Giovedì 18 Aprile 2019 | 15:10

NEWS DALLA SEZIONE

Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 
Il punto
«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
PotenzaA potenza
Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

 
TarantoLieto Evento
Martina, nascono 2 cavalli murgesi gemelli: Pamela e Pantaleo

Martina, nascono 2 cavalli murgesi gemelli: Pamela e Pantaleo

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

Crac Divina Provvidenza Le suore arrestate non rispondono al gip

Crac Divina Provvidenza Le suore arrestate non rispondono al gip
TRANI – Si sono avvalse della facoltà di non rispondere dinanzi al gip del tribunale di Trani Rossella Volpe, nell’interrogatorio di garanzia, le due religiose, suor Marcella Cesa e suor Consolata Puzzello (difese dall’avv. Francesco Paolo Sisto), agli arresti domiciliari dal 10 giugno scorso nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Trani sul crac da 500 milioni di euro della Casa di cura della Divina Provvidenza.

Le due religiose sono ristrette nella sede della Congregazione e Casa di cura, a Bisceglie (Barletta Andria Trani), dove il gip, i pm Francesco Giannella (procuratore aggiunto) e Silvia Curione (sostituto procuratore) e il difensore delle indagate si sono recati per le precarie condizioni di salute delle stesse suore.

Le due religiose, ognuna per proprio conto, hanno consegnato al gip e ai pm una memoria difensiva con documentazione, in cui sostengono l’estraneità alla vicenda e chiedono la revoca della misura cautelare. Suor Marcella e suor Consolata, all’epoca dei fatti contestati la prima, rappresentante legale della Congregazione, e la seconda economa, sono accusate di associazione per delinquere finalizzata alla bancarotta fraudolenta e di episodi di concorso in bancarotta, nonchè suor Marcella anche di corruzione per induzione insieme al senatore Ncd Antonio Azzollini e di concorso in falso ideologico.

Nei confronti di Azzollini, anche lui accusato tra l’altro di associazione per delinquere, è stata avanzata al Senato richiesta di arresti domiciliari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400