Martedì 23 Aprile 2019 | 22:34

NEWS DALLA SEZIONE

Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa strage
Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

 
LecceL'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
PotenzaLe indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
BariL'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
MateraOperazione della Polizia
Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

 
BatIl furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
BrindisiVento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
TarantoL'operazione dei cc
Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

 

Condanne definitive per droga e armi 16 arresti nella Bat I nomi degli arrestati

ANDRIA – Eseguito l’arresto ad Andria di 16 persone, otto delle quali già detenute, condannate dalla Corte di Appello di Bari con sentenza resa definitiva dalla Cassazione, accusate a vario titolo di traffico di droga e armi. Gli arrestati devono scontare pene comprese tra quattro e nove anni di reclusione. Il provvedimento è l’epilogo giudiziario dell’operazione 'Ciclopè, compiuta nel 2010 da agenti della Squadra Mobile di Bari, che portò all’arresto di 30 persone appartenenti al gruppo criminale Lapenna, vicino a quello dei Pastore-Campanale, operativo ad Andria per lo più nello spaccio di droga
Condanne definitive per droga e armi 16 arresti nella Bat I nomi degli arrestati
ANDRIA – La polizia, su provvedimento della magistratura, ha eseguito l’arresto ad Andria di 16 persone, otto delle quali già detenute, condannate dalla Corte di Appello di Bari con sentenza resa definitiva dalla Cassazione, accusate a vario titolo di traffico di droga e armi. Gli arrestati devono scontare pene comprese tra quattro e nove anni di reclusione.

Il provvedimento è l’epilogo giudiziario dell’operazione 'Ciclopè, compiuta nel 2010 da agenti della Squadra Mobile di Bari, che portò all’arresto di 30 persone appartenenti al gruppo criminale Lapenna, vicino a quello dei Pastore-Campanale, operativo ad Andria per lo più nello spaccio di droga. L'operazione 'Ciclopè ebbe origine dalla morte di due tossicodipendenti, i cui cadaveri furono trovati nelle campagne fra Andria e Barletta. Le indagini si avvalsero di pedinamenti, intercettazioni e appostamenti, ma anche dell’attività di un agente sotto copertura che finse di essere un acquirente di droga.

La polizia appurò che in un’area ai margini del centro cittadino, conosciuta in città come 'la fognà, si svolgeva una sorta di mercato della droga, che gli investigatori definirono attrezzato e organizzato, con vedette munite di radio ricetrasmittenti che provvedevano, dopo un attento filtraggio, a rifornire di droga i numerosi acquirenti, provenienti da tutte le province pugliesi e anche dalle regioni limitrofe.

L'attività investigativa consentì di identificare 300 assuntori di droga e di accertare che l’organizzazione spacciava circa 800 dosi al giorno (tra cocaina ed eroina) per un introito quotidiano di circa 16.000 euro, con un giro d’affari annuo di circa 6 milioni di euro. Nel corso delle indagini vennero sequestrati un chilo e mezzo di cocaina, 3,6 chilogrammi di eroina e un fucile a canne mozze. Successivamente venne anche eseguito un sequestro preventivo di beni – immobili, veicoli, imprese agricole e commerciali e conti correnti – per un valore di circa 10 milioni di euro nei confronti di sette componenti del gruppo Lapenna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400