Lunedì 18 Gennaio 2021 | 15:58

NEWS DALLA SEZIONE

Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 
La novità
Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

 
la tragedia
Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

 
Paura in città
Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

 
Storie
Covid: Carlo, l'imprenditore dal cuore d'oro, primo guarito della Bat tra aiuti e beneficenza

Covid: Carlo, l'imprenditore dal cuore d'oro, primo guarito della Bat tra aiuti e beneficenza

 
Teatro
Barletta: «Io cronista nel Curci senza pubblico»

Barletta: «Io cronista nel Curci senza pubblico»

 
Agroalimentare
Olio di qualità ma produzione dimezzata nella BAT

Olio di qualità ma produzione dimezzata nella BAT

 
L'inchiesta
Ufo, gli avvistamenti nel Nord Barese tra tanta incredulità ma anche curiosità

Ufo, gli avvistamenti nel Nord Barese tra tanta incredulità ma anche curiosità

 

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzala protesta
Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

 
Baril'inaugurazione
Bari, posa prima pietra cantiere sede Cnr nell'ex Manifattura tabacchi

Bari, posa prima pietra cantiere sede Cnr nell'ex Manifattura tabacchi

 
MateraControlli della polizia
Pisticci, in auto con con la droga: arrestati due giovani pusher

Pisticci, in auto con la droga: arrestati due giovani pusher

 
BrindisiNel Brindisino
San Pancrazio, nonna Rosa festeggia con la famiglia i 109 anni di vita

San Pancrazio, nonna Rosa festeggia con la famiglia i 109 anni di vita

 
FoggiaLieto evento
Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: parto record al Policlinico Riuniti

Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: parto record al Policlinico Riuniti

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

dispute giudiziarie Due milioni di euro in ballo

un confronto di lungo corso Trani, ristrutturazione di Palazzo Torres, prosegue il contenzioso tra la ditta e il Comune

di Nico Aurora

TRANI - Quasi 2 milioni di euro che ballano, ora di qua, ora di là, e che adesso è il Comune che attende di incassare mentre la controparte, per il momento, non verserebbe perché ha proposto ricorso in Cassazione per la definizione di un contenzioso che va avanti da ben ventidue anni.

In merito a quelli, nel 1995 il Comune di Trani propose un’azione giudiziaria, presso il Tribunale, per ottenere dalla ditta la restituzione di quasi 2 miliardi di lire quale somma ritenuta «indebitamente corrisposta, all’impresa appaltatrice, per un’errata quantificazione delle revisioni dei prezzi dell’appalto di ristrutturazione dell’immobile, erroneamente calcolate e liquidate in favore dell’impresa». Nel 2005 il Tribunale di Trani rigettava la domanda del Comune, che veniva condannato al pagamento, in favore dell’impresa Veronico, di 422.000 euro, oltre rivalutazione degli interessi e spese di giudizio. Il 4 aprile 2008 il Comune liquidava una somma di 888.000 euro, a seguito della procedura esecutiva di quella sentenza.

Nel 2013, però, la Corte d’Appello riformava il provvedimento del Tribunale di Trani accogliendo in buona parte l’appello del Comune, assistito e difeso dall’avvocato Giacomo Valla. In tal modo, i giudici di secondo grado condannarono gli eredi dell’impresa Veronico al pagamento di 642.000 euro, oltre interessi e spese del doppio grado di giudizio, e comportando altresì l’obbligo di restituire, in favore del Comune di Trani, i 422.000 precedentemente versati dall’ente, oltre rivalutazione ed interessi.

Il segretario generale, nonché dirigente dell’Area contenzioso, Carlo Casalino, ha così determinato di accertare un’entrata, alla voce “Proventi straordinari da sentenze“, sul capitolo denominato “Fondi crediti di dubbia e difficile esazione di parte corrente.” Pertanto, anche su sollecitazione del dirigente dell’Area finanziaria, Angelo Pedone, dello scorso 3 gennaio, ha previsto di incassare 888.000 euro, quale credito a seguito della sentenza della Corte d’Appello, ed ancora 1.083.000 euro (di cui 642.000 per sorte capitale liquidata in sentenza e 440.000 per interessi legali), sempre in conseguenza della sentenza della Corte d’Appello, «a titolo di somme indebitamente corrisposte da Comune di Trani all’impresa Veronico», si legge nel provvedimento.

Complessivamente, dunque, 1.972.000 euro di cui rispondono, nella misura di un quarto ciascuno, i quattro eredi dell’impresa edile che realizzò i lavori presso Palazzo Torres. Gli stessi, però, come detto, hanno impugnato il provvedimento della Corte d’Appello e proposto ricorso per Cassazione ed il Comune si è costituito nel giudizio, sempre difeso dallo stesso legale. Pertanto, sebbene la somma sia stata già iscritta come “in entrata“ nel bilancio del Comune di Trani, e definita dal dirigente «parzialmente esecutiva» con riferimento al primo credito di 888.000 euro, difficilmente sarà versata se, prima, il contenzioso non si sarà ufficialmente definito.

Di certo, sembra di essere quasi al capitolo finale di una storia che va avanti da almeno un quarto di secolo, tra lavori, carte bollate e due sentenze che, finora, hanno l’una sconfessato l’altra lasciando aperto il campo, peraltro, a qualsiasi soluzione in vista del terzo, e definitivo, grado di giudizio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie