Martedì 23 Aprile 2019 | 22:45

NEWS DALLA SEZIONE

Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa strage
Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

 
LecceL'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
PotenzaLe indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
BariL'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
MateraOperazione della Polizia
Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

 
BatIl furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
BrindisiVento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
TarantoL'operazione dei cc
Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

 

la storia

Il viaggio della randagia «Kyra»
da Barletta al calore di una famiglia

Kyra

BARLETTA - «Il viaggio di Kyra»: non è la solita storia di una cagnetta recuperata e salvata da una vita di randagia, ma è la testimonianza di un amore trasmesso attraverso gli occhi e lo sguardo languido teso ad una voglia di vivere accanto agli esseri, a prescindere se animali o umani. Kyra viveva in una cava alla periferia di Barletta: sempre sola, di rado mangiava qualche avanzo del pasto di un operaio di buon cuore. Un giorno incontra lo sguardo di un “uomo in divisa”, che un pomeriggio di sabato senza pensarci tanto si prende cura di lei portandola via dalla cava. L’uomo chiede l’aiuto di Mariangela e Lara, due volontarie dal cuore d’oro. Kyra viene portata e curata da un veterinario, poi, ospitata per venti giorni in una splendida pensione per cani a Trani: qui nel parco gioca con altri suoi simili, si diverte, è tranquilla, ma quando la sera vede i suoi amici che l’hanno salvata, che la vanno a trovare per poi andare via, Kyra è triste, piange, non vuole stare sola, ha bisogno di affetto e calore, di una compagnia che vada oltre i suoi simili, un desiderio che traspare dagli occhi lucidi e dallo sguardo ammiccante.

Insomma Kyra non ha bisogno di un canile. Kyra merita una famiglia che possa farla felice e dargli la possibilità di vivere. Alle 5 di un mattino Kyra parte, accompagnata, fa un viaggio lungo, va al Nord: durante il tragitto le sue orecchie sono basse, trema, ha paura, ma arriva a destinazione, in un centro di accoglienza, lì ad aspettarla c’è una coppia. Kyra, incontra i loro sguardi, scodinzola, è felice, è amore reciproco! I tre si conoscono, passeggiano nel parco. La conoscenza si trasforma in un’intesa. Di qui, la decisione: la coppia adotta Kyra e l’accolgono nella loro villa. È un tourbillon di di emozioni. Kyra torna a sorridere, o forse, per la prima volta conosce il sorriso, e d’improvviso la sua vita conosce l’amore, lo splendore. Le orecchie di Kyra sono drizzate: ora ha una cuccia rosa, un lettino comodo, i piatti per mangiare, i giochi, un giardino col prato per il tempo libero, la pettorina per le lunghe passeggiate, la medaglietta al collo, è diventata una principessa. La storia non è favola, ma realtà. Il messaggio è chiaro: non comprate i cani per dare linfa al vergognoso commercio (spesso con la complicità dei canili). I cani, adottateli. [michele piazzolla]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400