Giovedì 18 Aprile 2019 | 22:45

NEWS DALLA SEZIONE

Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 
Il punto
«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

Febbre sospetta, un 22enne muore all’ospedale «Bonomo»

Febbre sospetta, un 22enne muore all’ospedale «Bonomo»
di Aldo Losito

ANDRIA - Una morte misteriosa su cui adesso si indaga per capire le cause e le responsabilità. La notte tra il 20 e il 21 luglio scorso, la febbre alta ha causato la morte del 22enne Fabio Sgaramella, da poco ricoverato all’ospedale Bonomo di Andria. Inzialmente, la direzione sanitaria del nosocomio andriese aveva deciso autonomamente di procedere (per il 29 luglio) con l’autopsia per accertare le cause della morte. Adesso, invece, l’esame autoptico è stato disposto per oggi dal sostituto procuratore del Tribunale di Trani, Luigi Scimè, a seguito della denuncia da parte dei familiari del giovane. L’incarico è stato affidato al medico legale Biagio Solarino.

LA MORTE - La storia parte dal 19 luglio, quando i genitori di Fabio chiedono l’intervento del medico di famiglia, dopo la febbre che aveva colpito il proprio figliolo, già alle prese con altri problemi di salute. Il semplice antibiotico, però, non basta a guarire. Anzi, dopo poco, la febbre continua a salire e Fabio viene portato al pronto soccorso del «Bonomo». Lì viene visitato ma rispedito a casa. Le condizioni del 22enne, però, peggiorano col passare delle ore ed è inevitabile un suo ritorno al pronto soccorso con ambulanza. Purtroppo, però, poco dopo il ricovero Fabio non ce la fa.

AVVISI DI GARANZIA - Inevitabili gli avvisi di garanzia, perché atto dovuto nelle indagini. I destinatari sono nove: il medico di famiglia, gli otto medici ed un infermiere dell’ospedale Bonomo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400