Domenica 21 Ottobre 2018 | 12:38

NEWS DALLA SEZIONE

Davanti alla chiese
Bisceglie, spacciano 50 euro falseper le piantine dei malati di tumore

Bisceglie, spacciano 50 euro false per le piante dei ma...

 
Il prodigio
Mons. Dimiccoli, il miracolo fu valido: curò paraplegico

Mons. Dimiccoli, il miracolo fu valido: curò paraplegic...

 
Presi dalla Polizia
Andria, in cella due rapinatori: pestarono cliente in sala giochi

Andria, in cella due rapinatori: pestarono cliente in s...

 
la tragedia di Andria
Scontro treni, il gup chiama in causail Ministero e la Ferrotramviaria

Scontro treni, gup chiama in causa il Ministero e la Fe...

 
Il caso
Barletta, cantieri «a sorpresa» e il traffico va subito in tilt

Barletta, cantieri «a sorpresa» e il traffico va subito...

 
Il convegno
Bat? Territorio fragile, ma lo Stato c'è: focus sicurezza a Canosa

Bat? Territorio fragile, ma lo Stato c'è: focus sicurez...

 
Il bilancio
Vendemmia: un'ottima annata, +20% rispetto al 2017

Vendemmia: un'ottima annata, +20% rispetto al 2017

 
La strage
Cani morti in strada a Trani, mistero irrisolto

Cani morti in strada a Trani, mistero irrisolto

 
Ad Andria
Sequestrate costruzioni abusive nel Parco Nazionale Murgia

Sequestrate costruzioni abusive nel Parco Nazionale Mur...

 
Il caso
Domenica con beffa, chiuso il castello di Trani: «Famiglie state a casa»

Chiuso castello di Trani di domenica: «Famiglie a casa»

 
Sulla Corato-Altamura
Furgone si ribalta a causa di cinghiali: ambulanti salvi per miracolo

Furgone si ribalta a causa di cinghiali: ambulanti salv...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

trani

Fondi in arrivo per risanare
l'area verde di villa Telesio

Fondi in arrivo per risanarel'area verde di villa Telesio

di Nico Aurora

TRANI - «Portiamo a casa 56mila euro perché siamo stati bravi a partecipare, con un progetto valido e qualificato, ad una richiesta di manifestazioni d’interesse per l’assegnazione di contributi finalizzata alla sistemazione di aree verdi degradate». Così il sindaco, Amedeo Bottaro, in merito al progetto per la riqualificazione e rilancio di villa Telesio, nel cuore del quartiere Pozzo piano, a sud della città.

Dopo avere formalizzato la convenzione per la cessione a favore del Comune dell’intera area della villa, comprendente suolo, fabbricati ed essenze arboree esistenti, è arrivato un finanziamento regionale di 56mila euro per la sua sistemazione. Il Comune di Trani aveva presentato domanda d’accesso al contributo puntando, decisa, su quel luogo: scelta oculata e vincente, soprattutto tenendo conto del fatto che sono appena quattro i comuni pugliesi, e Trani l’unico della Bat, che hanno intercettato questa opportunità, offerta dall’avviso emanato a suo tempo dalla Regione Puglia.

«Gli interventi - spiega Bottaro - saranno finalizzati al recupero del bene ed al suo utilizzo come parco, secondo una riqualificazione che mira alla graduale, piena, fruizione dell’area. Si tratta di un’immensa area verde di pregio, inglobata in un quartiere che non dispone di aree verdi attrezzate, motivo per il quale, a più riprese, il comitato di quartiere aveva interpellato l’amministrazione comunale per chiedere un intervento risolutore. Il giardino, quindi, costituirà per la città una vera ricchezza territoriale».

L’area interessata, peraltro, ricade nell’ambito del Piano urbanistico esecutivo compreso tra corso don Luigi Sturzo, via Bari, via Tolomeo e via Pozzopiano. L’intervento per il quale è stato ottenuto il finanziamento si pone l’obiettivo di riportare alla luce, senza stravolgimenti, lo splendore del complesso arboreo esistente, permettendo alla comunità locale di vivere in piena accessibilità un parco che, per estensione, si avvicinerebbe alla villa comunale.

Non meno importante è il risultato ottenuto dalla stipula della convenzione relativa al Pue. Infatti, fra le aree cedute gratuitamente al Comune, ve ne sono alcune assolutamente strategiche, che consentiranno al quartiere di Pozzo piano di beneficiare di opere di urbanizzazione secondaria attese da tantissimi anni.

In particolare, senza toccare minimamente lo storico muro di cinta su via Pozzo piano, il proprietario dell’area dirimpettaia, un ex opificio destinato ad essere demolito per l’edificazione di civili abitazioni, lascerà al Comune, previo esproprio, lo spazio utile all’allargamento della strettoia di via Pozzo piano, che rappresenta da sempre il maggiore problema del quartiere dal punto di vista della viabilità e, più in generale, della qualità della vita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400