Martedì 23 Aprile 2019 | 22:09

NEWS DALLA SEZIONE

Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa strage
Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

 
LecceL'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
PotenzaLe indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
BariL'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
MateraOperazione della Polizia
Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

 
BatIl furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
BrindisiVento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
TarantoL'operazione dei cc
Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

 

Quasi nullatenente effettuava investimenti Arrestato pregiudicato

BARLETTA - Beni mobili ed immobili, compresi arredi, un complesso aziendale e disponibilità finanziarie per un valore di oltre 4.500.000 euro, sono stati sequestrati dalla Direzione Investigativa Antimafia di Bari al pregiudicato barlettano Cosimo Damiano Iodice, 48 anni, con a carico numerosi precedenti penali
Quasi nullatenente effettuava investimenti Arrestato pregiudicato
BARLETTA - Beni mobili ed immobili, compresi arredi, un complesso aziendale e disponibilità finanziarie per un valore di oltre 4.500.000 euro, sono stati sequestrati dalla Direzione Investigativa Antimafia di Bari al pregiudicato barlettano Cosimo Damiano Iodice, 48 anni, con a carico numerosi precedenti penali. L'uomo, condannato in passato per reati gravi quali estorsione, ricettazione, furto, introduzione nello Stato e commercio di prodotti falsi, nel 2014, è stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Barletta, per aver fatto parte di un’associazione a delinquere dedita alle rapine.

Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Trani, sezione per le Misure di Prevenzione, su proposta del direttore della Dia in applicazione della legge antimafia, ed ha interessato l’impresa di famiglia, che opera nel campo della produzione di abbigliamento, sette appartamenti, di cui un attico con superattico dotato di ascensore interno e composto di undici locali, un terreno e un lastrico solare, tutti nel comune di Barletta, quattro autovetture, quindici rapporti bancari (per l’importo complessivo di 1.200.000 euro) e il contenuto di due cassette di sicurezza.
Gli investigatori della Dia di Bari hanno accertato che, a fronte di un reddito medio dichiarato di 12.800 euro annui che non avrebbe consentito neanche la sopravvivenza del suo nucleo familiare, Iodice ha effettuato investimenti assolutamente sproporzionati.

Il sequestro eseguito dalla Dia, supportata dall’Arma dei carabinieri di Barletta, segna l’epilogo di una attività investigativa che ha impiegato gli strumenti normativi del Codice Antimafia che permettono di colpire economicamente non solo gli appartenenti alle organizzazioni mafiose ma anche coloro che vivono abitualmente di crimini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400