Giovedì 18 Aprile 2019 | 18:51

NEWS DALLA SEZIONE

Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 
Il punto
«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

Uffici giudiziari nuova sede a Trani dove c'era una scuola

Uffici giudiziari nuova sede a Trani dove c'era una scuola
di Nico Aurora

TRANI - Il plesso scolastico Simone De Bello, nell’omonima via, già sede della media Orazio Palumbo ed oggi vuoto, con l’eccezione di tre sezioni di asilo nido, sarà presto sede di Uffici giudiziari. Nel dettaglio, ospiterà la Sezione fallimentare, l’Esecuzione mobiliare ed immobiliare, la Sezione lavoro e la Volontaria giurisdizione.In altre parole, il De Bello, grazie alla sua enorme estensione su due piani (rispettivamente 700 metri quadrati al piano rialzato e 1000 al primo piano) potrà riunire numerosi settori dell’amministrazione giudiziaria, attualmente spalmati in tre diversi edifici. Infatti, il Tribunale fallimentare e le esecuzioni mobiliari ed immobiliari si trovano a Palazzo Gadaleta, in piazza Trieste, il Tribunale del lavoro a Palazzo Nigretti, in via Cavour, la Volontaria giurisdizione a Palazzo Carcano, in via Beltrani.

La spending review e ragioni opportunità, dunque, hanno indotto la Commissione di manutenzione a pronunciarsi in favore del trasferimento di queste articolazioni del Tribunale tutte presso la scuola De Bello, benché agli atti vi sia il parere contrario dell’Ordine degli avvocati. Peraltro, è in predicato di chiudere la sezione distaccata del Tribunale di Molfetta, dove, oltre tutto, a luglio andranno in pensione due cancellieri: questo, a maggior ragione, determina la necessità di reperire con urgenza una nuova sede, per evitare una semi paralisi.

Non bisogna dimenticare, d’altro canto, che Palazzo Gadaleta da tempo versa in una situazione di grave emergenza strutturale, con due ali inibite all’accesso, perché sotto sequestro, ed il resto fruibile con cautela. Da tempo si valutava l’opportunità di liberare il più possibile questo immobile e, pertanto, la disponibilità del De Bello, ormai totalmente privo di classi al suo interno (l’Orazio Palumbo ha perso l’autonomia e s’è accorpata alla Giovanni Bovio) ha consigliato di procedere con urgenza al trasferimento di tutte le attività, lasciando palazzo Gadaleta a disposizione degli archivi della Procura della Repubblica, che sarebbero compatibili con i lavori di messa in sicurezza da eseguire.

Al contrario, non si muove dalla nuova sede di via Montegrappa l’ufficio Unep del Tribunale, di recente allestimento ed attivazione. Allo stesso modo, Palazzo Nigretti resterà operativo come unica sede del Giudice di pace, in favore del cui ufficio sono state anche allestite due aule di udienza nella ex tipografia Valdemaro Vecchi, al piano terra, benché la divisione fra le stesse meriti ancora interventi migliorativi.

A questo punto resta solo da definire quando l’operazione De Bello partirà ufficialmente. È evidente che, prima, si rendono necessari lavori di allestimento degli ambienti, da sempre adibiti a destinazione scolastica, con la nuova finalità di diventare uffici ed aule di giustizia. Ma è anche vero che i costi di questa operazione, a breve, non ricadranno più sul bilancio del Comune di Trani perché, dal prossimo 1mo settembre, tutte le spese relative all’amministrazione della giustizia ed alla manutenzione delle sedi passeranno a carico del competente ministero, e questo, pertanto porrà il Comune di Trani nella condizione di risparmiare considerevoli somme finora erogate per le spese relative agli uffici giudiziari e rimborsate, nel migliore dei casi, nella misura del 40 per cento.

La scuola De Bello è una soluzione utile a fare respirare gli operatori giudiziari, ma è pur sempre una scuola adattata a Tribunale, mentre Palazzo Carcano è rimasto incompleto e della cittadella giudiziaria si continua a parlare in termini semplicemente astratti. La giustizia a Trani sarà un po’ meno a macchia di leopardo, ma utenti ed operatori continueranno, ancora per un bel po’, a consumare più di un paio di scarpe.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400