Domenica 21 Aprile 2019 | 18:21

NEWS DALLA SEZIONE

Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
BariL'intervento
Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

 
HomeIl messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

Ucciso durante una rissa Testimone: «Ho visto i tre ragazzi congratularsi» «Un branco assetato di sangue»

Ucciso durante una rissa Testimone: «Ho visto i tre ragazzi congratularsi» «Un branco assetato di sangue»
TRANI. «Ho visto quei tre congratularsi l’uno con l’altro per la rissa». Questa testimonianza, fra le altre, spicca nell’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Gianluca Napoletano, il diciannovenne accusato di concorso in omicidio e rissa aggravata per la morte di Biagio Zanni.

«TESTIMONI CORAGGIOSI» - Si tratta di uno dei dettagliati racconti dei «testimoni coraggiosi», parafrasando il procuratore, Carlo Maria Capristo, le cui dichiarazioni hanno aiutato i carabinieri della Compagnia di Trani a ricostruire il quadro di quello che è accaduto in quei drammatici minuti tra il 19 ed il 20 settembre sul porto di Trani.

«BRANCO» FEROCE - Un «branco» feroce, ma anche freddo e calcolatore: dalle testimonianze, infatti, emerge che uno dei responsabili della rissa, quello con lo scooter, si fosse addirittura recato nella zona del pronto soccorso dell’ospedale di Trani per scrutare cosa stesse accadendo dopo avere saputo che Biagio Zanni era stato trasferito lì. Un altro dei ragazzi sarebbe stato visto più tardi, verso le 3, tranquillamente seduto in un vicolo tra via Zanardelli e piazza Teatro, quasi ripercorrendo mentalmente le immagini dell’atto criminoso di cui si era reso responsabile in concorso con gli amici. Non manca la ricostruzione dell’esibizionismo del minore più piccolo, il probabile accoltellatore, fiero di mostrare agli amici la sua collezione di coltelli e che quella sera, probabilmente, era uscito con una delle armi da taglio nella sua disponibilità.

L’INGESSATURA COME ARMA IMPROPRIA - E poi, la descrizione verbale, in vernacolo tranese, del momento più drammatico della colluttazione, quando Biagio Zanni, già a terra tra auto e marciapiede, viene persino rimproverato da un passante, che gli rinfaccia il fatto di essersi di essersela presa con dei ragazzi: «Ma ce d’aie, te mitte colle wagnoune».
E lui che risponde dicendo: «E stav u wagon a ssol contr a diece (Il mio amico era solo contro dieci)». Non da ultimo, quel gesso al braccio di Napoletano, utilizzato come arma impropria e diventato, però, l’elemento di maggiore riconoscibilità dell’ar restato: un presidio ortopedico trasformato in tremendo corpo contundente. Dall’indagine emerge anche un altro dettaglio, tutt'altro che trascurabile: la stessa formazione, soltanto una settimana prima, il 13 settembre, si era resa protagonista di u n’altra rissa, evidentemente di minore entità, in piazza Cittadella: anche in quell'occasione erano sopraggiunti i carabinieri, ma forse, oltre a non esserci presupposti per fermare alcuno, non si era avuta la sensazione che quelle stesse persone potessero andare ben oltre. Molto oltre. [n.aur.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400