Mercoledì 24 Aprile 2019 | 14:03

NEWS DALLA SEZIONE

Botta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 
Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoPrimo caso a Sud
Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

 
BariNel quartiere San Paolo
Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

 
LecceL'operazione dei cc
Lecce, distruggono i vetri di 5 auto e di un’ambulanza: denunciati

Lecce, distruggono i vetri di 5 auto e di un’ambulanza: denunciati

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 
BatBotta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 

SANITà

Poliambulatorio via Sant'Antonio
black out e termosifoni in tilt

Poliambulatorio via Sant'Antonio black out e termosifoni in tilt

BARLETTA - Sono esasperati gli utenti e gli operatori del Poliambulatorio dell’Asl in via Sant’Antonio, a ridosso di piazza Federico di Svevia: da circa venti giorni i «black out» dell’energia elettrica si susseguono ai «black out» e i termosifoni continuano a funzionare a singhiozzo.

Tutto ciò condito dall’abituale sovraffollamento della struttura sanitaria, con gli utenti che attendono disciplinatamente e rassegnatamente anche sulle scale, come documentano le foto scattate da Calvaresi.

Soprattutto in questi giorni di grande gelo, la situazione si sta facendo sempre più intollerabile.

L’interruzione della erogazione dell’energia elettrica, inoltre, si rivela un problema più che fastidioso e potenzialmente pericoloso per gli assistiti, quando interviene nel bel mezzo della esecuzione di un esame medico. Tutto si blocca per poi ricominciare, quando il «black out» finalmente si interrompe. Fino a quando?

Mugugni, disagi e proteste, come se non bastassero le prevedibili code quotidianamente previste, si infittiscono quando il sistema di riscaldamento interrompe anzitempo di fare il proprio compito. E siccome gli anziani presenti nella struttura costituiscono spesso la maggioranza dell’utenza, si comprende bene che l’inconveniente sia foriero di più di un problema.

L’interrogativo aleggia tra i corridoi e gli ambulatori dell’Azienda sanitaria locale: quando avrà termine questo stillicidio?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400