Sabato 25 Maggio 2019 | 13:29

NEWS DALLA SEZIONE

Nella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
La sentenza
Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

 
La decisione
Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

 
La sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
La bomba
Barletta, paura per ordigno bellico in mare

Barletta, paura per ordigno bellico in mare

 
Dopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
Sanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 
Sanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
L'indagine
Arresto Giancaspro, legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

Bancarotta, l'ex patron del Bari Giancaspro interrogato per 6 ore
Legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

 
I danni
Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraImpianto Intrec
Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

 
FoggiaL'avviso
Trinitapoli, Comune: stop a quel pesticida, è usato troppo

Trinitapoli, Comune: stop a quel pesticida, è usato troppo

 
TarantoDai carabinieri
Marina di Ginosa, abusi edilizi: sequestrato un lido

Marina di Ginosa, abusi edilizi: sequestrato un lido

 
BariL'inchiesta
Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 
LecceL'incidente
Lecce, si insedia e cade: frattura per il neo presidente della Corte di appello

Lecce, si insedia e cade: frattura per il neo presidente della Corte di appello

 
BrindisiDai Cc
Ceglie Messapica, droga nella lavatrice: arrestato un 34enne

Ceglie Messapica, droga nella lavatrice: arrestato un 34enne

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 

i più letti

Delitto dopo una rissa nel 2015

Omicidio Zanni, dieci anni
al minore reo confesso

Ucciso per sedare rissa a colpire fu un 16enne

TRANI - Il Giudice per l’udienza preliminare del Tribunale dei minorenni di Bari, Rossella Politi, ha condannato a 10 anni di reclusione B.D., in quanto autore materiale dell’omicidio di Biagio Zanni, avvenuto il 20 settembre 2015 in via Statuti Marittimi, al termine di una rissa che coinvolse più persone. Il giovane è stato riconosciuto, anche per sua stessa ammissione, come colui che inferse le coltellate mortali alla 34enne vittima.

La sentenza, le cui motivazioni arriveranno fra novanta giorni e potrebbe essere impugnata, è giunta al termine del rito abbreviato, che ha riguardato anche il fratello, B.A., oggi maggiorenne, per il quale il giudice ha disposto una pena pecuniaria di 200 euro per la mera partecipazione alla rissa, senza alcun’altra aggravante a suo carico. I due imputati erano difesi dagli avvocati Domenico Di Terlizzi e Vincenzo Papeo.

Il terzo minorenne coinvolto in quella rissa, B.G., dallo scorso novembre è sottoposto alla misura della messa alla prova. Si terrà invece l’11 maggio prossimo, presso il Tribunale di Trani, l’udienza preliminare che riguarda le altre due persone, già maggiorenni all’epoca, coinvolte nella rissa e che figurano nelle indagini chiuse dalla locale Procura della Repubblica: si tratta di Gianluca Napoletano, 21 anni, e Gabriele Lorusso, 24, cui il titolare dell’inchiesta, Marcello Catalano, ha contestato il reato di rissa.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, Zanni fu aggredito da un gruppo di persone a seguito di una frase fuori posto all’uscita di un locale. Sarebbe stato colpito da più di uno, anche con armi improprie, (casco da motociclista ed ingessatura del braccio), ma morì per le coltellate infertegli dal più piccolo dei due fratelli. L’arma del delitto non fu mai trovata.

Nico Aurora

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400