Giovedì 25 Aprile 2019 | 08:00

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
Botta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 
Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

Niente scarcerazione si dimette il sindaco di Trani Rinuncia anche il vicesindaco

TRANI – Si è dimesso nella tarda serata di ieri il sindaco di Trani, Gigi Riserbato (centrodestra), arrestato nell’ambito della inchiesta della procura di Trani, chiamata "Sistema Trani", sul presunto intreccio fra politica e affari, per appalti pilotati. I reati di cui deve rispondere sono di corruzione, concussione, voto di scambio, turbativa d’asta. Insieme con Riserbato furono arrestate, il 20 dicembre scorso, altre cinque persone
Niente scarcerazione si dimette il sindaco di Trani Rinuncia anche il vicesindaco
TRANI – Si è dimesso nella tarda serata di ieri il sindaco di Trani, Gigi Riserbato (centrodestra), arrestato nell’ambito della inchiesta della procura di Trani, chiamata "Sistema Trani", sul presunto intreccio fra politica e affari, per appalti pilotati. I reati di cui deve rispondere sono di corruzione, concussione, voto di scambio, turbativa d’asta. Insieme con Riserbato furono arrestate, il 20 dicembre scorso, altre cinque persone. 

I cinque erano: l’ex amministratore unico di Amiu Antonello Ruggiero, il consigliere comunale Nicola Damascelli, l’ex vice sindaco Giuseppe Di Marzio, il consigliere dimissionario Maurizio Musci e il funzionario comunale dell’ufficio appalti Edoardo Savoiardo. Riserbato si è dimesso dopo che il tribunale del riesame di Bari ha rigettato la sua istanza di scarcerazione, mentre ha disposto il passaggio ai domiciliari per Di Marzio, Musci e Damascelli. Riserbato era stato eletto nell’estate del 2012, a capo di una coalizione di centro destra ed era, dunque, a metà del suo mandato. Con le sue dimissioni si scongiura il pericolo di commissariamento del comune.

A Trani, secondo la legge vigente, si tornerà alle urne in concomitanza con il voto per il rinnovo del consiglio regionale e l’elezione del nuovo presidente della giunta regionale pugliese, probabilmente a marzo 2015.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400