Domenica 21 Aprile 2019 | 22:38

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
BariL'analisi
Bari, La Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

Bari, la Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

 
LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

I fatti risalgono agli anni 2004-2006

Usura, condanna confermata
in appello per imprenditore

Prestiti a tasso del 300% anche imprenditore a giudizio

BARI - La Corte di appello di Bari ha confermato la condanna per usura ai danni di commercianti del nord barese, riducendo la pena da 7 anni a 5 anni e 9 mesi di reclusione, nei confronti dell’imprenditore di Corato Flavio D’Introno. I giudici di secondo grado, riformando parzialmente la sentenza emessa dal Tribunale di Trani nel febbraio 2013, hanno dichiarato la prescrizione di alcuni reati e hanno assolto l'imputato da altri reati, confermando però la condanna per sei episodi di usura contestati a D’Introno e altri due contestati agli altri due imputati, Lupo Sabino e Eligio Di Bari, nei confronti dei quali è stata confermata la condanna a 7 anni di reclusione.

I fatti contestati risalgono agli anni 2004-2006. Stando alle indagini del Gico della Guardia di Finanza, coordinate dal pm di Trani Carla Spagnuolo, i tre avrebbero prestato soldi a commercianti e imprenditori in difficoltà pretendendo la restituzione del denaro con tassi di interesse fino al 160% annuo. In una occasione un commerciante, a fronte di un prestito di 50mila euro fatto da D’Introno, avrebbe restituito non denaro ma 81 condizionatori del valore di quasi 100mila euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400