Martedì 23 Aprile 2019 | 05:57

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa raccolta differenziata
Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

 
TarantoIl caso
Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

 
BrindisiMolestie in famiglia
Turturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

Tuturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

 
LecceA Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 

Salvate 10 tartarughe protette nuotavano in fontana Trani 

Salvate 10 tartarughe protette nuotavano in fontana Trani 
TRANI - Dieci tartarughe di categoria protetta sono state rinvenute dagli uomini del CITES del Corpo Forestale dello Stato di Bari,  nella fontana della villa comunale di Trani. Gli esemplari, quasi certamente appartenenti ad improvvisati allevatori senza scrupoli e senza il benché minimo amore per gli animali, sono stati rinvenuti insieme ad altri esemplari di tartarughe, più di cento, anch’esse abbandonate ma di specie diversa. I forestali hanno pertanto nell’immediatezza prelevato dalla fontana le specie protette per evitare l’inquinamento genetico.

Le tartarughe trachemys scripta elegans sono esemplari esotici in via d’estinzione quindi protetti e regolati da normative internazionali, comunitarie e nazionali. Il ritrovamento di tali esemplari è sicuramente dovuto all’abbandono da parte di cittadini o allevatori della zona che non riuscendo più a gestire in casa tali esemplari o non essendo in possesso della documentazione necessaria alla detenzione, li abbandonano senza conoscere le problematiche che ne conseguono e ignorando soprattutto che “l’abbandono” è punito dal codice penale.

Gli agenti del CITES hanno pertanto provveduto al sequestro degli esemplari rinvenuti che sono stati affidati ad un centro autorizzato alla detenzione degli stessi. Intanto gli investigatori continuano le indagini per risalire ai proprietari degli esemplari abbandonati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400