Sabato 20 Aprile 2019 | 04:11

NEWS DALLA SEZIONE

È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl caso
Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

 
LecceLa decisione
Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

 
BrindisiIl batterio killer
Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

 
TarantoA grottaglie (Ta)
Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

 
Materavittima un materano
Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

 
PotenzaL'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
BatÈ incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 

la tragedia

Ex militare morto in Brasile
durante rapina, la salma in Italia

Andria, angoscia e dolore I funerali del carabiniere in congedo Mario Simone sono previsti giovedì

 Ex militare morto in Brasiledurante rapina, la salma in Italia

MARILENA PASTORE

ANDRIA - «Finalmente riabbracceremo nostro fratello. Non ci sembra possibile che questa tragedia sia capitata alla nostra famiglia. Stentiamo ancora a credere che Mario sia morto così».

Angoscia e dolore nelle parole di Paky Simone, fratello di Mario ex carabiniere in congedo di 51 anni ferito mortalmente in una rapina, in circostanze ancora tutte da chiarire, in Brasile il 17 novembre scorso a Igarapè-Miri (Regione del Parà). L’arrivo della salma in Italia è previsto per domani sera; le esequie, invece, giovedì 14 dicembre alle ore 10 nella chiesa SS. Trinità. Ad occuparsi della vicenda è stata l’ambasciata italiana in Brasile e la Farnesina. Tantissime le difficoltà burocratiche per il rimpatrio della salma che la famiglia di origine di Mario ha dovuto affrontare. Nelle scorse settimane aveva anche incontrato la stampa per denunciare la mancanza di supporto da parte delle istituzioni. E invece, grazie poi all’interessamento di alcuni esponenti politici prima locali e poi nazionali la situazione sembra essersi risolta, almeno per il rientro della salma. Prudenza manifesta però il fratello Paky: la speranza è che una volta atterrato a Roma non ci sia un ulteriore stop da parte degli organi inquirenti. Lo stesso ci dice che la procura della repubblica di Roma ha avviato le indagini per questo caso ancora avvolto nel mistero. In particolare si sta cercando di appurare le cause reali della morte di Mario: le ferite inferte o la precaria assistenza sanitaria che gli è stata riservata?

Il decesso sembra sia dovuto a setticemia, secondo quanto riferisce Packy Simone. L’agguato è avvenuto il 17 novembre, la morte è sopraggiunta dopo una settimana di agonia in ospedale, all’Hospital metropolitano di Alameda BR. Assieme alla salma tornerà in Italia anche l’altro fratello Rino, luogotenente dei carabinieri in Toscana, che è andato di persona in Brasile appena giunta la notizia del mortale agguato. «Mario era un cittadino italiano che si era trasferito lontano per fare una vita dignitosa- ribadisce Paky Simone - Faceva i suoi lavori, proteggeva le persone più deboli, aveva una compagna e proteggeva i due figli piccoli di lei che aveva tolto dalla strada. Avevano progettato di andare via da lì e trasferirsi in Argentina. Ma non ce l’hanno fatta. Mio fratello aveva denunciato più volte le situazioni di pericolo in cui si era trovato. Il nostro dolore è anche per loro adesso rimasti soli lì, senza alcuna protezione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400