffè offerti si stano stranamente accumulando - spiega il barista -. Oramai viaggiamo sulla ventina. Fino a qualche settimana fa, di tanto in tanto qualcuno si affacciava alla porta e chiedeva se ci fosse “un caffè sospeso”. Adesso non riesco più a spuntare quelli consumati». Eppure proprio Aldo Diasparra è stato sempre un barista dal buon cuore: già da qualche anno il morso della crisi aveva fatto diventare l’usanza del caffè sospeso una buona pratica, utile anche in termini di immagine per il suo locale, nel centro di Corato, a due passi da Palazzo di città.

«Invito, chi ne avesse davvero bisogno, a sfruttare i caffè sospesi che, ovviamente, continuerò ad annotare sulla lavagnetta. Gli “scrocconi”, sia ben inteso, non sono graditi», avverte Aldo Diasparra. Eppure, siamo convinti, di persone che non hanno da mangiare ce ne sono eccome. La carità, è pur vero, non si esibisce con un cartello. Ma l'usanza del caffè sospeso sarebbe profondamente sbagliato dimenticare. Il semplice gesto racchiude in sé un sentimento di condivisione di problemi, comunicazione e comprensione: chi ha di più non dimentica chi ha di meno. Saggezza quotidiana in piccoli sorsi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400