Giovedì 18 Aprile 2019 | 22:50

NEWS DALLA SEZIONE

Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 
Il punto
«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

Trani, «Alunni maltrattati? I genitori sono con me»

Trani, «Alunni maltrattati? I genitori sono con me»
di ANTONELLO NORSCIA

TRANI - «Non c’è nessun metodo mirato ai maltrattamenti; le immagini vanno riviste; le frasi lette nel loro complessivo contesto e gran parte della classe è dalla parte della maestra arrestata». In un’ora e mezzo d’interrogatorio di garanzia, è stata questa la linea assunta dalla difesa di Filomena Cusmai, la 53enne insegnante prevalente della scuola elementare andriese «Paolo Borsellino» finita agli arresti domiciliari venerdì scorso per presunti maltrattamenti (schiaffi, intimidazioni e umiliazioni) ai suoi allievi.

Dinanzi al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani Maria Grazia Caserta ed al pm Simona Merra (titolare del fascicolo d’indagine originato dalla denuncia dei genitori di un allievo trasferitosi in un’altra scuola proprio per le intemperanze dell’insegnante) la Cusmai ha respinto gli addebiti e fornito la propria chiave di lettura dei fatti contestati, paventando, peraltro, una circostanza che, se fosse accertata, sarebbe singolare ed imbarazzante. E cioè che le immagini registrate in classe da una telecamera nascosta dalla Polizia e poi diffuse ai media non sarebbero a velocità normale ma accelerate. Un profilo su cui la difesa, affidata all’avvocato Carmine Di Paola, vuol vederci chiaro acquisendo copia del supporto informatico dal fascicolo d’indagine. Immagini che proprio perché (eventualmente) accelerate rappresenterebbero una veemenza che a velocità normale non sussisterebbe. La maestra non ha contestato le condotte riprese ma la loro intensità: se fosse come sostiene l’insegnante, un buffetto a velocità accelerata diventerebbe uno scappellotto e così via. Il diniego della Procura alla remissione in libertà chiesta dalla difesa si basa sull’esigenza di effettuare ulteriori riscontri con una serie d’interrogatori, evitando dunque il rischio che la maestra possa «avvicinare» le persone informate sui fatti. Tra queste ultime c’è certamente l’insegnante di sostegno cui era affidata la cura di un allievo affetto da un disturbo «pervasivo dello sviluppo».

Il suo nome è citato nell’ordinanza di custodia cautelare, ma l’insegnante di sostegno, a quanto pare, non è stata interrogata. Né, ad oggi, risulta indagata: la maestra Cusmai non avrebbe risparmiato nemmeno quell’alunno dai supposti maltrattamenti.

Sono le stesse immagini diffuse a mostrare la presenza in aula di un’altra persona adulta di sesso femminile.

La Cusmai ha, dunque, contestato la sussistenza di un preciso e costante metodo basato su vessazioni; ha negato la veemenza delle condotte, ritenute isolate piuttosto che metodiche; ha affermato di non aver mai avuto intenzione di maltrattare la scolaresca; ha sostenuto, inoltre, che la fraseologia estrapolata dalle intercettazioni e posta a base dell’ordinanza custodiale non dev’esser letta isolatamente ma nell’integrale contesto. Secondo alcune indiscrezioni, sarebbero stati i genitori di alcuni bambini a chiederle il polso fermo (non si sa però con riferimento a quali metodi) per vincere le vivacità e le disattenzioni dei figli. È forse anche per questo che a termine dell’interrogatorio l’avvocato Di Paola ha affermato: «Gran parte della classe è con la maestra: questo è un fatto eloquente e da non sottovalutare».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400