Lunedì 20 Maggio 2019 | 22:29

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
L'indagine
Arresto Giancaspro, legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

Bancarotta, l'ex patron del Bari Giancaspro interrogato per 6 ore
Legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

 
I danni
Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

 
Riflettori puntati
Trani, inchiesta Giancaspro: nuovo stadio in periferia, palazzi al posto del vecchio

Trani, inchiesta Giancaspro: nuovo stadio in periferia, palazzi al posto del vecchio

 
Il diretto
Ferrovie: l'Alta Velocità arriva a Barletta, due Frecciargento da e per Roma

Treni, a Barletta fermerà Bari-Roma. Mit: nuovi servizi su Alta velocità. Che non esiste

 
L'episodio
Bisceglie: atti osé in piazza fra adolescenti, scoppia rissa

Bisceglie: atti osé in piazza fra adolescenti, scoppia rissa

 
Magnitudo 2
Piccola scossa di terremoto tra Barletta e Foggia: nessun danno

Piccola scossa di terremoto tra Barletta e Foggia: nessun danno

 
REBUS VIABILITÀ
Trani, caos passaggio a livello: 60 giorni per scegliere

Trani, caos passaggio a livello: 60 giorni per scegliere

 
Il memoriale
Nardi Savasta

Magistrati arrestati, D'Introno: «Ai giudici escort, mazzette e frullatori»

 
Ambiente
Andria, ex opificio trasformato in discarica: una denuncia

Andria, ex opificio trasformato in discarica: una denuncia

 
Salvato dalla Polstrada
Andria, uomo si lancia da tir su A14: illeso. Nell'abitacolo hashish

Andria, si lancia da tir su A14: illeso. Nell'abitacolo hashish

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Taranto, il questore vieta i funerali pubblici per il boss Taurino

Taranto, il questore vieta i funerali pubblici per il boss Taurino

 
BariL'evento
Ecco «Bitonto cortili aperti» con la guida di 800 studenti

Ecco «Bitonto cortili aperti» con la guida di 800 studenti

 
BrindisiL'appello di Adelina
Da 20 anni a Brindisi: «Sono malata datemi la cittadinanza»

Da 20 anni a Brindisi: «Sono malata datemi la cittadinanza»

 
PotenzaComando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
BatSanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
HomeLa visita
Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

 
LecceIl sopralluogo
Xylella, Centinaio: «Chiedo scusa alla Puglia per il voltafaccia dello Stato»

Xylella, Centinaio: «Chiedo scusa alla Puglia per il voltafaccia dello Stato» FT
Ulivi infetti anche nel Tarantino

 
MateraAi domiciliari
Matera, minaccia moglie e la picchia davanti ai figli, arrestato

Matera, minaccia moglie e la picchia davanti ai figli, arrestato

 

i più letti

Resti umani in un fusto
identificati, è vittima
di «lupara bianca»

ricerche cane unità cinofile

BARLETTA - Appartengono a un barlettano, vittima di lupara bianca, i resti ritrovati, il 14 giugno scorso, all’interno di un bidone per l’olio, nelle campagne di Canosa di Puglia. Si tratta di Ruggiero Tresca, scomparso dal marzo del 2001, quando aveva 34 anni.

A stabilirlo è stato il confronto del dna di Tresca con i resti trovati in quel fusto e di una impronta dentale. La descrizione della moglie il giorno della scomparsa e altri dettagli forniti in seguito da collaboratori di giustizia che avevano raccontato del delitto, avevano, infatti, portato gli inquirenti a ritenere che quei resti potessero appartenere proprio a Ruggiero Tresca.

Tresca, con un socio albanese, Roland Lame, gestiva un ristorante, ma in realtà utilizzava quell'attività per celare i suoi traffici di stupefacenti, dall’Albania all’Italia. Nell’ambito di tale attività, secondo gli inquirenti, si consumò il delitto per conflitti con il clan Cannito-Lattanzio che, allora, controllava i traffici illeciti in città.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400