Lunedì 25 Gennaio 2021 | 22:13

NEWS DALLA SEZIONE

viabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 
L'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 
Nella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
Il caso
Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

 
sanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
La disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni una transessuale vittima di insulti

 
Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccela polemica
Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

 
Tarantopiano industriale
Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

 
Homela tragedia
Bari, bambino di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipoitizza suicidio

Bari, bimbo di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipotizza suicidio. Gioco online? «Non sappiamo»

 
FoggiaLa decisione
Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

 
Potenzamaltempo
Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

 
Materanel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 

i più letti

«Ripartiamo dalla pasta» Progetto al carcere di Trani

«Ripartiamo dalla pasta» Progetto al carcere di Trani
di ANTONELLO NORSCIA

TRANI - Presentata nel carcere maschile di Trani la terza edizione del progetto “Ripar tiamo dalla Pasta”, ideata da Granoro e Factory del Gusto col contributo del Presidio del Libro. A differenza delle precedenti edizioni, quella di quest’anno è riservata ai detenuti del penitenziario maschile. Dopo due bellissime esperienze realizzate e vissute con le detenute del carcere femminile, l’iniziativa si svolgerà nella sezione maschile del penitenziario. “Ripartiamo dalla Pasta” è un progetto di riqualificazione sociale per i detenuti attraverso un percorso formativo in cui si fonderanno cibo e letteratura con l’obiettivo di dar nuovi stimoli e un rapporto consapevole con l’ambiente, la natura, le tradizioni e il sociale a chi dopo aver scontato la propria pena, cercherà di reinserirsi nella società.

Il progetto, ideato da Granoro e Factory del Gusto (scuola di cucina barese con sede a Molfetta) si ripropone l’obiettivo di fornire, attraverso un percorso di riqualificazione, numerose opportunità di sviluppo favorendo l’acquisizione di competenza, professionalità e qualità nel settore del food e in quello pastario grazie alla presenza di importanti aziende come Granoro.
«Creare sinergie in un momento importante per i prodotti agroalimentari delle nostre terre – sottolinea la direttrice del penitenziario tranese dr.ssa Bruna Piarulli – è l’obiettivo di questo progetto che vuole valorizzare la terra e di dare importanza alle nostre eccellenze».

Fanno eco le parole di ringraziamento all’azienda Granoro della dr.ssa Rosa Musicco direttore Ufficio Detenuti e Trattamento Ufficio Regionale, della dr.ssa Paola Ruggieri direttrice dell’Ufficio Esecuzione Penale Esterna e della dr.ssa Elisabetta Pellegrini, responsabile Area Trattamentale «per un’opportunità offerta ai detenuti di acquisire abilità e competenze spendibili all’esterno dopo la dimissione, così come all’interno. Da gennaio 2015 nel penitenziario maschile di Trani il confezionamento dei pasti non avviene più a carico di una cooperativa esterna assumente detenuti, ma è passato nuovamente all’amministrazione penitenziaria. L’augurio è che questo corso possa elevare le competenze dei detenuti e quindi anche il livello qualitativo della mensa».

“Ripartiamo dalla Pasta” sarà riservato a 10 detenuti del penitenziario tranese. Il percorso, articolato in 6 lezioni teoriche e pratiche tenute dai tecnici dell’azien - da Granoro e dai cuochi della Factory del Gusto ha la finalità di formare i detenuti sul processo di lavorazione industriale della pasta secca di semola di grano duro nell’ottica finale di far comprendere le caratteristiche intrinseche del prodotto per una sua migliore rielaborazione nel momento della sua preparazione. L’iniziativa ha, inoltre, l’obiettivo di creare formazione specializzata in campo alimentare, migliorare l’autostima e l’immagine di sé, individuale e di gruppo, costruire una conoscenza accademica più approfondita intorno al tema dell’alimentazione.

«Ho sempre sostenuto che il nostro obiettivo – ha spiegato la dr.ssa Marina Mastromauro, amministratore delegato di Granoro – è dare continuità a questo percorso negli anni evitando che fosse solo un momento di visibilità per l’azienda. Abbiamo accolto con entusiasmo l’invito della direttrice di passare alla sezione maschile aggiungendo l’unione del cibo con la cultura grazie all’aiuto del Presidio del Libro di Corato. E’ stato interessante ricercare dei libri che aiutassero a far capire quanto recupero di tradizioni e di sapori ci sia dietro il cibo, affinchè esso non rimanga solo un momento conviviale ma si riagganci anche a una possibilità di riconciliazione col mondo esterno».
«Forniremo ai detenuti – aggiunge Salvatore Turturo amministratore della Factory del Gusto –competenze sulle materie prime e sui prodotti del nostro territorio utili per andare a realizzare ricette originali e interessanti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie