Mercoledì 27 Gennaio 2021 | 12:33

NEWS DALLA SEZIONE

Il polivalente sociale
Barletta, ecco che nasce «l’Angioletto»: il centro per i disabili

Barletta, ecco che nasce «l’Angioletto»: il centro per i disabili

 
L'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
viabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 
L'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 
Nella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
Il caso
Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

 
sanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
La disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni una transessuale vittima di insulti

 
Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'iniziativa
Bari, dai biscotti al tiramisù: un laboratorio di pasticceria per 40 ragazzi del Redentore

Bari, dai biscotti al tiramisù: un laboratorio di pasticceria per 40 ragazzi del Redentore

 
FoggiaIl caso
Foggia, picchiano proprietario di casa: arrestati 2 stranieri

Foggia, picchiano proprietario di casa: arrestati 2 stranieri

 
BatIl polivalente sociale
Barletta, ecco che nasce «l’Angioletto»: il centro per i disabili

Barletta, ecco che nasce «l’Angioletto»: il centro per i disabili

 
PotenzaIl virus
Covid 19 in Basilicata, i dati ospedalieri lucani sotto la soglia d'allerta

Covid 19 in Basilicata, i dati ospedalieri lucani sotto la soglia d'allerta

 
Cinema e SpettacoliSHOAH
Giornata della Memoria, l’orrore dei lager rivive nel video inedito della Springer

Giornata della Memoria, l’orrore dei lager rivive nel video inedito della Springer

 
LecceSangue amaro
Rifiuti, sgominato traffico illecito anche a Lecce e Oria: 7 arresti

Rifiuti, sgominato traffico illecito anche a Lecce e Oria: 7 arresti

 
BrindisiIl caso
Brindisi, prende padellata in testa dalla compagna: scatena un putiferio al Perrino

Brindisi, prende padellata in testa dalla compagna: scatena un putiferio al Perrino

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

Scomparso da una settimana a Trani indaga l’antimafia

Scomparso da una settimana a Trani indaga l’antimafia
di ANTONELLO NORSCIA

TRANI - Saverio Marcone è scomparso giovedì scorso. Non venerdì, dunque, data, invece, della denuncia sporta dai familiari ai Carabinieri. Il telefonino del 43enne tranese squillava a vuoto già intorno alle 11,30 di giovedì e cioè un paio d’ore dopo la sua ultima traccia. Quella del sistema di videosorveglianza di un esercizio commerciale di via Falcone che intorno alle 9,30 lo riprese allontanarsi dalla Lancia «Y 10» parcheggiata senza chiuderla a chiave, ma questa pare fosse un’abitudine del giostraio.I tabulati telefonici finiti nel fascicolo d’indagine del sostituto procuratore della Repubblica di Trani Giovanni Lucio Vaira raccontano che quando il telefono ha squillato per l’ultima volta si trovava a Capirro, zona prossima ma comunque non proprio vicina al luogo dove Marcone è stato immortalato per l’ultima volta. Squilli andati a vuoto, perché a quella telefonata Marcone non ha risposto. Né poi il cellulare ha dato più segnale. Dunque il buco nero della scomparsa del tranese, dal passato noto alle Forze dell’Ordine per spaccio di sostanze stupefacenti, ha una forbice di due ore.

E’ lì la chiave del giallo, che col passare delle ore spinge più verso il pessimismo - un omicidio che potrebbe avere anche i connotati della lupara bianca – che verso l’ottimismo di questi casi e cioè l’ipotesi di allontanamento volontario. A prescindere dal fatto che i familiari, che lo piangono, non hanno raccontato di idee di evasione di Marcone, c’è un ulteriore elemento a spingere per la prima ipotesi. E questa volta viene dalla condotta degli inquirenti: a tutt’oggi, infatti, non è stata diffusa una foto dello scomparso, nonostante la Prefettura abbia attivato il cosiddetto protocollo per le persone scomparse, che prevede apposite battute e modalità di ricerca.

In quest’ottica suona, perciò, molto strano che i media non abbiano ricevuto una foto dell’uomo scomparso ormai da otto giorni. Soprattutto grazie ai tabulati telefonici, gli inquirenti hanno puntualmente ricostruito gli ultimi movimenti tracciabili di Marcone e dunque soprattutto i contatti avuti. Il buco nero inizia dopo quelle ultime immagini, le quali, secondo indiscrezioni non confermate ma nemmeno smentite, riprenderebbero l’uomo allontanarsi dall’auto e subito dopo parlare con una persona che non si vedrebbe in volto ma che comunque sarebbe riconoscibile dal tatuaggio su un polpaccio. Fonti investigative ritengono che Marcone non si sia allontanato da Trani: sensazione che induce al pessimismo sulla sua sorte sebbene, ovviamente, si speri l’esatto contrario. E così s’indaga su qualche losco e pericoloso giro in cui possa ultimamente esser finito il 43enne, che - non lo si esclude affatto in ambienti investigativi - potrebbe esser stato vittima di un regolamento di conti.

Grave a tal punto da portare alla scomparsa e non allo “ordinario” atto dimostrativo ed intimidatorio. Perciò il pubblico ministero Vaira, nonostante freschissimo d’incarico alla Procura tranese, già conosce, ad esempio, il delitto di “Geppetto”, all’anagrafe Francesco Ferrante, ucciso a Trani il 16 Gennaio, all’ora di punta della sera nella centrale via Palestro, con un colpo di fucile esploso a bruciapelo da un sicario poi salito a bordo di una Panda rubata condotta da un complice: al momento entrambi impuniti. Per non lasciare nulla d’intentato il pm Vaira cerca anche possibili collegamenti con recenti fatti malavitosi. Ma scenari comuni all’omicidio Ferrante non sembrano esser emersi. Lo si deduce dal fatto che, diversamente, il fascicolo sulla scomparsa di Marcone sarebbe stato trasmesso per connessione e competenza alla Procura Distrettuale Antimafia di Bari dove il pubblico ministero Giuseppe Maralfa (ex pm proprio all’ufficio inquirente di Trani) sta indagando per risalire al moventi e ai sicari del delitto Ferrante. E così si continua a cercare (nella tarda mattinata di ieri Vaira ha avuto un vertice anche con la Polizia) nella speranza che da quel buco nero inizi a diradarsi un elemento che porti luce sulla misteriosa scomparsa di Marcone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie