Martedì 23 Aprile 2019 | 06:01

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa raccolta differenziata
Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

 
TarantoIl caso
Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

 
BrindisiMolestie in famiglia
Turturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

Tuturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

 
LecceA Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 

iniziativa della Fondazione Archeologica

Canosa, l'Arco Traiano
ora splende di notte

Canosa, l'Arco Traiano ora splende di notte

di Paolo Pinnelli

Canosa - L’Arco Traiano è «ritornato». Non che sia mai andato altrove ma, immerso nel verde del vivaio che lo circonda, era diventato poco visibile.

Dall’altra sera, invece, con l’apporto della Fondazione Archeologica Canosina e soprattutto la disponibilità di Antonio Caporale (dei Vivai Caporale) sono stati installati, attorno all’arco onorario, una serie di fari led che ora permettono di illuminare il monumento durante le ore serali e notturne.

L’illuminazione dal basso, generata da queste fonti di luce, conferisce un effetto evocativo sulla struttura, risaltando la sua sagoma ed evidenziando al meglio i laterizi della cortina muraria.

«La Fondazione ringrazia il Vivaio Caporale per aver collaborato a questa iniziativa che valorizza ulteriormente una delle più importanti tracce della Canosa romana» si legge in una nota.

Noto anche come «Arco di Traiano», o di Terenzio Varrone, la struttura in laterizi fu edificata nel II secolo d.C., in funzione di porta settentrionale d’accesso per tutti i viaggiatori che arrivavano a Canusium da Roma o da Benevento, percorrendo la Via Traiana, di cui è parte integrante il ponte romano sull’Ofanto, poco distante.

Il monumento è periodicamente visitato da turisti anche internazionali e potrà godere di ulteriore visibilità, grazie al percorso lungo la Via Francigena, insieme appunto al ponte romano sull’Ofanto – classificatosi primo in Puglai e ottavo in Italia tra “I Luoghi del Cuore” del FAI, e al vicino Mausoleo Bagnoli.

L’Arco di Traiano, appare oggi illuminato nella parte di ingresso alla città ma ancora un po’ coperto da arbusti e piante. La disponibilità del titolare del vivaio all’interno del quale insiste il monumento potrebbe portare, in un futuro non molto lontano, magari anche alla illuminazione dell’altra «facciata», quella rivolta alla città, e magari alla maggiore visibilità spostando qualche arbusto più ingombrante.

La stessa piacevole «sorte» sarebbe auspicabile toccasse al vicino mausoleo di Bagnoli e - molto più complicato - all’intero ponte romano sull’Ofanto: darebbero «luce» all’intera città.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400