Martedì 23 Aprile 2019 | 22:10

NEWS DALLA SEZIONE

Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa strage
Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

 
LecceL'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
PotenzaLe indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
BariL'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
MateraOperazione della Polizia
Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

 
BatIl furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
BrindisiVento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
TarantoL'operazione dei cc
Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

 

nell'agro di Loconia

Niente acqua nei campi
sale la tensione a Canosa

Niente acqua nei campi  sale la tensione a Canosa

di Paolo Pinnelli

CANOSA - Tensione a Loconia, ieri mattina, per la protesta davanti alla sede del Conzorzio di Bonifica Terre d’Apulia, da parte di una ventina di agricoltori. Al centro delle lamentele, la mancanza di erogazione di acqua per i campi.

La temperatura, salita in questi giorni anche al di sopra dei 40 gradi, ma soprattutto la siccità persistente, ha portato un gruppo consistente di agricoltori davanti alla sede del Consorzio per chiedere spiegazioni sulla mancata erogazione dell’acqua, in un momento assolutamente delicato per le colture. Soprattutto i frutteti, percoche innanzitutto, verdure e vigneti necessitano di irrigazione in maniera assolutamente urgente ma il Consorzio lamenta la mancanza di acqua nelle riserve, a partire da quella proveniente dalla diga di Conza, in Irpinia, nell’alta valle del fiume Ofanto. Fino all’altro giorno era proprio la diga campana che alimentava la rete del Consorzio. Poi la Regione Campania, in ragione di maggiori esigenze interne (approvvigionamento delle aziende zootecniche), ha negato la disponibilità alla erogazione di acqua per l'uso irriguo del territorio ofantino. Da qui la decisione - finalmente - di attingere dalla vicina diga del Locone, che, almeno a prima vista, è abbondantemente provvista di acqua.

Ma ieri sarebbe sorto un problema tecnico: secondo quanto riferito ad alcuni agricoltori dai responsabili del Consorzio, ci sarebbero difficoltà alle attrezzature di sollevamento dell’acqua. E quindi? «Ci hanno assicurato che da lunedì sarà tutto sistemato - riferiscono ancora alcuni agricoltori - ma noi, se non vedremo uscire quell’acqua che abbiamo pesantemente già pagato (è stato anticipata la metà dell’importo pagato l’anno precedente, ndr) saremo di nuovo davanti al Consorzio, perchè le nostre colture non possono attendere».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400