Domenica 21 Aprile 2019 | 18:06

NEWS DALLA SEZIONE

Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
BariL'intervento
Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

 
HomeIl messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

la scoperta

Minervino, aveva in casa
un «tesoro» di reperti

Denunciata per ricettazione una donna di Canosa, già nota alle forze dell'ordine

reperti archeologici

di ALDO LOSITO

ANDRIA - Vasi, olle, piatti e brocche con figure listate e presumibilmente del periodo Dauno, forse trafugati da una tomba. Questi i reperti di valore scoperti dagli agenti del commissariato di Andria in una casa di Minervino Murge durante un controllo. Denunciata in stato di libertà una donna canosina di 39 anni, con precedenti di polizia, responsabile del reato di ricettazione.

LA SCOPERTA - I poliziotti del commissariato di Andria, in collaborazione con personale del Reparto Prevenzione Crimine Puglia, hanno eseguito un controllo nei confronti di un uomo sottoposto agli arresti domiciliari. Nella sua abitazione sita in area rurale di Minervino Murge, gli operatori di polizia sono stati accolti con circospezione dalla moglie, quando l’attenzione dei poliziotti è caduta su alcuni monili di bella fattura ed evidente pregio sistemati all’interno della casa. Alla domanda sulla provenienze, la donna ha riferito di esserne la proprietaria, dopo averli rinvenuti nel proprio terreno, attiguo alla costruzione rurale.

PERQUISIZIONE - Una risposta che non ha convinto gli agenti. Infatti, una successiva perquisizione dell’abitazione e delle sue pertinenze, ha consentito di ritrovare svariati oggetti in terracotta, verosimilmente di interesse archeologico e storico, disseminati in vari punti dell’abitazione. Opportunamente fotografati sul posto dagli operatori del locale Posto di Fotosegnalamento e Documentazione Scientifica, gli oggetti sono stati sottoposti a sequestro, in attesa di ulteriori accertamenti tecnici e delle determinazioni dell’Autorità Giudiziaria procedente. Gli oggetti, che già ad una prima valutazione sono apparsi di considerevole valore archeologico ed economico, saranno inviati alla Sovrintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le valutazioni di competenza.

La donna, titolare di un’impresa individuale, era stata arrestata in passato per furto aggravato di energia elettrica e per produzione e traffico di sostanze stupefacenti, in concorso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400