Domenica 21 Aprile 2019 | 18:40

NEWS DALLA SEZIONE

Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
BariL'intervento
Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

 
HomeIl messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

tesseramento «saltato»

Calciatrice derubata a Trani
salta il trasferimento al club

Calciatrice derubata a Trani salta il trasferimento al club

di Nico Aurora

TRANI - L’unica certezza, al momento, è che è tornata in Francia grazie all’assistenza ricevuta dai carabinieri della Compagnia di Trani e dalla società dell’Apulia, per la quale si sarebbe dovuta tesserare.

Allo stato, però, perché diventi a tutti gli effetti una calciatrice del Trani, c’è ancora da attendere, ammesso e non concesso che decida davvero di esserlo.

In altre parole, manca la scena finale del «quasi film» che Barbara Bouchet (24enne calciatrice francese, stesso nome della popolare attrice transalpina) ha involontariamente girato in città l’altro ieri.

E pensare che proprio la sua celebre omonima della celluloide, nel 2008, a sua volta aveva girato a Trani una pellicola, dal titolo «Bastardi», insieme con Enrico Montesano, Franco Nero, Giancarlo Giannini e Don Johnson.

Fu un film tutt’altro che da ricordare, anzi realmente brutto, scomparso dalle cineteche ed introvabile anche on line, che descriveva episodi di microcriminalità che, purtroppo, questa volta si sono ripetuti, senza finzione cinematografica, ai danni della giocatrice dell’Olympique Marsiglia.

Barbara Bouchet, l’atleta, era arrivata a Trani venerdì scorso perché aveva in animo di sistemare tutte le pratiche e siglare un contratto con la società del presidente Alessio Scarcella, cui aveva dato la disponibilità a tesserarsi perché affascinata, anche da una città di cui le avevano sempre parlato molto bene. Invece, nella Trani delle meraviglie, Barbara si è imbattuta nei ladri che, approfittando del suo allontanamento dalla «Clio» con la quale era giunta in città, ne hanno rotto il finestrino facendo razzia di tutto quanto era presente nell’abitacolo.

Spavento, danni e disagi non sono mancati per la sfortunata ragazza, oltre la brutta figura che ha fatto Trani tutta.

E adesso la calciatrice, sicuramente segnata per l’imprevisto evento, è tornata a casa e farà sapere le sue decisioni.

In molti hanno solidarizzato con lei, a cominciare dalla società e da quelle che diventeranno (chissà) le sue nuove compagne di squadra, ma la voce dei rappresentanti istituzionali non si è sentita ancora: semplice dimenticanza, afasia da rimpasto di Giunta imminente o distrazione da solleone agostano?

Intanto, la scelta di Barbara sarà soltanto di Barbara. Ed interpretazione e regia di questo spiacevole film, da questo momento in poi, esclusivamente da lei firmate. Quanto agli «spettatori», per la stragrande maggioranza al momento l’indifferenza la fa da padrona.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400