Lunedì 22 Ottobre 2018 | 01:19

NEWS DALLA SEZIONE

Davanti alla chiese
Bisceglie, spacciano 50 euro falseper le piantine dei malati di tumore

Bisceglie, spacciano 50 euro false per le piante dei ma...

 
Il prodigio
Mons. Dimiccoli, il miracolo fu valido: curò paraplegico

Mons. Dimiccoli, il miracolo fu valido: curò paraplegic...

 
Presi dalla Polizia
Andria, in cella due rapinatori: pestarono cliente in sala giochi

Andria, in cella due rapinatori: pestarono cliente in s...

 
la tragedia di Andria
Scontro treni, il gup chiama in causail Ministero e la Ferrotramviaria

Scontro treni, gup chiama in causa il Ministero e la Fe...

 
Il caso
Barletta, cantieri «a sorpresa» e il traffico va subito in tilt

Barletta, cantieri «a sorpresa» e il traffico va subito...

 
Il convegno
Bat? Territorio fragile, ma lo Stato c'è: focus sicurezza a Canosa

Bat? Territorio fragile, ma lo Stato c'è: focus sicurez...

 
Il bilancio
Vendemmia: un'ottima annata, +20% rispetto al 2017

Vendemmia: un'ottima annata, +20% rispetto al 2017

 
La strage
Cani morti in strada a Trani, mistero irrisolto

Cani morti in strada a Trani, mistero irrisolto

 
Ad Andria
Sequestrate costruzioni abusive nel Parco Nazionale Murgia

Sequestrate costruzioni abusive nel Parco Nazionale Mur...

 
Il caso
Domenica con beffa, chiuso il castello di Trani: «Famiglie state a casa»

Chiuso castello di Trani di domenica: «Famiglie a casa»

 
Sulla Corato-Altamura
Furgone si ribalta a causa di cinghiali: ambulanti salvi per miracolo

Furgone si ribalta a causa di cinghiali: ambulanti salv...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Parla solo il vicesindaco Pd

Barletta, Cascella se ne va
ma i suoi alleati sono muti

Barletta, Cascella se ne va  ma i suoi alleati sono muti

di Rino Daloiso

BARLETTA - Silenzio. Dopo l’annuncio del «passo indietro» da parte del sindaco Pasquale Cascella, venerdì sera durante la direzione provinciale del Pd (presente anche il segretario regionale e provinciale Marco Lacarra), non parla nesuno. Anzi. Tacciono tutti, tranne uno: il vicesindaco Antonio Divincenzo. Che si esprime così: «Bisognerebbe partire da questa affermazione per analizzare l'esperienza Cascella: "E' il mio contributo alla responsabilità, a rimuovere ogni alibi a recuperare gli obiettivi di fine mandato". Il patto con gli elettori è maturato, dopo la fine ingloriosa della precedente esperienza amministrativa, con una enorme conflittualità all'interno del Pd e della coalizione di centrosinistra.

L'attuale amministrazione, pur con un numero di dirigenti dimezzato ed un organico di dipendenti bloccato senza turn over da anni, con risorse limitate e vincoli economici stringenti, è riuscita a raggiungere importanti obiettivi per la città: non li sto a enumerare, sono sotto gli occhi di tutti. Cito solo, a mo’ di esempio, le opere di urbanizzazione nelle 167,lo sgombero della palazzina occupata abusivamente nell’ex distilleria, l'avvio della raccolta con modalità porta porta che ha portato la città a ricevere significativi premi con una raccolta bel oltre il 70%. Poco? Tanto? Si poteva fare meglio? Lascio il giudizio ai nostri concittadini, ma credo sia doveroso aprire nel mio partito e nella coalizione una discussione franca e schietta».

Una discussione che in pochi, evidentemente, al momento hanno intenzione di affrontare, quasi avessero già scontato da tempo la indisponibilità di Cascella alla ricandidatura e siano da tempo ormai alle prese con la prefigurazione degli equilibri prossimi venturi. Che, risultati delle primarie Pd e annesse scelte assessorili e negli enti regionali strumentali alla mano, non potrà non passare da ciò che deciderà il governatore Michele Emiliano, direttamente o per interposto luogotenente nella Bat, il neoassessore Filippo Caracciolo: cinque anni dopo la scelta della «candidatura di pacificazione» di Cascella, ben può dire di avere stravinto al momento il duello con l’avversario-alleato di sempre, il consigliere regionale Ruggiero Mennea.
Divincenzo prosegue: «Non possiamo passare da una discussione con i partiti a una interlocuzione con gli eletti. Ci sono stati anche errori, ma discutiamone. Ora tocca al Pd analizzare l'attuale esperienza amministrativa, ritrovare la sua centralità, guidare e preparare le prossime amministrative».

Con una avvertenza: «Non dimentichiamo ciò che è successo a Canosa, dove a furia di offendere il lavoro amministrativo, il centrosinistra si è dissolto regalando addirittura la città a un movimento in cui prevale la demagogia. Per questo bisognerebbe ritrovare uno spirito di servizio, leale, autentico per lavorare su obiettivi di fine mandato e non distrarci da discussioni sterili per trovare "personalità" da regalare alla disfida delle primarie pensando possano essere uno strumento risolutore senza affrontare le attese della città , il programma e soprattutto le regole dello stare insieme».

Se primarie saranno, sicuramente saranno della partita il primario del Pronto soccorso del «Mons. Dimiccoli, il socialista Cosimo Cannito e l’imprenditore Sabino Dicataldo (Buona politica). Senza trascurare l’ex presidente del consiglio comunale Enzo Delvecchio (Pd vicinissimo a Emiliano), il presidente dell’Ordine dei medici, Dino Delvecchio (vicino all’assessore Caracciolo) e l’avvocato Giuseppe Bufo (Pd sostenuto dall’ex sindaco di Bisceglie, Francesco Spina).

Nel centrodestra alquanto «desertificato» dovrebbe toccare a Dario Damiani (Forza Italia), mentre a sinistra non sono poche le schance di Maria Campese (Sinistra italiana), già assessora regionale con Nichi Vendola. Indecifrabile la galassia 5Stelle, anche se i nomi di Savio Chiariello, Tommy Dibari ed Elisabetta Caldarola girano con insistenza.
Ma la «giostra» è solo all’inizio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400