Martedì 23 Aprile 2019 | 22:13

NEWS DALLA SEZIONE

Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa strage
Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

 
LecceL'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
PotenzaLe indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
BariL'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
MateraOperazione della Polizia
Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

 
BatIl furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
BrindisiVento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
TarantoL'operazione dei cc
Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

 

Tentato omicidio a Canosa
convalidati i fermi dei fratelli
Aveva arma: indagata la vittima

Sabino e Luciano Carbone, di 30 e 35 anni, sono indagati per il tentativo di omicidio compiuto nei confronti del 27enne Fabio Paciolla, anch'egli indagato per detenzione abusiva di arma

Canosa, giovane ferito con colpi pistola: è grave

CANOSA DI PUGLIA (BARLETTA - ANDRIA - TRANI) - Il gip del tribunale di Trani, Maria Grazia Caserta, ha convalidato i fermi dei due fratelli di Canosa di Puglia, nel nord barese, Sabino e Luciano Carbone, di 30 e 35 anni, per il tentativo di omicidio compiuto nei confronti del 27enne Fabio Paciolla, avvenuto la notte fra venerdì e sabato della scorsa settimana mentre la vittima era ancora una volta in cerca di indizi sulla scomparsa di un suo amico, Giuseppe Vassalli, di cui non si hanno più notizie da agosto del 2015 e ritenuto, dagli inquirenti, vittima di lupara bianca. Per quanto accaduto quella notte, i due non sono gli unici indagati: la procura, infatti, indaga anche su Paciolla, per detenzione abusiva di arma.

Paciolla, ritrovato nella sua auto, nel parcheggio della stazione ferroviaria dopo essere stato raggiunto al collo e al capo da tre proiettili, scampato alla morte dopo essere stato sottoposto ad intervento chirurgico, avrebbe reso agli investigatori dichiarazioni incoerenti e contraddittorie.

Dalla procura hanno spiegato, subito dopo il fermo, che a incastrare i due fratelli erano state «deposizioni testimoniali rafforzate da riscontri oggettivi», senza chiarire se arrivassero dalla vittima o da altre persone, o da entrambe le parti. Paciolla, poi, a quanto si è saputo, avrebbe riferito che a sparargli sarebbe stato un terzo uomo, un albanese, dal quale aveva acquistato una pistola. Quest’arma non è stata trovata, ma all’interno dell’auto di Fabio Paciolla, gli investigatori hanno trovato alcuni bossoli appartenenti all’arma del calibro indicato dal 27enne.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400