Lunedì 22 Ottobre 2018 | 01:16

NEWS DALLA SEZIONE

Davanti alla chiese
Bisceglie, spacciano 50 euro falseper le piantine dei malati di tumore

Bisceglie, spacciano 50 euro false per le piante dei ma...

 
Il prodigio
Mons. Dimiccoli, il miracolo fu valido: curò paraplegico

Mons. Dimiccoli, il miracolo fu valido: curò paraplegic...

 
Presi dalla Polizia
Andria, in cella due rapinatori: pestarono cliente in sala giochi

Andria, in cella due rapinatori: pestarono cliente in s...

 
la tragedia di Andria
Scontro treni, il gup chiama in causail Ministero e la Ferrotramviaria

Scontro treni, gup chiama in causa il Ministero e la Fe...

 
Il caso
Barletta, cantieri «a sorpresa» e il traffico va subito in tilt

Barletta, cantieri «a sorpresa» e il traffico va subito...

 
Il convegno
Bat? Territorio fragile, ma lo Stato c'è: focus sicurezza a Canosa

Bat? Territorio fragile, ma lo Stato c'è: focus sicurez...

 
Il bilancio
Vendemmia: un'ottima annata, +20% rispetto al 2017

Vendemmia: un'ottima annata, +20% rispetto al 2017

 
La strage
Cani morti in strada a Trani, mistero irrisolto

Cani morti in strada a Trani, mistero irrisolto

 
Ad Andria
Sequestrate costruzioni abusive nel Parco Nazionale Murgia

Sequestrate costruzioni abusive nel Parco Nazionale Mur...

 
Il caso
Domenica con beffa, chiuso il castello di Trani: «Famiglie state a casa»

Chiuso castello di Trani di domenica: «Famiglie a casa»

 
Sulla Corato-Altamura
Furgone si ribalta a causa di cinghiali: ambulanti salvi per miracolo

Furgone si ribalta a causa di cinghiali: ambulanti salv...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Un 20enne

Andria, finiti i domiciliari
e riprende a perseguitare la ex

Aveva ripreso a molestare una minorenne: al giovane ordinati nuovamente i domiciliari

Non potendo più perseguitare la sua ex fidanzata, una ragazza minorenne, in quanto sistemata in una struttura protetta e segreta, aveva cominciato a minacciare i familiari di lei, soprattutto il fratello minore, annunciando anche che, terminato il divieto di avvicinamento e l’obbligo di dimora, sarebbe andato a riprendersi la sua ex.

Per questo il tribunale di Trani ha disposto gli arresti domiciliari per un 20enne pregiudicato di Andria, misura alla quale il ragazzo era già stato sottoposto fino a qualche giorno prima. La minorenne lo aveva denunciato più volte insieme ai suoi genitori, per avere subito aggressioni fisiche, minacce e intimidazioni. Motivo per cui il ragazzo, inizialmente destinatario di un provvedimento di divieto di avvicinamento, aveva trascorso altri periodi ai domiciliari, da maggio scorso, e anche uno di custodia in carcere. Non appena tali misure erano state attenuate, il ragazzo aveva ripreso a molestare i familiari della giovanissima fidanzata violando le prescrizioni cui era sottoposto e dimostrando di rappresentare un pericolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alessia

    11 Ottobre 2017 - 12:12

    ...al posto del padre della vittima lo avrei portato in campagna e utilizzato come concime per gli ulivi!

    Rispondi