Giovedì 18 Aprile 2019 | 14:54

NEWS DALLA SEZIONE

Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 
Il punto
«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
PotenzaA potenza
Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

 
TarantoLieto Evento
Martina, nascono 2 cavalli murgesi gemelli: Pamela e Pantaleo

Martina, nascono 2 cavalli murgesi gemelli: Pamela e Pantaleo

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

Ofanto, quella torretta troppo vicina al ponte romano

di PAOLO PINNELLI
CANOSA - La torretta per ammirare il ponte ed il fiume appare troppo vicina al ponte romano sull’Ofanto. Se gli architetti difendono la bontà della posizione, resta il dubbio che - posizionata sull’altra sponda - avrebbe regalato ben più suggestivi panorami ai turisti. A sollevare la questione della ingombrante presenza della torretta è stato il vicepresidente della Fondazione archeologica canosina, Francesco D’Ambra
Ofanto, quella torretta troppo vicina al ponte romano
di PAOLO PINNELLI

CANOSA - Il Ponte romano posto sul l’antica via Traiana, ha consentito per secoli il collegamento tra Canosa e la Daunia, rappresentando un’importante arteria per l’intero meridione. Da qualche tempo, il panorama del ponte lo si può godere anche ad una decina di metri di altezza, salendo su una torretta in legno realizzata con i fondi del progetto «Le porte del Parco fluviale del fiume Ofanto».

Fin qui la situazione. Un cartello, nei pressi della torretta ricorda la realizzazione di una struttura la cui presenza però appare quasi inquietante. Dall’ingresso dello svincolo, infatti, la torretta campeggia già sullo sfondo finendo man mano per apparire - se non proprio ingombrare - la vista della città in lontananza. Un panorama che si «deturpa» definitivamente una volta raggiunta la metà del camminamento del ponte. La «posizione» della torretta è tornata al centro dell’attenzione non più di una settimana fa, nel corso di un incontro indetto dalla Provincia di Barletta Andria Trani, settore Ambiente, gestore provvisorio del Parco Naturale Regionale del Fiume Ofanto. A sollevare la questione della ingombrante presenza della torretta è stato il vicepresidente della Fondazione archeologica canosina, Francesco D’Ambra, rilevandone la poco felice collocazione a ridosso del prestigioso manufatto romano.

Sulla questione era intervenuto in un incontro a Palazzo di città, il presidente dell’Ordine degli architetti della Bat, Giuseppe D’Angelo, affermando e chiarendo che la torretta è un’opera «di buona architettura, nel senso che la stessa è realizzata bene nella sua tecnica costruttiva e rispetta il conteso non solo eco-sistemico ma anche antropico, culturale e storico». Fin qui l’indubbio parere tecnico. Ma la presenza ingombrante della torretta lascia perplessi in ogni caso, soprattutto se si pensa che il suo «scopo» è quello di rendere meglio visibile il fiume Ofanto ed il suo corso.

Il dubbio sorge quando, saliti sulla struttura in legno, dal quel balcone, si scorge ben poco del corso del fiume, e ancora meno del ponte romano se non il solo camminamento. Vengono «meno» invece sia la bellezza del ponte, con le sue arcate, sia il corso del fiume, ed ancor più il panorama. Se avessero posizionato la torretta non già all’inizio del ponte sulla sponda Canosa ma un centinaio di metri più a monte e sulla sponda Cerignola, avrebbe invece regalato ai visitatori un spettacolo ben più affascinante con il tratturo regio, in primo piano, i ruderi di Bagnoli e l’Arco Varrone, con Canosa sullo sfondo. Una «vista» che sarebbe stata più affascinante. Invece si è scelta una posizione tecnicamente forse incontestabile ma esteticamente del tutto discutibile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400